Assegni familiari 2017: tabelle Inps, calcolo, importi e limite di reddito

Redazione - Irpef

Assegni familiari: ecco come fare il calcolo del'importo con le tabelle Inps 2017. Di seguito inoltre una sintesi di chi può richiederli e come presentare domanda.

Assegni familiari 2017: tabelle Inps, calcolo, importi e limite di reddito

Assegni familiari 2017: come si calcolano e chi ha diritto a riceverli?

Per il calcolo degli assegni familiari bisogna utilizzare la tabella che l’Inps ha pubblicato con la circolare n. 87 del 18 maggio 2017.

Gli assegni familiari - ANF vengono erogati in base al calcolo effettuato tenendo in considerazione reddito e composizione del proprio nucleo familiare e, ovviamente, l’importo varia proprio in considerazione di questi elementi.

Con le tabelle assegni familiari aggiornate dall’Inps è possibile effettuare il calcolo di qual è l’importo degli ANF. Si ricorda che per beneficiare degli assegni familiari 2017 ANF è necessario presentare domanda Inps al proprio datore di lavoro e rispettare specifici requisiti.

Vediamo di seguito cosa sono gli assegni familiari, chi può richiederli e come si calcolano.

Assegni familiari: cosa sono?

Gli assegni familiari, anche conosciuti come ANF - Assegno al nucleo familiare, sono un sostegno economico che l’Inps riconosce alle famiglie di lavoratori dipendenti, titolari di pensioni e prestazioni economiche previdenziali, lavoratori assistiti dall’assicurazione contro la tubercolosi.

Per richiedere gli assegni familiari è necessario presentare domanda e non superare il redditi complessivo determinato ogni anno dalla legge e, inoltre, è importante che il nucleo familiare sia corrisposto da più persone.

L’assegno al nucleo familiare viene anticipato dal datore di lavoro direttamente in busta paga al lavoratore beneficiario, eccetto che in casi specifici in cui è l’Inps a pagarlo direttamente al beneficiario.

Calcolo assegni familiari 2017

Hanno diritto a richiedere gli assegni familiari 2017 i contribuenti assoggettati all’imponibile Irpef che non superano determinate soglie di reddito annuo.

Il calcolo degli ANF è effettuato sulla base dei componenti del nucleo familiare, dei redditi conseguiti, con maggiorazioni nel caso di presenza di disabili o di famiglia monogenitoriale.

Per determinare l’importo degli assegni familiari 2017 vengono presi in considerazione tre parametri:

  • reddito del nucleo familiare,
  • numero dei componenti della famiglia anagrafica,
  • fasce di reddito contenute nella tabella Inps di seguito allegata e aggiornata per il periodo che intercorre tra il 1° luglio 2017 e il 31 giugno 2018.

Di seguito le novità, importi, limiti di reddito e calcolo degli assegni familiari 2017 sulla base della circolare Inps n. 87 del 18 maggio 2017.

Tabella assegni familiari 2017

Si riporta di seguito la tabella assegni familiari 2017 aggiornata dall’Inps con la circolare n. 87/2017 utile per effettuare il calcolo dell’importo spettante.

Excel - 694.5 Kb
Tabella assegni familiari 2017 - 2018 Inps
Scarica la tabella assegni familiari 2017 - 2018 aggiornata dall’Inps con reddito, importi e calcolo degli assegni al nucleo familiare ANF

Assegni familiari 2017: tabelle Inps con importi, calcolo e limite di reddito

La circolare Inps n. 87 del 18 maggio 2017 ha istituito gli importi e il limite di reddito per richiedere gli assegni familiari nel 2017.

Le tabelle Inps assegni familiari sono fondamentali per effettuare il calcolo corretto di quanto spetta di diritto.

Non subiscono variazioni gli indicatori necessari per il calcolo degli assegni familiari a causa della variazione in negativo dell’indice Istat.

L’importo degli assegni familiari viene determinato proprio sulla base delle tabelle Inps sull’ANF, nelle quali sono contenute le indicazioni sia sul reddito minimo necessario per richiederli che sul calcolo proporzionato al numero dei componenti del nucleo familiare.

Le tabelle Inps per il calcolo dell’assegno familiare 2017 sono suddivise sulle base della composizione e delle caratteristiche del nucleo familiare, ovvero:

  • nucleo familiare senza figli;
  • nucleo familiare con figli;
  • nucleo familiare senza figli minori.

Ricordiamo che gli assegni familiari vengono erogati sulla base del reddito complessivo del nucleo familiare; nel caso in cui all’interno della famiglia anagrafica siano produttori di reddito da lavoro dipendente o da pensione tutti e due i coniugi, il calcolo dovrà essere effettuato sulla base del reddito complessivo di tutti i componenti del nucleo familiare conseguito nel 2016.

Di seguito la circolare Inps n. 87 del 18 maggio 2017.

PDF - 439 Kb
Circolare Inps n. 87 del 18 maggio 2017
Scarica la circolare Inps numero 87 del 18 maggio 2017 con le novità sugli assegni familiari

Assegni familiari 2017: chi può richiedere gli ANF

Vista la nuova circolare Inps con importi, limiti di reddito e modalità di calcolo degli assegni familiari 2017 facciamo una sintesi su chi può richiedere gli ANF e come presentare domanda Inps.

Possono richiedere l’assegno al nucleo familiare i contribuenti che non superano le soglie di reddito indicate nelle tabelle Inps e che risultano essere:

  • lavoratori dipendenti;
  • lavoratori dipendenti agricoli;
  • lavoratori domestici;
  • lavoratori iscritti alla gestione separata;
  • titolari di pensione a carico del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, dei fondi speciali ed ex ENPALS;
  • titolari di prestazioni previdenziali;
  • lavoratori in altre situazioni di pagamento diretto.

Come si è già avuto modo di ribadire, il calcolo assegni familiari prende come riferimento diversi fattori. Sul sito dell’Inps si legge che l’importo dell’assegno al nucleo familiare - ANF - è calcolato in base alla tipologia del nucleo familiare, del numero dei componenti e del reddito complessivo del nucleo. Sono previsti importi e fasce reddituali più favorevoli per situazioni di particolare disagio.

L’assegno familiare è di norma anticipato in busta paga da parte del datore di lavoro mentre lo paga direttamente l’Inps quando il richiedente si trova in una delle seguenti situazioni occupazionali:

  • addetto ai servizi domestici;
  • iscritto alla gestione separata;
  • operaio agricolo dipendente a tempo determinato;
  • lavoratore di ditte cessate o fallite;
  • beneficiario di altre prestazioni previdenziali.

Ricordiamo che a seguito dell’entrata in vigore della Legge Cirinnà possono beneficiare dell’assegno al nucleo familiare anche le coppie unite civilmente, i quali diritti vengono equiparati a quanto previsto per i coniugi.

Assegni familiari 2017: come presentare domanda Inps

Per beneficiare degli assegni familiari i lavoratori dipendenti o pensionati dipendenti devono presentare domanda ogni anno e comunicare eventuali variazioni nella composizione del nucleo familiare entro 30 giorni dall’evento.

Per coloro che svolgono attività di lavoro dipendente, la domanda deve essere presentata al datore di lavoro utilizzando il modulo ANF/DIP (SR16) presente sul sito dell’Inps. In questo caso gli assegni familiari 2017 e l’importo dovuto sarà anticipato dal datore di lavoro.

Alla domanda bisognerà allegare l’Autorizzazione ANF dell’Inps nel caso di calcolo dell’assegno familiare per genitori separati o presenza di maggiorenni inabili nel nucleo familiare.

Per i lavoratori per i quali è previsto il pagamento diretto da parte dell’Istituto la domanda di assegni familiari 2017 dovrà essere inviata direttamente all’Inps in modalità telematica.