Aumento pensioni: i trattamenti sopra i 2.101 euro saranno erogati con la rivalutazione da marzo 2023

Francesco Rodorigo - Pensioni

L'INPS con il comunicato stampa del 24 gennaio 2023 avvisa che i pensionati con trattamenti di importo superiore a 2.101,52 euro riceveranno la pensione rivalutata dal mese di marzo. In questo mese saranno pagati anche gli arretrati di gennaio e febbraio

Aumento pensioni: i trattamenti sopra i 2.101 euro saranno erogati con la rivalutazione da marzo 2023

I pensionati che beneficiano di trattamenti con un importo superiore a 4 volte quello minimo riceveranno la pensione rivalutata il prossimo marzo.

Nello stesso mese saranno erogati anche gli arretrati relativi ai mesi di gennaio e febbraio.

Slitta di un mese, dunque, la rivalutazione degli importi sopra i 2.100 euro prevista per febbraio. Ad annunciarlo è l’INPS tramite il comunicato stampa pubblicato il 24 gennaio 2023.

La rivalutazione delle pensioni al 100 per cento per i trattamenti fino a quattro volte il minimo, invece, è stata attribuita dal 1° gennaio.

Aumento pensioni: i trattamenti sopra i 2.101 euro saranno erogati con la rivalutazione da marzo

Tramite il comunicato stampa del 24 gennaio 2023, l’INPS fornisce un aggiornamento riguardo l’attribuzione della rivalutazione delle pensioni per i trattamenti oltre 4 volte il minimo.

Si tratta dell’aumento delle pensioni previsto dalla Legge di Bilancio 2023 in percentuale diversa a seconda dell’importo del trattamento percepito.

L’INPS sottolinea di aver provveduto dal 1° gennaio ad attribuire la rivalutazione al 100 per cento delle pensioni e delle prestazioni assistenziali in favore di tutti i cittadini che nel 2022 hanno ricevuto rate di importo pari o inferiore a 2.101,52 euro, cioè fino a 4 volte il trattamento minimo.

Per tutti gli altri pensionati, quindi chi percepisce trattamenti di importo superiore a 2.101,52 euro, l’INPS attribuirà la rivalutazione nel mese di marzo.

Come specificato dall’INPS nella circolare n. 135 del 22 dicembre 2022, infatti, per evitare di erogare somme potenzialmente indebite, dal 1° gennaio 2023 sono stati rivalutati solamente i trattamenti fino a 4 volte il minimo pagato nel 2022, dato che non sono stati coinvolti dalle novità.

Per tutti gli altri l’Istituto aveva rimandato l’appuntamento alla prima rata utile dopo l’approvazione della Legge di Bilancio 2023, cioè febbraio. Come chiarito nel comunicato stampa del 24 gennaio, però, l’aumento delle pensioni per questi soggetti scatterà a marzo.

Come funziona la rivalutazione delle pensioni con le novità della Legge di Bilancio 2023

La rivalutazione annuale, cosiddetta perequazione, è concessa in percentuali diverse sulla base dell’importo annuale in pagamento, così come previsto dalla Legge di Bilancio 2023 al comma 309 dell’art. 1.

La Manovra, infatti, ha previsto importanti novità che modificano le modalità di attribuzione dell’aumento.

Come stabilito dal decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze dello scorso 10 novembre (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 271 del 19 novembre 2022), la percentuale di variazione utilizzata per la rivalutazione è stata fissata al 7,3 per cento.

I trattamenti di importo inferiore o uguale a 2.101,52 euro possono beneficiare dell’aumento pieno, al 100 per cento. In tutti gli altri casi, la rivalutazione viene attribuita secondo le 6 nuove fasce di reddito individuate dalla Manovra e riportate nella tabella.

RivalutazioneImporto del trattamentoEuro
85 per cento pari o inferiori a 5 volte il minimo tra 2.101,52 e 2.625 euro
53 per cento pari o inferiori a 6 volte il minimo tra 2.626 e 3.152 euro
47 per cento pari o inferiori a 8 volte il minimo tra 3.153 e 4.203 euro
37 per cento pari o inferiori a 10 volte il minimo tra 4.204 e 5.253 euro
32 per cento superiore a 10 volte il minimo oltre 5.254 euro
INPS - Comunicato stampa del 24 gennaio 2023
Perequazione delle pensioni - A marzo termina la rivalutazione con l’erogazione degli arretrati

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network