Internazionalizzazione imprese, dal MISE finanziamenti per l’e-commerce

Rosy D’Elia - Incentivi alle imprese

Internazionalizzazione imprese: dal MISE finanziamenti per creare e gestire una piattaforma e-commerce con l'obiettivo di valorizzare i prodotti italiani nei Paesi extra-UE. Come presentare domanda tramite il portale SACE SIMEST.

Internazionalizzazione imprese, dal MISE finanziamenti per l'e-commerce

L’internazionalizzazione delle imprese passa anche attraverso il commercio elettronico: il Ministero dello Sviluppo Economico ha dato il via ai finanziamenti per la creazione e la gestione di piattaforme e-commerce, che si pongono l’obiettivo di valorizzare i prodotti italiani sui mercati extra Ue.

Tutte le imprese con sede legale in Italia costituite in forma di società di capitali, con almeno due bilanci depositati presso il Registro imprese possono presentare domanda tramite il portale dedicato SACE SIMEST.

I finanziamenti per l’e-commerce, insieme alle agevolazioni per l’inserimento temporaneo in azienda di un Temporary Export Manager (TEM), rappresentano due nuovi strumenti messi a disposizione del MISE per l’internazionalizzazione delle imprese.

Previsti dal Decreto ministeriale dell’8 aprile 2019, diventano accessibili con le circolari attuative del 25 luglio.

Internazionalizzazione imprese, verso i paesi extra UE con i finanziamenti per l’e-commerce

Come si legge nella scheda informativa pubblicata il 25 luglio 2019 sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico, i finanziamenti agevolati per l’e-commerce sono finalizzati “a sostenere l’attività realizzata attraverso una piattaforma informatica, sviluppata in proprio o tramite soggetti terzi (market place), per la distribuzione di beni o servizi prodotti in Italia o con marchio italiano. Il programma deve riguardare un solo Paese di destinazione extra-UE, nel quale registrare un dominio di primo livello nazionale”.

Il finanziamento copre il 100% delle spese preventivate e prevede un tasso agevolato del 10% del tasso di riferimento di cui alla normativa comunitaria vigente alla data della delibera di concessione del finanziamento. Dura 4 anni, di cui 3 di ammortamento, e prevede due tranche:

  • l’anticipo, pari al 50% dell’importo, viene concesso entro 30 gg dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive del contratto;
  • il saldo, che viene erogato sulla base della rendicontazione delle spese sostenute dall’impresa.

Rientrano tra le spese ammissibili i costi necessari per le seguenti attività:

  • creazione e sviluppo di una propria piattaforma informatica destinata all’e-commerce;
  • gestione/funzionamento della propria piattaforma informatica/market place;
  • promozione e formazione connesse allo sviluppo del programma.

L’importo massimo che si può richiedere ammonta a 300.000 euro, e in ogni caso non può superare il 12,5% dei ricavi medi che risultano dagli ultimi due bilanci depositati.

Come si legge nella circolare numero 1/394/2019 del MISE, l’agevolazione può essere richiesta nei seguenti limiti:

  • 25.000 euro importo minimo;
  • 200.000 euro importo massimo per l’utilizzo di un market place fornito da terzi;
  • 300.000 euro importo massimo per la realizzazione di una piattaforma propria.

Internazionalizzazione imprese, come presentare domanda per i finanziamenti destinati all’e-commerce

Le società di capitali che intendono accedere al finanziamento agevolato per l’e-comerce devono presentare domanda seguendo la procedura prevista dal portale www.sacesimest.it.

Accesso libero anche per le reti di aziende che hanno una autonoma soggettività giuridica dal momento che hanno sottoscritto un loro contratto di Rete.

La richiesta di finanziamento per essere valida deve essere presentata esclusivamente onilne.

Nella vetrina delle possibilità offerte alle aziende del portale SACE SIMEST, è necessario scegliere l’opzione “sviluppare l’e-commerce della tua impresa” e registrarsi al portale prima di cominciare l’iter per accedere al finanziamento.

Come si legge nel testo della circolare attuativa, la domanda deve essere sottoscritta digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa richiedente e deve essere trasmessa tramite la piattaforma.

Se la società ha presentato tutta la documentazione necessaria per accedere al finanziamento per creare e gestire una piattaforma e-commerce con l’obiettivo di potenziare i prodotti italiani sui mercati extra UE, la richiesta sarà esaminata appena possibile dal Comitato Agevolazioni.

Chi beneficia dell’agevolazione deve rispettare una serie di obblighi:

  • conservare in originale fino al totale rimborso del finanziamento, con riferimento alle spese finanziate:
    • evidenza delle spese sostenute;
    • cedolini paga o documenti equivalenti relativamente al personale stabilmente adibito al programma;
    • documentazione bancaria attestante il pagamento degli importi finanziati;
    • ogni ulteriore documentazione inerente il finanziamento.
  • fornire a SIMEST, in copia dichiarata conforme all’originale dal legale rappresentante, rendicontazione e relazione finale, entro 15 giorni di calendario dalla richiesta SIMEST.

Tutti i dettagli sui finanziamenti per l’e-commerce nel testo integrale della circolare numero 1/394/20191 pubblicata il 25 luglio 2019.

PDF - 157.2 Kb
Ministero dello Sviluppo Economico - Circolare numero 1/394/2019
Programmi per lo sviluppo del commercio elettronico (e-commerce) in Paesi extra UE.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it