Fattura elettronica e altri temi caldi: Garavaglia apre Telefisco 2019

Rosy D’Elia - Fisco

Fattura elettronica, regime forfettario e flat tax, DDL semplificazioni: i temi caldi del fisco nell'intervista a Massimo Garavaglia durante l'evento organizzato da Il Sole 24 Ore.

Fattura elettronica e altri temi caldi: Garavaglia apre Telefisco 2019

Fattura elettronica, regime forfettario e flat tax, DDL semplificazioni: sono questi i temi fiscali più caldi che Massimo Garavaglia ha affrontato durante l’intervista che ha aperto Telefisco 2019, l’evento annuale organizzato da Il Sole 24 Ore per fare il punto su novità e nodi da sciogliere.

Il sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze nel governo Conte è partito dal tema più spinoso del momento: l’obbligo della fatturazione elettronica introdotto dal 1° gennaio 2019.

“Per noi è una follia. Noi, la fatturazione elettronica, non l’abbiamo scelta, ma l’abbiamo subita. Era stato stimato un gettito di 2 miliardi e per toglierla servivano 2 miliardi veri. Impossibile, non li abbiamo trovati.”

Fattura elettronica e altri temi caldi: le parole di Garavaglia aprono Telefisco

Sulla fattura elettronica, secondo il Sottosegretario, il governo non ha avuto scelta, l’unica via possibile e meno dolorosa per tutti è quella che si sta percorrendo: “un avvio soft”.

“Abbiamo scelto di non mettere in difficoltà i contribuenti: in questa prima fase si chiuderà un occhio sui ritardi. Un ritardo nell’adozione della fattura elettronica comporterebbe ulteriori problemi.”

E sul tema conclude con una vena di sarcasmo:

“In Italia c’è sempre una proroga. Questa volta la proroga non c’è stata.”

Nella lista dei temi più dibattuti in questo periodo, in seconda posizione c’è il regime forfettario: le nuove regole d’accesso delineate dalla Legge di Bilancio 2019 sollevano dubbi e accendono la discussione tra gli addetti ai lavori.

Per Massimo Garavaglia, invece, il regime forfettario è un primo passo verso la Flat Tax, quella vera, che è l’obiettivo finale.

Un regime forfettario aggressivo”, così Massimo Garavaglia definisce la nuova veste della tassazione agevolata.

Abbiamo deciso di partire con i più deboli, regime dei minimi. Il regime forfettario consentirà di fare tanto PIL a un milione e mezzo di persone. L’anno prossimo sarà l’anno della flat tax per i dipendenti e le persone fisiche, abbassando l’irpef per tutti con una prima aliquota al 20%. Da lì, poi, arriveremo alla flat tax anche per le famiglie.

Semplificazioni fiscali: Garavaglia parla di un pacchetto normativo ad hoc

Semplificazione è un’altra parola centrale del momento. Approvato al Senato il DDL Semplificazioni il 29 gennaio, secondo Massimo Garavaglia il provvedimento non è abbastanza.

“Il DDL semplificazioni ha ripreso alcuni temi esclusi da Legge di Bilancio e ha l’ha completata. Stiamo pensando a un pacchetto completo e organico per le semplificazioni fiscali. Abbiamo introdotto la fattura elettronica, sfruttiamola fino in fondo, usiamo i dati che sono già in nostro possesso: le dichiarazioni IVA, ad esempio, diventano inutili”.

Se sulle semplificazioni c’è molto da lavorare, i frutti della rottamazione ter, secondo Garavaglia, si stanno già raccogliendo. Eppure molti contribuenti attendevano il condono che non è mai più arrivato.

“Sta andando molto bene la rottamazione ter, 205 mila le adesioni, un successo, d’altronde si tratta di una misura attesa e appetibile”.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it