Decreto Legge 50/2017: testo ufficiale pdf. Ecco tutte le novità fiscali

Giuseppe Guarasci - Fisco

Decreto Legge 50/2017 pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 24 aprile 2017. Quali sono le novità fiscali e cosa cambia? Di seguito il testo integrale e la sintesi di cosa cambia e quali i punti critici.

Decreto Legge 50/2017: testo ufficiale pdf. Ecco tutte le novità fiscali

Il testo del DL 50/2017 introduce importanti novità fiscali per imprese, cittadini e professionisti. Il Decreto Legge 50/2017 nella sua versione definitiva e con testo integrale è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 24 aprile 2017 ed è entrato in vigore in via immediata.

La meglio nota Manovrina dovrà essere convertita in legge dal Parlamento entro 60 giorni, con la possibilità di modifiche alle novità fiscali introdotte che, a dire il vero, tutto fanno fuorché accontentare i contribuenti.

Il D.L. 50/2017 interviene su una molteplicità di materie e lo fa in modo davvero pesante per professionisti e imprese, nell’ambito di un sistema economico sempre più in crisi non solo di investimenti ma anche di tipo normativo e sistemico. Le novità fiscali introdotte dalla manovra correttiva riguardano lo split payment IVA, la normativa sulla compensazione IVA e delle altre imposte nel modello F24, il regime fiscale delle locazioni brevi, l’aumento della tassazione su accise e giochi, la rideterminazione della base imponibile ACE, la programmazione (con parziale riduzione) dell’aumento delle aliquote IVA e l’estensione della rottamazione delle cartelle Equitalia a tutte le liti pendenti con l’Agenzia delle Entrate.

Insomma, un vero e proprio provvedimento monstre: imprese, professionisti e contribuenti saranno fortemente penalizzati. Il decreto legge 50/2017, infatti, aumenta ancora gli adempimenti fiscali a carico di imprese e professionisti, oltre ad aumentare la tassazione complessiva (IVA, accise, giochi, limitazione alle compensazioni e riduzione del periodo di fruibilità del diritto alla detrazione dell’IVA).

Ecco il testo ufficiale del DL 50/2017 e tutte le novità fiscali introdotte dal Governo.

Decreto Legge numero 50 del 24 aprile 2017, ecco il testo ufficiale in formato .pdf:

PDF - 1.8 Mb
Decreto Legge 50/2017: testo ufficiale in formato .pdf
Clicca sull’icona per eseguire il download del testo ufficiale del Decreto Legge 50/2017 che introduce nuovi pesanti obblighi su imprese e professionisti, oltre ad aumentare ancora la pressione fiscale

Complessivamente, il DL 50/2017 è una manovra da circa 3,4 miliardi di euro, varata dal Governo Gentiloni per correggere i conti usciti dalla Legge di Bilancio 2017 fortemente criticata da Bruxelles. Uno degli aspetti paradossali di questa vicenda, infatti, è proprio il fatto che gli esponenti del Governo neghino qualsiasi aumento della tassazione. Ma non è così, ed ormai è chiaro a tutti.

Il Decreto Legge 50/2017, infatti, introduce nuovi, pesanti e costosi obblighi per professionisti e imprese, oltre non sterilizzare completamente il drammatico aumento delle aliquote IVA a partire dal 2018.

Ecco tutti i numeri del provvedimento nella seguente tabella:

PDF - 1.1 Mb
Tutti i numeri del Decreto Legge 50/2017
DL 50/2017: ecco tutti i numeri della manovra con cui il Governo Gentiloni rettifica la Legge di Bilancio 2017 varata dal Governo Renzi

Ma quali sono le novità introdotte dal Decreto Legge 50/2017?

DL 50/2017, dopo il testo ufficiale ecco l’elenco di tutte le novità fiscali introdotte:

  • disposizioni di contrasto all’evasione fiscale (articolo 1) che estende lo split payment IVA ai professionisti a partire dal 1° luglio 2017;
  • modifiche all’esercizio del diritto alla detrazione IVA a credito sugli acquisti (articolo 2), il nuovo comma 1 dell’articolo 19 del d.p.r. 633/1972 recita che: “Il diritto alla detrazione dell’imposta relativa ai beni e servizi acquistati o importati sorge nel momento in cui l’imposta diviene esigibile ed è esercitato al più tardi con la dichiarazione relativa all’anno in cui il diritto alla detrazione è sorto ed alle condizioni esistenti al momento della nascita del diritto medesimo”. Prima dell’entrata in vigore del DL 50/2017, tale diritto poteva essere esercitato entro il secondo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione IVA relativa al periodo d’imposta considerato;
  • disposizione in materia di contrasto alle indebite compensazioni (articolo 3). Viene abbassato il limite delle compensazioni dei crediti IVA da 15.000 a 5.000; viene, inoltre, introdotto l’obbligo di inviare telematicamente tramite Entratel/Fisconline i modelli F24 contenti compensazioni con le imposte sui redditi e relative addizionali, ritenute alla fonte, imposte sostitutive alle imposte sul reddito, Irap e crediti d’imposta da indicare nel quadro RU. In altre parole, a partire dal 24 aprile 2017 tutte le compensazioni di qualsiasi imposta e di qualsiasi importo eseguite da soggetti titolari di partita IVA devono transitare da Entratel o Fiscoonline. Fino al 23 aprile, invece, l’obbligo c’era solo per compensazioni IVA superiori a 5.000 euro. Inoltre non sarà più possibile compensare con modello F24 le imposte richieste dall’ufficio in seguito al recupero di crediti indebitamente utilizzati che dovranno quindi essere obbligatoriamente versati;
  • disposizioni in materia di accise sui tabacchi e disposizioni in materia di giochi (articoli 5 e 6);
  • rideterminazione della base imponibile ACE (articolo 7). Acconti delle imposte da ricalcolare per effetto delle modifiche introdotte alla normativa sull’Ace;
  • avvio della sterilizzazione delle clausole di salvaguardia concernenti le aliquote IVA e delle accise (articolo 9). L’aumento dell’Iva è stato ridotto ma non eliminato:
    • per l’aliquota intermedia del 10%, si prevede che nel 2018 l’aliquota sarà fissata all’11,5% (in luogo del 13%);
    • per l’aliquota ordinaria del 22% ad oggi si prevede di passare all’aliquota del 25% nel 2018, al 25,4% nel 2019 per poi scendere al 24,9% nel 2020 e ritornare al 25% dal 2021;
    • nuovo aumento delle accise sulla benzina viene fissato per il 2019;