Super e Iper ammortamento 2017: la circolare 4/E dell’Agenzia delle Entrate

Redazione - Dichiarazione dei redditi

L'Agenzia delle Entrate pubblica la circolare n. 4/E con importanti chiarimenti su Super e Iper ammortamento 2017, le agevolazioni per chi investe in Industria 4.0. Ecco i chiarimenti su requisiti e beni agevolabili.

Super e Iper ammortamento 2017: la circolare 4/E dell'Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 4/E pubblicata il 30 marzo 2017 fornisce le linee guida e i chiarimenti per fruire del super ammortamento al 140% e dell’iper ammortamento al 250%.

Le due agevolazioni rientranti nel piano Industria 4.0 sono state approvate con la Legge di Bilancio 2017 e prevedono particolari vantaggi per le imprese che investono in tecnolgia e digitalizzazione; con la circolare dell’Agenzia delle Entrate il super ammortamento e l’iper ammortamento prendono ufficialmente il via.

Con la Legge di Bilancio 2017 è stata inoltre prevista una maggorazione di ammortamento del 40% nel caso di investimenti in beni strumentali immateriali; l’obiettivo è quello di dare maggiori agevolazioni alle imprese che vogliono investire nella trasformazione tecnologica e digitale.

Super ammortamento e Iper ammortamento rientrano nel piano Industria 4.0 e la circolare n. 4/E dell’Agenzia delle Entrate e del MISE fornisce i necessari chiarimenti, l’elenco dei beni agevolabili e alcuni esempi di deduzione prevista.

Super e Iper ammortamento 2017: la circolare 4/E dell’Agenzia delle Entrate

Nella circolare n. 4/E del 31 marzo 2017 l’Agenzia delle Entrate illustra nel dettaglio quali sono i requisiti e i beni agevolabili con super ammortamento e iper ammortamento.

In sostanza le due agevolazioni legate ad investimenti in alta tecnologia e digitalizzazione industriale consistono nella possibilità per l’imprenditore e il lavoratore autonomo di maggiorare il costo di acquisizione beni materiali strumentali nuovi del 40 per cento ai soli fini delle imposte sui redditi e con esclusivo riferimento alla determinazione delle quote di ammortamento e dei canoni di leasing e del 150% nel caso di investimenti funzionali alla digitalizzazione industriale, ma esclusivamente per i titolari di reddito d’impresa.

Con la circolare, l’Agenzia delle Entrate ha diffuso anche un comunicato stampa, riportato di seguito, nel quale è inserita una tabella che evidenzia gli effetti della maggiorazione, per un investimento di 1 milione di euro, con l’applicazione di super ammortamento al 140% e di iper ammortamento al 250%.

Ammortamento ordinario Super ammortamento 140% Iper ammortamento 250%
importo deducibile ai fini IRES 1.000.000 1.400.000 2.500.000
Risparmio d’imposta 240.000 336.000 600.000
Costo netto dell’investimento 760.000 664.000 400.000
Maggior risparmio sul costo netto 9,60% 36,00%

Ecco di seguito il comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate pubblicato il 30 marzo 2017.

PDF - 243.6 Kb
Super e Iper ammortamento 2017: comunicato stampa Agenzia delle Entrate
Scarica il comunicato stampa del 30 marzo 2017 dell’Agenzia delle Entrate

Super e Iper ammortamento 2017: requisiti e linee guida nella circolare n. 4/E

La circolare n. 4/E redatta da Agenzia delle Entrate e Ministero dello Sviluppo Economico, pubblicata nella serata del 31 marzo 2017 fornisce importanti chiarimenti su beni agevolabili, requisiti e maggiorazione deducibile ai fini Ires con Super e Iper ammortamento 2017.

Ecco di seguito la circolare n. 4/E da scaricare e, successivamente, alcuni dei chiarimenti contenuti.

PDF - 1.2 Mb
Circolare n. 4/E del 30 marzo 2017 - Agenzia delle Entrate
Ecco la circolare dell’Agenzia delle Entrate con le linee guida per richiedere super e iper ammortamento

La Legge di Bilancio ha prorogato il termine per fruire del super ammortamento fino al 30 giugno 2018 nel rispetto di alcune condizioni:

  • entro la data del 31 dicembre 2017 il relativo ordine risulti accettato dal venditore;
  • sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20 per cento del costo di acquisizione.

In merito all’Iper ammortamento al 250% ricordiamo che requisito fondamentale per accedere alla maggiorazione del 150% del costo ammortizzabile è che il bene risulti interconnesso, ovvero rientri in una delle seguenti categorie:

  • beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati o gestito tramite opportuni sensori e azionamenti;
  • sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità;
  • dispositivi per l’interazione uomo macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro in logica «4.0».

Anche per l’Iper ammortamento è concessa la maggiorazione del 40% nel caso di investimenti in beni digitali immateriali (software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni) connessi a investimenti in beni materiali Industria 4.0.

Nella circolare n. 4/E dell’Agenzia delle Entrate sono contenuti gli allegati A e B con tutti i dettagli su beni agevolabili con super e iper ammortamento al 140% e al 250%.

Cerchiamo di seguito di fare un riepilogo di chi può richiederli e come funzionano le due agevolazioni per imprese e professionisti.

Iper ammortamento 250%: chi può richiederlo?

L’Iper ammortamento al 250% è rivolto esclusivamente ai soggetti titolari di redditi d’impresa, a differenza dell’super ammortamento rivolto nel 2017 anche agli esercenti arti e professioni.

La maggiorazione del costo deducibile ai fini Ires è concessa in relazione a beni ad alta digitalizzazione funzionali all’attività d’impresa, anche acquistati in leasing, ed è possibile usufruire dello sgravio fino al 30 giugno 2018 nel rispetto delle condizioni sopra indicate illustrate con la circolare dell’Agenzia delle Entrate.

Per approfondire consigliamo di leggere -> Iperammortamento 250 per cento 2017: elenco beni agevolabili

Super ammortamento 140%: cos’è

Il super ammortamento 2017 al 140 per cento è una deduzione extra contabile: si tratta, in particolare, di una variazione in diminuzione della base imponibile su cui calcolare le imposte.

A differenza di quanto previsto per l’iper ammortamento, la maggiorazione in questo caso può essere richiesta da tutti i contribuenti titolari di reddito di impresa e di lavoro autonomo, eccetto che i contribuenti titolari di partita Iva in regime forfettario (ammessi al contrario i titolari di p.Iva in regime dei minimi).

Per approfondire consigliamo di leggere -> Super ammortamento 140%: cos’è e come funziona?