Scadenze fiscali novembre 2017: comunicazioni Iva, imposte sui redditi e rottamazione

Redazione - Scadenze fiscali

Scadenze fiscali novembre 2017: un mese ricco di adempimenti fiscali, a partire dalla comunicazione delle Lipe Iva trimestrali, il secondo acconto delle imposte sui redditi e il versamento delle rate di rottamazione Equitalia e non solo. Ecco il calendario completo.

Scadenze fiscali novembre 2017: comunicazioni Iva, imposte sui redditi e rottamazione

Scadenze fiscali novembre 2017: calendario degli adempimenti fiscali ricco di appuntamenti per contribuenti e intermediari.

A caratterizzare l’elenco degli adempimenti fiscali di novembre vi sono, oltre agli adempimenti periodici Inps, Iva e Irpef, la scadenza per l’invio della comunicazione delle liquidazioni Iva trimestrali e il versamento del secondo acconto delle imposte sui redditi 2017.

Non solo: entro il 30 novembre 2017 i contribuenti che hanno aderito alla rottamazione delle cartelle Equitalia, alla definizione agevolata delle liti pendenti e alla voluntary disclosure dovranno effettuare il versamento della rata prevista in caso di pagamento dilazionato.

Un mese pieno di scadenze fiscali e, di seguito, vediamo l’elenco degli adempimenti previsti per il mese di novembre 2017.

Scadenze fiscali 16 novembre 2017: adempimenti periodici Inps, Irpef e Iva

Il calendario delle scadenze fiscali di novembre 2017 si apre con gli adempimenti periodici relativi ai versamenti Iva, Irpef e Inps.

Entro la scadenza del 16 novembre i sostituti d’imposta dovranno procedere con il versamento delle ritenute Irpef alla fonte a titolo di acconto sui redditi da lavoro dipendente e assimilati corrisposti nel mese di ottobre, comprensivi di addizionali comunali e regionali.

Sempre in relazione agli adempimenti Irpef, si ricorda che entro la stessa scadenza bisogna versare le ritenute alla fonte operate sui redditi da lavoro autonomo, provvigioni per rapporti di commissione, agenzia, mediazione e rappresentanza corrisposti ad ottobre 2017. Il versamento dovrà essere effettuato con modello F24 utilizzando il codice tributo 1040, periodo di competenza 10/2017.

Lo stesso modello F24 può essere utilizzato per il versamento dei contributi Inps dovuti dal datore di lavoro sulle retribuzioni di agosto 2017.

Si ricorda che sempre in merito agli adempimenti Inps in scadenza il 16 novembre 2017 artigiani e commercianti dovranno procedere con il versamento della terza rata dei contributi fissi.

Entro la scadenza del 16 novembre 2017 i contribuenti titolari di partita Iva dovranno versare la rate delle imposte da dichiarazione dei redditi e dichiarazione Iva relativi al periodo d’imposta 2016 in caso di rateizzazione di saldo e acconto.

Infine, per quanto riguarda gli adempimenti Iva, entro la scadenza del 16 novembre 2017 sarà necessario effettuare i seguenti adempimenti periodici:

  • versamento IVA di competenza ottobre 2017 per i contribuenti con obbligo di liquidazione Iva mensile. Il versamento deve essere effettuato con modello F24 e codice tributo 6010 nella sezione erario;
  • versamento IVA di competenza terzo trimestre 2017 per i contribuenti a liquidazione Iva trimestrale. In questo caso bisognerà utilizzare il codice tributo 6033.

Scadenze fiscali 27 novembre 2017: invio modello Intrastat contribuenti mensili

I contribuenti che effettuano operazioni di cessioni o prestazioni di servizi con operatori intracomunitari dovranno trasmettere il modello Intrastat entro la scadenza di lunedì 27 novembre 2017.

L’adempimento riguarda i contribuenti con obbligo mensile, ovvero che effettuano operazioni intracomunitarie per un importo maggiore a 50.000 euro a trimestre. I dati da trasmettere con gli elenchi riepilogativi Intrastat riguardano cessioni e\o prestazioni di servizi Intra UE relative a operazioni del mese di ottobre 2017.

Per maggiori dettagli e per le istruzioni su dati da trasmettere e modalità di invio dei modelli Intrastat i lettori possono consultare la guida dedicata.

Scadenze fiscali 30 novembre 2017: comunicazione Lipe Iva III trimestre 2017

Il 30 novembre 2017 sarà una data da segnare in rosso sul calendario degli adempimenti fiscali del mese.

La prima importante scadenza fiscale del 30 novembre riguarda l’invio della comunicazione delle liquidazioni Iva trimestrali del terzo trimestre 2017.

Si tratta di uno dei nuovi adempimenti Iva introdotti a partire dal 2017: l’invio delle Lipe trimestrali 2017 potrà essere effettuato esclusivamente in modalità telematica, secondo le istruzioni diffuse dall’Agenzia delle Entrate.

Per ulteriori dettagli, i lettori possono consultare l’approfondimento dedicato a regole sui dati obbligatori da trasmettere e le istruzioni sulle modalità di invio della comunicazione delle liquidazioni Iva trimestrali 2017.

Scadenze fiscali, entro il 30 novembre 2017 il versamento del secondo acconto imposte sui redditi

Arrivando ormai in chiusura del mese, si segnala che entro la scadenza del 30 novembre 2017 sarà necessario effettuare il versamento del secondo acconto delle imposte da dichiarazione dei redditi.

Più nel dettaglio, sarà necessario effettuar i versamenti di Irpef, Irap, Ires, cedolare secca, imposta sostitutiva, Ivafe e Ivie relativi al periodo d’imposta 2016 ovvero derivanti da dichiarazione dei redditi 2017.

Il 30 novembre 2017 la scadenza per le rate di rottamazione cartelle Equitalia, voluntary disclosure e liti fiscali pendenti

A chiudere un mese ricco di adempimenti vi sono le scadenze relative al versamento della rata per i contribuenti che hanno aderito alla rottamazione delle cartelle Equitalia, alla definizione agevolata delle liti fiscali e alla voluntary disclosure.

Per quanto riguarda la rottamazione delle cartelle Equitalia, entro la scadenza del 30 novembre 2017 è necessario pagare la terza rata del debito oggetto di definizione agevolata.

Si ricorda che per effetto delle novità previste dal Decreto Fiscale 148/2017 i contribuenti che non hanno pagato le rate in scadenza a luglio e settembre 2017 potranno mettersi in regola e non decadere dalla rottamazione delle cartelle Equitalia.

Viene infatti consentito ai debitori di versare l’importo delle due rate scadute e non pagate a luglio o settembre 2017 entro il 30 novembre 2017.

La scadenza del 30 novembre 2017 riguarda, inoltre, il termine ultimo per il versamento della terza rata per chi ha aderito alla voluntary disclosure e della seconda rata di definizione agevolata delle liti fiscali pendenti con l’Agenzia delle Entrate.