Ufficiale: proroga spesometro al 5 ottobre 2017

Giuseppe Guarasci - Comunicazioni IVA e spesometro

Proroga spesometro 2017: scadenza fissata al 5 ottobre 2017 ma sanzioni non applicate fino al 13 ottobre in caso di problemi riscontrati dall'Agenzia delle Entrate. Per i commercialisti non basta ed è ancora polemica.

Ufficiale: proroga spesometro al 5 ottobre 2017

Spesometro 2017: proroga della scadenza al 5 ottobre 2017, come previsto è stato pubblicato nella giornata di ieri il comunicato stampa ufficiale dell’Agenzia delle Entrate che rinvia il termine ultimo per l’invio telematico della comunicazione dati fatture emesse e ricevute.

Una situazione paradossale che ha reso necessario prorogare la scadenza per l’invio telematico dello spesometro 2017. Già da tempo si ipotizzava una quarta proroga dello spesometro 2017: come anticipato da Informazione Fiscale sin dai giorni immediatamente successivi al comunicato del Mef dello scorso 7 settembre, è arrivato il quarto rinvio della scadenza dello spesometro.

Si tratta di un fatto inevitabile alla luce del caos che si è generato la scorsa settimana, con la sospensione del portale online fatture e corrispettivi.

La proroga ufficiale dello spesometro 2017 al prossimo 5 ottobre lascia interdetti professionisti e imprese.

Nel comunicato ufficiale, infatti, l’Agenzia delle Entrate introduce una sorta di margine di tolleranza per effetto del quale gli invii effettuati fino al 20 ottobre successivo potranno essere considerati validi ove gli uffici territoriali lo ritengano ammissibile. Insomma una sorta di comunicato stampa avente forza di legge, siamo davvero nel caos più totale ed è davvero impossibile lavorare in queste condizioni.

Proroga ufficiale spesometro 2017 al 5 ottobre: comunicato Agenzia delle Entrate

È ufficiale la proroga dello spesometro primo semestre 2017 al 5 ottobre con margine di tolleranza fino al prossimo 27 ottobre.

Ecco il testo ufficiale del comunicato dell’Agenzia delle Entrate:

Agenzia delle entrate comunica che il servizio web ‘Fatture e Corrispettivi’, temporaneamente sospeso dalla serata del 22 settembre scorso, sarà nuovamente disponibile agli utenti entro domani, martedì 26, a valle di alcuni interventi correttivi effettuati da Sogei, che gestisce il sistema informativo dell’Anagrafe Tributaria.

Il servizio web per l’invio dei dati delle fatture sarà quindi ripristinato, con l’eccezione di alcune funzionalità sulle quali sono in corso ancora interventi da parte di Sogei volti a ripristinare al più presto il servizio completo.

In particolare non sono ancora attive le seguenti funzionalità: modifica dei dati fattura attraverso interfaccia web; la visualizzazione delle notifiche di esito delle sole fatture elettroniche, delle comunicazioni trimestrali IVA e quelle relative ai corrispettivi; la precompilazione dei dati all’interno della funzionalità di generazione dati fattura.

Si ricorda, in proposito, che sono comunque sempre stati attivi tutti gli altri canali di trasmissione dei dati attraverso software gestionali.

In considerazione dei disagi sopravvenuti, con provvedimento del direttore di Agenzia delle entrate in corso di emanazione, saranno ritenute tempestive le comunicazioni relative ai dati delle fatture presentate entro il 5 ottobre 2017.
Inoltre, gli uffici dell’Agenzia, ove riscontrino obiettive difficoltà per i contribuenti, valuteranno la possibilità di non applicare le sanzioni per meri errori materiali e/o nel caso in cui l’adempimento sia stato effettuato dopo il 5 ottobre, ma entro i 15 giorni dall’originaria scadenza
”.

PDF - 130.1 Kb
Proroga ufficiale spesometro 2017: comunicato Agenzia delle Entrate
Comunicato ufficiale Agenzia delle Entrate: proroga ufficiale spesometro 2017 al prossimo 5 ottobre

Spesometro 2017: invio telematico bloccato da venerdì, ecco il messaggio dell’Agenzia delle Entrate

Nella giornata di venerdì il portale online fatture e corrispettivi è stato bloccato per interventi di manutenzione.

Probabilmente l’intervento è stato causato dalla necessità di rettificare il bug relativo all’accesso indiscriminato ai dati fiscali dei contribuenti, oltre ovviamente agli altri disservizi di cui abbiamo parlato in questi giorni.

Ecco il testo del messaggio pubblicato dall’Agenzia delle Entrate nella pagina iniziale del portale fatture e corrispettivi:

In sostanza l’Agenzia delle Entrate invita gli operatori ad utilizzare canali di invio telematico alternativi a quello che dovrebbe essere il canale principale. Si tratta, in particolare, della possibilità per contribuenti e soprattutto loro intermediari, di utilizzare software gestionali privati per predisporre il file, nel formato xml definito dalle specifiche tecniche, ed effettuare l’invio telematico (sul punto si veda la circolare Agenzia delle Entrate numero 1/E dello scorso 7 febbraio 2017).

Proroga ancora insufficiente per i commercialisti

La proroga ufficiale dello spesometro 2017 al 5 ottobre non è ancora sufficiente per i commercialisti.

Il presidente del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Massimo Miani ha infatti inviato una lettera al Ministero dell’Economia.

Secondo Miani:

La situazione creatasi in questi giorni relativamente al nuovo spesometro è di estrema gravità, inaccettabile e non degna di un Paese civile. Nei giorni scorsi, oltre a ribadire la necessità di un provvedimento immediato che disponesse un congruo differimento scadenza (quanto meno al 15 ottobre), abbiamo chiesto di considerare questo primo invio di natura sperimentale, nonché la disapplicazione delle sanzioni per le violazioni eventualmente commesse, con possibilità di correzione degli errori anche oltre il termine di scadenza, come peraltro preannunciato dallo stesso viceministro, Luigi Casero.

Qualora un provvedimento ufficiale in tal senso non venisse urgentemente adottato, ci vedremo costretti, nostro malgrado, a non rispondere, come professionisti, delle sanzioni che eventualmente verranno irrogate ai nostri clienti per eventuali ritardi e omissioni negli invii delle comunicazioni. Non possiamo certo essere noi a rispondere delle inefficienze di un sistema, ad oggi, inadeguato.

Occorre un segnale forte da parte delle Istituzioni affinché siano ripristinate le condizioni minime di rispetto dei contribuenti e dei professionisti, in conformità ai principi dello Statuto dei diritti del Contribuente.

Il Consiglio Nazionale, unitamente ai 131 Ordini territoriali della categoria, valuterà inoltre di intraprendere eventuali azioni per manifestare più concretamente il disagio e la disapprovazione dei Commercialisti e dei loro clienti.

Ecco la lettera integrale indirizzata al Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) dal presidente Miani:


Niente sanzioni sul primo invio telematico dello spesometro 2017?

Si ricorda che in caso di omissione, errori o incompletezza di dati dello spesometro 2017 sono previste sanzioni che vanno “da un minimo di 2 euro per ciascuna fattura non comunicata ad un massimo di 1.000 euro a semestre”.

È ovviamente possibile avvalersi del ravvedimento operoso fruendo di sanzioni ridotte sulla base del ritardo con cui si procede alla correzione del nuovo modello di comunicazione polivalente:

  • 1/9 di 500 euro se lo spesometro è inviato entro 15 giorni dalla scadenza originaria;
  • 1/9 di 1.000 euro se la correzione avviene entro 90 giorni dalla scadenza originaria;
  • 1/8 di 1.000 euro se il modello è presentato oltre 90 giorni ma entro un anno dalla scadenza;
  • 1/7 di 1.000 euro se la regolarizzazione avviene entro due anni;
  • 1/6 di 1.000 euro se la regolarizzazione avviene oltre due anni;
  • 1/5 di 1.000 euro se la regolarizzazione è effettuata dopo la constatazione della violazione.

Tuttavia, ci si chiede come si possa disapplicare un regime sanzionatorio previsto da una normativa vigente. La risposta è più semplice di quello che si possa pensare: abrogandola.

Per disapplicare le sanzioni relative a questo spesometro relativo al primo semestre 2017 è necessario un provvedimento normativo specifico in cui si vadano a modificare le norme di cui al DL 193/2016. In data 22 settembre il direttore centrale gestione tributi delle Entrate Paolo Savini ha parlato proprio di un provvedimento normativo in arrivo con la sospensione delle sanzioni relative al primo invio telematico dello spesometro 2017.

A questo punto non si capisce perché nello stesso provvedimento non si possa chiedere direttamente l’abolizione dello spesometro, visto che la maggioranza degli stessi operatori professionali lo ritiene un adempimento di fatto inutile.