Quarta proroga spesometro 2017 in arrivo

Giuseppe Guarasci - Comunicazioni IVA e spesometro

Proroga spesometro 2017, si inizia a parlare della quarta modifica alla data di scadenza per uno stesso adempimento. Un'ipotesi attualmente non del tutto esclusa, ecco perché.

Quarta proroga spesometro 2017 in arrivo

Quarta proroga spesometro 2017: ancora novità in vista della scadenza per l’invio telematico del nuovo adempimento in materia di Iva.

Già nei giorni scorsi avevamo ipotizzato in un altro intervento qui su Informazione Fiscale che i problemi nell’invio telematico dell’elenco dati fatture emesse e ricevute potessero essere causa di un’ulteriore proroga.

Quella che a inizio settimana sembrava essere soltanto un’ipotesi si va via via sempre più concretizzandosi: basta raccogliere le esperienze dei professionisti e delle imprese che si stanno occupando di questo adempimento.

Ed anche dall’Agenzia delle Entrate non giungono buone notizie.

Il portale fatture e corrispettivi è lento e spesso fuori servizio, ci sono degli scarti di file anomali e l’Agenzia delle Entrate non ha ancora messo a disposizione un software di compilazione e controllo interno.

Quarta proroga spesometro 2017 la prossima settimana? Ecco i precedenti

Chi non è addetto ai lavori avrà difficoltà molto serie, più del solito, a comprendere realmente lo stato patologico in cui si trova il nostro sistema fiscale.

Già la discussione sull’utilità effettiva dello spesometro 2017, addirittura infrannuale, è molto ampia ma, nella gran parte dei casi, pende decisamente a favore della “perdita di tempo”. Ciò poiché come strumento anti evasione fiscale lo spesometro non appare assolutamente utile, anche se sarebbe meglio dire efficace.

Se, oltre a dover eseguire un adempimento inutile, occorre addirittura perdere tempo dietro a invii telematici problematici, allora il sistema va assolutamente riformato di corsa. Imprese e professionisti devono pensare a come far ripartire la crescita e lo sviluppo della nostra economia: non possono star dietro ad un portale online che non funziona, nonostante ci sarebbe stato tutto il tempo per arrivare comunque preparati all’appuntamento (ogni riferimento ad Agenzia delle Entrate e Sogei è puramente voluto).

Ecco l’iter scadenze dello spesometro 2017:

  • scadenza originaria 31 maggio 2017 (si era ancora nella previsione dello spesometro trimestrale, tale sarà a regime dal 2018, poi diventato semestrale per il 2017);
  • prima proroga al 25 luglio 2017;
  • seconda proroga al 16 settembre che, cadendo di sabato, ha determinato automaticamente la scadenza del 18 settembre;
  • terza proroga al 28 settembre 2017;
  • quarta proroga in arrivo a breve?

Non ci sono parole per descrivere l’amarezza del momento (chi scrive è un professionista che deve compilare ed inviare gli spesometri ma ha difficoltà a comprenderne la reale utilità, oltre che la modalità con la quale deve essere gestito l’invio telematico).

Ma non si parla più di abolizione di adempimenti inutili?

Spesometro 2017: quarta proroga in arrivo. Criticità e anomalie ancora in essere

Ancora oggi sono molti i problemi e le criticità relative all’invio telematico dello spesometro 2017. Proviamo a fare un riepilogo:

  • l’Agenzia delle Entrate non ha ancora messo a disposizione dei contribuenti e intermediari abilitati il software di compilazione e controllo online. L’idea è che a questo punto potrebbe non essere pubblicato alcun software gratuito e che l’unico canale di invio dell’Agenzia delle Entrate sarà Fatture e Corrispettivi;
  • se è vero che l’invio dello spesometro può essere effettuato gratuitamente tramite Fatture e Corrispettivi, è bene sottolineare che non si tratta di una procedura semplice, come abbiamo già avuto modo di sottolineare. I file relativi alle fatture emesse e ricevute devono essere inviati anagrafica per anagrafica: in pratica, un file per ciascuna fattura. Una procedura che, come ben si può dedurre, è adatta soltanto ai contribuenti con poche operazioni e che risulta essere del tutto inutilizzabile (pena la perdita di molto tempo, e quindi denaro..) per i contribuenti con operazioni di maggiore entità;
  • il ritardo dell’Agenzia delle Entrate, che ancora oggi non ha predisposto le modalità tecniche d’invio, sta rallentando anche le software house private. Sebbene già diversi gestionali consentano di predisporre i file da trasmettere, al momento l’unica modalità di invio è Fatture e Corrispettivi, dove non si può inviare un singolo file per contribuente ma due file distinti per le fatture emesse e per le fatture ricevute del semestre;
  • si stanno verificando diverse anomalie negli scarti degli invii telematici.

Proroga spesometro 2017, ecco l’attuale scadenzario dell’elenco fatture emesse e ricevute e delle Lipe:

Periodo di riferimento Versamento IVA Invio telematico dati IVA
Gennaio 16 febbraio 2017 12 giugno 2017 (liquidazioni) 18 settembre 2017 (spesometro)
Febbraio 16 marzo 2017 12 giugno 2017(liquidazioni) 18 settembre 2017 (spesometro)
Marzo 17 aprile 2017 12 giugno 2017 (liquidazioni) 18 settembre 2017 (spesometro)
I trimestre 16 maggio 2017 12 giugno 2017 (liquidazioni) 18 settembre 2017 (spesometro)
Aprile 16 maggio 2017 28 settembre 2017 (spesometro) 18 settembre 2017 (liquidazioni)
Maggio 16 giugno 2017 28 settembre 2017 (spesometro) 18 settembre 2017 (liquidazioni)
Giugno 17 luglio 2017 28 settembre 2017 (spesometro) 18 settembre 2017 (liquidazioni)
II trimestre 22 agosto 2017 28 settembre 2017 (spesometro) 18 settembre 2017 (liquidazioni)
Luglio 22 agosto 2017 28 febbraio 2018 (spesometro) 30 novembre 2017 (liquidazioni)
Agosto 18 settembre 2017 28 febbraio 2018 (spesometro) 30 novembre 2017 (liquidazioni)
Settembre 16 ottobre 2017 28 febbraio 2018 (spesometro) 30 novembre 2017 (liquidazioni)
III trimestre 16 novembre 2017 28 febbraio 2018 (spesometro) 30 novembre 2017 (liquidazioni)
Ottobre 16 novembre 2017 28 febbraio 2018 (spesometro e liquidazioni)
Novembre 18 dicembre 2017 28 febbraio 2018 (spesometro e liquidazioni)
Dicembre 16 gennaio 2018 28 febbraio 2018 (spesometro e liquidazioni)
IV trimestre 16 marzo 2018 28 febbraio 2018 (spesometro e liquidazioni)