Ora di religione: no all’uscita anticipata, meglio l’attività alternativa

Diego Denora - Scuola

L'ora di religione comporta l'uscita anticipata o l'attività alternativa a scuola: grazie alla sentenza della Corte Costituzionale la scelta è facoltativa. Ecco tutte le informazioni.

Ora di religione: no all'uscita anticipata, meglio l'attività alternativa

L’ora di religione a scuola è da anni facoltativa: oggi la scelta è l’uscita anticipata o l’attività alternativa, grazie alla Sentenza 203 della Corte Costituzionale che ha aggiunto un altro tassello alla laicità nel mondo della scuola.

L’uscita anticipata è una delle soluzioni all’ora di religione: la scelta della laicità nella scuola, tuttavia, sembra passare in secondo piano in un mondo globalizzato; vivacizzato da un’immigrazione incontrollata soprattutto nelle aule scolastiche.

L’attività alternativa all’ora di religione sarebbe stata suggerita dal sindacato degli insegnanti di religione (SNADIR), di fatto promotore di questa soluzione, fermamente convinto che oggi siano sempre più necessari insegnamenti di antropologia e cultura della pace. Vediamo in cosa consiste la proposta.

Scuola, ora di religione: no all’uscita anticipata, meglio l’attività alternativa

L’ora di religione oggi si divide non equamente tra uscita anticipata e attività alternativa, che tuttavia non viene impartita efficacemente e questo genera un’ora "di buco" per il 45% degli studenti; secondo una stima del responsabile del SNADIR.

L’uscita anticipata, secondo il sindacato citato, sarebbe un nulla da evitare, in quanto la Sentenza della Corte Costituzionale ha cercato di rendere la scuola un’istituzione laica, non certo di rendere benefici gratuiti ai "piccoli obiettori" della religione.

L’attività alternativa, però, in cosa consiste? Il sindacato della scuola per adesso propone di abolire l’uscita anticipata, in quanto in apparenza (e in sostanza si afferma) consiste in una pratica diseducativa e lesiva del diritto allo studio.

Scuola, ora di religione: uscita anticipata o attività alternativa?

L’ora di religione oggi tende nettamente verso l’uscita anticipata degli studenti, in quanto l’attività alternativa dichiarata dal sindacato SNADIR sembra essere decisamente più educativa. In cosa consisterebbe?

L’attività alternativa sarebbe continuare ad insegnare religione, ma in modo diverso: in un periodo di forte integrazione culturale, o di estrema mancanza della stessa, l’educazione alla pace e l’interesse antropologico non devono mancare nel panorama scolastico degli studenti.

L’uscita anticipata in questo senso non aiuta lo sviluppo di una coscienza: le rilevazioni svolte dal SNADIR assicurano che gli studenti traggono benefici dalle lezioni di religione, poiché la loro cultura a riguardo sarebbe più che accettabile. Per gli studenti stranieri, invece, la situazione sarebbe assai diversa.

Ora di religione: attività alternativa per gli studenti non cristiani

L’ora di religione potrebbe essere un’attività alternativa anche per gli studenti non cristiani? Certamente l’uscita anticipata è diseducativa anche per loro. Tuttavia, le domande a riguardo incalzano: gli insegnanti cattolici insegnano anche ai non cattolici, per loro cosa è previsto?

L’attività è alternativa nel senso che non si presuppone alternativa: l’ora di religione è di religione cattolica, impartita da docenti cattolici, laureati in Teologia nelle Università della Chiesa e questo è concordato dalla Chiesa con lo Stato (Legge 121/1985). Al di là di ogni pregiudizio religioso, sembra proprio che non cambi nulla.

L’uscita anticipata, stando così le cose, investirà una percentuale sempre più alta di studenti, in quanto, l’interesse per una religione non propria difficilmente potrà crescere con una proposta simile; a conti fatti non propriamente alternativa.

L’ora di religione proposta dal sindacato dei docenti di religione, in sintesi, propone l’alternativa di restare esattamente com’è e soprattutto l’alternativa di non essere più facoltativa. La proposta andrebbe contro la Sentenza della Corte Costituzionale, per cui, difficilmente sarà ritenuta ammissibile.