Calcolo rate avviso bonario online

Redazione - Dichiarazioni e adempimenti

Calcolo rate avviso bonario online: ecco regole, scadenza e importi per la rateazione dell'avviso bonario e le istruzioni dell'Agenzia delle Entrate con le novità introdotte dal D.lgs. 259/2015.

Calcolo rate avviso bonario online

Per l’avviso bonario inviato al contribuente a seguito di controllo formale delle dichiarazioni o di attività di controllo automatizzato è ammessa la rateazione secondo le regole previste dall’articolo 3-bis Dlgs 462/1997 come modificato dal Dlgs 159/2015.

Per il calcolo della rateizzazione avviso bonario online sono diversi gli elementi da prendere in considerazione, tra cui prima di tutto l’importo dovuto a seguito di controllo formale o automatizzato dell’Agenzia delle Entrate. La rateazione è infatti modulata in base alla somma da versare a seguito di avviso bonario e di seguito vedremo come effettuare il calcolo e quali sono regole e scadenze previste.

L’avviso bonario è disciplinato dall’art. 36-bis del DPR 600/1973 per le imposte dirette e dall’art. 54-bis del DPR 633/1972 per l’Iva ed è una comunicazione che l’Agenzia delle Entrate trasmette a seguito di controllo sulle dichiarazioni del contribuente dalla quali risultino irregolarità.

La liquidazione della somma oggetto dell’avviso bonario può essere rateizzata ma, in ogni caso, il pagamento della prima rata dovrà avvenire entro 30 giorni dall’invio, pena decadenza e iscrizione a ruolo della violazione.

Di seguito tutte le regole e le modalità di calcolo rateizzazione avviso bonario online e quali sono le scadenze per il versamento delle somme all’Agenzia delle Entrate.

Calcolo rate avviso bonario online

Il calcolo delle rate avviso bonario può essere effettuato online sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Bisogna tuttavia specificare quali sono le regole previste e cosa è cambiato con l’entrata in vigore del Dlgs 159/2015.

La rateizzazione dell’avviso bonario è effettuata applicando alle somme dovute:

  • sanzione di 1/3 di quella ordinaria sulla somma addebitata a seguito di controllo automatico;
  • sanzione di 2/3 di quella ordinaria per comunicazione di irregolarità a seguito di controllo formale;
  • non sono dovuti interessi e sanzioni per gli avvisi bonari su redditi a tassazione separata se il pagamento è effettuato entro 30 giorni dalla comunicazione. La sanzione è del 30% in caso di ritardo nel pagamento.

La rateazione dell’avviso bonario, a partire dal 22 ottobre 2015, è ammessa per un massimo di:

  • 8 rate trimestrali di pari importo per somme fino a 5.000 euro;
  • massimo 20 rate trimestrali di pari importo per somme superiori a 5.000 euro.

All’importo delle singole rate si aggiungono gli interessi calcolati a partire dal primo giorno del secondo mese successivo a quello di elaborazione dell’avviso bonario indicato nella comunicazione inviata al contribuente.

Calcolo rate avviso bonario online: scadenza e modalità di pagamento

Per non decadere dalla rateazione dell’avviso bonario il pagamento dovrà essere effettuato secondo le seguenti scadenze:

  • prima rata entro 30 giorni dalla data di ricevimento della comunicazione dell’Agenzia delle Entrate;
  • rate successive alla prima entro l’ultimo giorno di ciascun trimestre.

Il versamento dovrà essere effettuato compilando il modello F24 secondo le regole e le modalità di pagamento previste dall’Agenzia delle Entrate, indicando separatamente e con diversi codici tributo l’importo della rata e quello degli interessi sulla base della tipologia di avviso bonario, ovvero:

Tipologia di attoCodice tributo relativo alla rataCodice tributo relativo agli interessi di rateazione
Art. 36 bis - Art. 54 bis 9001 9002
Art. 36 ter 9006 9007
Art. 36 bis – TFR 9526 9003
Art. 36 bis – Arretrati 9527 9004

Rateazione avviso bonario: casi di decadenza

Nel caso di mancato pagamento delle rate dell’avviso bonario i contribuenti decadono dalla rateazione prevista dall’Agenzia delle Entrate e l’importo della frazione non pagata, della sanzione calcolata in base all’importo omesso e dei relativi interessi viene iscritto a ruolo.

Si decade dalla rateizzazione in caso di mancato pagamento della prima rata entro la scadenza di 30 giorni dal ricevimento della comunicazione, o di 90 giorni per gli avvisi telematici.

Vengono iscritti a ruolo gli importi dovuti e comunicati con l’avviso bonario nel caso di mancato pagamento di una delle rate diverse dalla prima entro la scadenza per la rata successiva e il contribuente che decade dalla dilazione è tenuto a pagare sulle somme dovute una sanzione pari al 45% dell’importo non versato.

Rateazione avviso bonario e “lieve inadempimento”

Oltre a cambiare le regole per il calcolo delle rate per l’avviso bonario, con il D.lgs. 159/2015 è stato introdotto anche il concetto di “lieve inadempimento”.

In sostanza viene previsto che non si decade dalla rateazione dell’Agenzia delle Entrate in caso di:

  • versamento della prima rata per un ritardo non superiore a 7 giorni;
  • insufficiente versamento della rata di importo non superiore a 10.000 euro e per una frazione non superiore al 3%: violazione reiterabile anche per più di una rata ma con pagamento entro la scadenza della rata successiva.

Con il Decreto Legislativo 159/2015 viene inoltre previsto che in caso di lieve inadempimento e in caso di mancato versamento delle rate successive alla prima entro la scadenza prevista è possibile regolarizzare il pagamento della rateizzazione ricorrendo al ravvedimento operoso entro il termine di pagamento della rata successiva o entro 90 giorni dalla scadenza in caso di omesso versamento dell’ultima rata con sanzioni proporzionate al ritardo.