Dichiarazioni fiscali: In.Te.Sa. per gli intermediari dal 24 luglio 2017

Redazione - Dichiarazioni e adempimenti

A partire dal 24 luglio 2017 gli intermediari potranno correggere errori nelle dichiarazioni fiscali 2013 tramite In.Te.Sa., nuovo applicativo dell'Agenzia delle Entrate messo a disposizione sul canale Entratel.

Dichiarazioni fiscali: In.Te.Sa. per gli intermediari dal 24 luglio 2017

Dichiarazioni fiscali 2013: a partire dal 24 luglio 2017 l’Agenzia delle Entrate metterà a disposizione degli intermediari l’applicativo In.Te.Sa. per correggere gli errori nella trasmissione online delle dichiarazioni Iva, redditi, Irap e via di seguito.

In.Te.Sa. sarà disponibile per gli intermediari abilitati all’utilizzo del canale telematico Entratel dal prossimo 24 luglio e sarà possibile correggere gli errori nella trasmissione online delle dichiarazioni fiscali 2013 entro 30 giorni dalla richiesta di chiarimenti da parte dell’Agenzia delle Entrate.

A renderlo noto è la stessa Agenzia delle Entrate, con un messaggio pubblicato il 10 luglio 2017. In.Te.Sa. consentirà di allegare la documentazione necessaria e fornire chiarimenti agli errori riscontrati dal Fisco dall’incrocio dei dati presenti nell’Anagrafe Tributaria.

Dichiarazioni fiscali 2013: In.Te.Sa. per gli intermediari dal 24 luglio 2017

Accedendo all’applicativo In.Te.Sa. dell’Agenzia delle Entrate a partire dal 24 luglio 2017 i soggetti abilitati alla trasmissione delle dichiarazioni fiscali riceveranno segnalazioni di errori nell’invio telematico e incongruenze in base ai dati a disposizione del Fisco.

Potranno accedere ad In.Te.Sa. e regolarizzare eventuali errori nelle dichiarazioni fiscali 2013 gli intermediari incaricati alla trasmissione (commercialisti, consulenti del lavoro, periti commerciali, ragionieri e altri soggetti indicati nel decreto MEF n. 241/1997)

In.Te.Sa. sarà raggiungibile attraverso il canale telematico Entratel e consentirà di chiarire, entro 30 giorni dalla richiesta, gli errori e le incongruenze contestate dall’Agenzia delle Entrate sulle dichiarazioni del 2013.

L’Agenzia delle Entrate specifica che attraverso lo stesso canale, la Direzione Centrale Audit comunicherà agli interessati l’esito dell’istruttoria in relazione ai casi segnalati.

Qualora non vengano forniti elementi utili alla verifica della regolarità dell’attività di trasmissione telematica, si procederà alla contestazione delle irregolarità e all’applicazione della sanzione prevista dall’art. 7-bis del D.lgs. 241/97 in materia di violazione in materia di trasmissione telematica delle dichiarazioni da parte della Direzione Regionale competente.