Tax day 30 novembre 2017: principali adempimenti in scadenza

Redazione - Scadenze fiscali

Tax day, sono circa 74 gli adempimenti e i versamenti di imposte in scadenza il 30 novembre 2017. Di seguito il riepilogo delle prinicipali scadenze fiscali di fine mese.

Tax day 30 novembre 2017: principali adempimenti in scadenza

Tax day 30 novembre 2017: è fissato alla fine del mese il secondo importante appuntamento con il fisco, con ben 74 versamenti d’imposta in scadenza.

Un mare di scadenze fiscali a novembre che, accanto al versamento degli acconti Irpef, Ires e Irap, riguarda anche la scadenza per l’invio della comunicazione delle liquidazioni periodiche Iva del terzo trimestre 2017.

Se è vero che ci si è da poco lasciati alle spalle il primo tax day del mese, fissato al 16 novembre 2017, a precedere l’inizio del mese di dicembre saranno le scadenze previste soprattutto per i titolari di partita Iva.

Scadenze fiscali che non riguardano soltanto il termine per il versamento delle imposte Irpef, Ires e Irap, ma anche dell’imposta sostitutiva per i contribuenti titolari di partita Iva in regime dei minimo o forfettario, della cedolare secca sugli affitti e di Ivie e Ivafe.

Tax day 30 novembre 2017, ecco tutti gli adempimenti in scadenza

È pari a circa 30 miliardi di euro la somma totale del gettito atteso in relazione ai versamenti d’imposta dovuti entro il 30 novembre 2017.

C’è chi lo definisce tax day e chi parla di pioggia di tasse di novembre; per contribuenti e intermediari si tratta di uno dei giorni più impegnativi dell’anno che vedrà accavallarsi ben 74 adempimenti fiscali, tra imposte da versare e adempimenti periodici.

Partendo proprio da questi ultimi, si ricorda che entro il 30 novembre 2017 bisognerà inviare la comunicazione delle liquidazioni Iva riferite al terzo trimestre dell’anno. Si tratta del terzo dei quattro invii delle Lipe trimestrali introdotte con il DL 193/2016 a partire dal 2017.

Sempre al 30 novembre 2017 è fissata la scadenza per il versamento della terza rata per i contribuenti che hanno aderito alla voluntary disclosure e alla definizione agevolata delle liti pendenti.

Stessa scadenza anche per il versamento della terza rata prevista per i contribuenti che hanno aderito alla rottamazione delle cartelle Equitalia e per pagare le rate scadute a luglio e settembre.

Si ricorda tuttavia che a seguito delle novità previste dal DL fiscale 148/2017 la scadenza è stata prorogata al 7 dicembre 2017; si sottolinea tuttavia che attualmente il decreto è ancora in fase di conversione e in corso di discussione alla Camera.

Acconti Irpef, Ires, Irap e non solo: le imposte da versare entro il 30 novembre 2017

Il clou del tax day del 30 novembre 2017 riguarda la scadenza per il versamento del secondo acconto delle imposte sui redditi 2016 relative alla dichiarazione dei redditi 2017.

Nel dettaglio, entro la scadenza del 30 novembre 2017 bisognerà effettuare il versamento del secondo o unico acconto d’imposta delle imposte dirette Irpef e Ires e dell’Irap.

Il secondo acconto Irpef 2017 è dovuto se l’imposta dichiarata e riferita all’anno precedente), al netto delle detrazioni, dei crediti d’imposta, delle ritenute e delle eccedenze, è superiore a 51,65 euro. L’acconto è pari al 100% dell’imposta dichiarata nell’anno e deve essere versato in una o due rate.

Secondo acconto Irpef 2017: codice tributo, scadenza e istruzioni

Anche il secondo acconto Irap 2017 deve essere versato entro il prossimo 30 novembre.

Il calcolo e le modalità di pagamento del secondo acconto Irap 2017 sono le stesse già viste nel caso di Irpef ed Ires, ma con alcune piccole differenze. Si tratta soprattutto degli importi limite di riferimento da considerare per attestare se l’acconto sia dovuto o meno.

Secondo acconto Irap 2017: codice tributo e istruzioni

Ai versamenti d’imposta si aggiungono anche gli acconti dei contributi Inps per gli iscritti alla gestione artigiani e commercianti e per i lavoratori autonomi.

Partite Iva regime forfettario e dei minimi, scadenza versamento imposta sostitutiva

La scadenza del 30 novembre 2017 riguarda anche i contribuenti titolari di partita Iva in regime forfettario e dei minimi.

In ambedue i casi entro la fine del mese è previsto il termine per il versamento dell’imposta sostitutiva, pari al 15% per i contribuenti in regime forfettario e al 5% per i contribuenti nel regime forfettario startup e nel “vecchio” regime dei minimi.

Si ricorda, inoltre, che è fissato sempre al 30 novembre 2017 il termine per il versamento della cedolare secca sugli immobili abitativi concessi in locazione e delle imposte patrimoniali Ivie e Ivafe su immobili e attività finanziarie all’estero.

Un mare di scadenze fiscali che, tuttavia, non sarà l’ultimo appuntamento con l’erario del 2017: il 18 dicembre 2017 i contribuenti saluteranno l’anno con la scadenza per il versamento del saldo Imu e Tasi 2017.