Rottamazione ter, nuova scadenza il 31 agosto 2021: 5 giorni in più per pagare

Anna Maria D’Andrea - Dichiarazioni e adempimenti

Rottamazione ter, scadenza il 31 agosto 2021 per la rata di maggio 2020. Il termine di tolleranza di 5 giorni consente di pagare entro il 6 settembre senza decadere dalla pace fiscale.

Rottamazione ter, nuova scadenza il 31 agosto 2021: 5 giorni in più per pagare

Rottamazione ter, scadenza il 31 agosto 2021 per il pagamento della rata dovuta originariamente nel mese di maggio 2020.

Si infittisce il calendario degli appuntamenti con le rate della pace fiscale. Con il nuovo calendario disegnato dal decreto Sostegni bis, chi ha aderito alla rottamazione ter e al saldo e stralcio delle cartelle dovrà mettere in conto una scadenza al mese, fino al termine del 30 novembre previsto per pagare le rate del 2021.

L’appuntamento del 31 agosto 2021 riguarda la rata della rottamazione ter scaduta nel mese di maggio e, così come per tutte le scadenze della pace fiscale, è prevista la possibilità di agganciare al termine ultimo di versamento i 5 giorni di tolleranza.

Si può pagare fino al 6 settembre, considerando che il 5 settembre cade di domenica, senza decadere dai benefici della rottamazione delle cartelle.

Rottamazione ter, nuova scadenza il 31 agosto 2021: 5 giorni in più per pagare

Sono state suddivise da luglio e fino ad ottobre 2021 le scadenze delle rate relative alla rottamazione ter e al saldo e stralcio delle cartelle dovute nel 2020.

Il nuovo calendario disegnato dal decreto Sostegni bis consente inoltre di versare tutte le rate dovute nel presente anno entro il 30 novembre.

La scadenza del 31 agosto segna quindi un nuovo appuntamento con la pace fiscale e riguarda la rata della rottamazione ter delle cartelle dovuta originariamente entro il mese di maggio 2020.

Così come per tutte le rate della pace fiscale, anche per l’appuntamento di martedì 31 agosto è prevista la possibilità di beneficiare del termine di tolleranza di 5 giorni che, in sostanza, consente di versare la somma dovuta con lieve ritardo e senza perdere i benefici della definizione agevolata.

Il termine finale per eseguire il pagamento della rata è quindi fissato al 6 settembre 2021.

In caso di versamento omesso, tardivo o per importi parziali è invece prevista la decadenza dalla pace fiscale e i versamenti già eseguiti saranno considerati a titolo di acconto sulle somme dovute.

A ricordare le regole è l’Agenzia delle Entrate Riscossione, con il comunicato stampa pubblicato il 27 agosto 2021.

Agenzia delle Entrate Riscossione - comunicato stampa del 27 agosto 2021
FISCO, SCADE IL 31 AGOSTO LA RATA DELLA ROTTAMAZIONE DI MAGGIO 2020

Rottamazione ter, come pagare entro la scadenza del 31 agosto 2021: si usa il bollettino originario

Per pagare la nuova rata della rottamazione ter delle cartelle sarà possibile utilizzare il bollettino originario riferito alla scadenza di maggio 2020 contenuto nella “Comunicazione delle somme dovute”.

In caso di smarrimento, sarà possibile richiedere una copia della Comunicazione sul sito dell’Agenzia delle Entrate Riscossione, senza necessità di pin e password.

Sarà necessario accedere alle pagine dedicate alla rottamazione ter o al saldo e stralcio per ricevere i nuovi bollettini di pagamento. Chi è in possesso delle credenziali può invece scaricare direttamente i documenti necessari e contestualmente effettuare il pagamento online.

Il versamento potrà essere effettuato inoltre presso la propria banca, anche mediante i servizi di Internet banking, agli sportelli bancomat abilitati ai servizi di pagamento Cbill, così come presso gli uffici postali, presso i tabaccai e tramite i circuiti Sisal e Lottomatica.

Si può versare la rata dovuta entro il 31 agosto 2021, o entro il 6 settembre sfruttando la tolleranza di 5 giorni, anche mediante i servizi online predisposti dall’Agenzia delle Entrate Riscossione, tramite l’App Equiclick avvalendosi del circuito PagoPA.

Prenotando il proprio appuntamento è inoltre possibile eseguire il versamento anche presso gli sportelli fisici dell’AdER.

Rottamazione ter, verifica dello stralcio online

Si ricorda infine che in relazione alla scadenza del 31 agosto 2021 è possibile effettuare la verifica online sulla presenza, tra gli importi dovuti, di carichi potenzialmente annullabili.

Anche i carichi inclusi nella rottamazione ter e nel saldo e stralcio delle cartelle rientrano tra quelli ammessi allo stralcio automatico previsto dal decreto Sostegni n. 41/2021.

Sul portale dell’AdER è possibile controllare se nel piano di pagamento della rottamazione ter e del saldo e stralcio delle cartelle sono presenti debiti annullabili, ma esclusivamente per i contribuenti in regola con il versamento delle rate in scadenza nel 2019.

Nella sezione dedicata è richiesto l’inserimento del codice fiscale del contribuente, il numero della comunicazione ricevuta dall’Agenzia delle Entrate Riscossione e la relativa data, e l’email di riferimento.

La verifica verrà effettuata considerando:

  • la data di affidamento all’Agente della Riscossione, che dovrà essere compresa tra il 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2020;
  • l’importo residuo calcolato al 23 marzo 2021, che dovrà risultare non superiore a 5.000 euro.

Si evidenzia che l’esito della verifica non terrà conto del limite reddituale per l’accesso allo stralcio delle cartelle e che quindi sarà cura del contribuente verificare se si rispetta o meno il tetto massimo di 30.000 euro, relativamente all’anno 2019.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network