Pensioni, ultime novità: nessuna modifica su Quota 100

Guendalina Grossi - Pensioni

Ultime notizie sulla riforma delle pensioni: il Governo non sembra intenzionato ad apportare alcuna modifica a quota 100 ed alle altre ipotesi di pensione anticipata.

Pensioni, ultime novità: nessuna modifica su Quota 100

Il Governo ha rinviato all’Unione Europea la manovra senza apportare nessuna modifica drastica. Anche per ciò che concerne la riforma delle pensioni l’Esecutivo ha deciso di lasciare invariata Quota 100.

Tale misura ricordiamo consentirebbe a coloro che hanno compiuto 62 anni di età e che hanno versato 38 anni di contributi di andare in pensione anticipatamente.

Rimangono però ancora tanti dubbi sull’introduzione di Quota 100 soprattutto da parte dell’opposizione. L’ex ministro del lavoro, Cesare Damiano, ha infatti espresso le sue perplessità su la misura che il Governo intende adottare per superare la Legge Fornero.

Pensioni, ultime novità sulla riforma: nessuna modifica sulla Quota 100

Il Governo ha rinviato all’Unione Europea il testo della manovra senza apportare però nessuna modifica drastica. Lo conferma il fatto che è anche per quello che riguarda il tema delle pensioni il Governo ha deciso di non toccare Quota 100 lasciandola invariata.

È stato proprio il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Luigi Di Maio, a confermare che Quota 100 è una misura strutturale poiché consentirebbe di superare la Legge Fornero anno dopo anno e non solo nel 2019.

Maggiori dettagli li avremo però nei prossimo giorni quando l’Unione Europea si esprimerà nuovamente sulle proposte presentate dal Governo nella nuova Legge di Bilancio 2019, recentemente respinta dalla Commissione Europea.

Pensioni, ultime notizie: i dubbi sull’introduzione della Quota 100

Nonostante il Governo abbia ormai deciso di adottare Quota 100 per superare la Legge Fornero sono ancora molti i dubbi circa le reali possibilità che questa modalità di pensione anticipata possa diventare strutturale.

Le maggiori critiche sono ovviamente arrivate dall’opposizione, con particolare riferimento all’ex ministro del Lavoro, Cesare Damiano che oggi ha nuovamente ribadito che Quota 100 non sarebbe la soluzione giusta per riformare il sistema previdenziale.

L’ex Ministro del Lavoro è infatti convinto che la Legge Fornero si debba superare con l’approvazione della nona salvaguardia, con la proroga dell’opzione donna e con l’introduzione di Quota 41 per tutti.

Queste sono le proposte avanzate dall’esponente del PD che ha dichiarato che seguendo questa strategia il Governo precedente era riuscito a restituire ai pensionati circa 20 miliardi di euro tramite 8 salvaguardie degli esodati.