Proroga sospensione mutui: al 31 dicembre 2021 con un emendamento al decreto Ristori

Alessio Mauro - Fisco

Proroga sospensione mutui, un emendamento al decreto Ristori amplia di un anno il termine per i soggetti che possono accedere al fondo Gasparrini: per le domande ci sarà tempo fino al 31 dicembre 2021. La modifica deve essere approvata dall'aula e confermata dopo l'iter di conversione parlamentare.

Proroga sospensione mutui: al 31 dicembre 2021 con un emendamento al decreto Ristori

Proroga sospensione mutui, un emendamento al decreto Ristori delle commissioni Bilancio e Finanze del Senato amplia i termini per la platea dei soggetti che possono beneficiare della misura.

Con l’emendamento, che deve essere approvato dall’Assemblea, viene spostato di un anno il termine precedente per fare richiesta: dal 31 dicembre 2020 al 31 dicembre 2021.

L’esame dell’Assemblea dovrebbe iniziare nel pomeriggio di oggi, 14 dicembre 2020, e concludersi nella giornata di domani.

Se confermato nell’iter di conversione in legge, ci sarebbe più tempo per l’accesso al Fondo Gasparrini, che permette ai titolari di un mutuo fino a 250.000 euro di fermare le rate per l’acquisto della prima casa.

Proroga sospensione mutui: al 31 dicembre 2021 con un emendamento al decreto Ristori

La proroga della sospensione dei mutui è prevista da un emendamento al decreto Ristori delle commissioni Bilancio e Finanze del Senato.

Tale emendamento, che dovrà essere esaminato dall’Aula nel pomeriggio di oggi ed approvato nella giornata di domani, sposta di un anno il termine per richiedere l’agevolazione: dal 31 dicembre 2020 al 31 dicembre 2021.

Se approvato al termine dell’iter di conversione parlamentare, i titolari di mutui avrebbero più tempo per fermare le rate.

L’emendamento ha come oggetto la “Proroga accesso cd. Fondo Gasparrini”, e modifica l’articolo 12 del DL 8 aprile 2020, n. 23, ovvero il decreto Liquidità.

Nello specifico viene modificato il periodo temporale di accesso al fondo di solidarietà mutui per la prima casa, il Fondo Gasparrini.

Tale fondo è stato istituito dalla legge numero 244 del 2007, ovvero la legge di bilancio 2008.

Consente ai titolari di un mutuo fino a 250.000 euro, di fermare le rate per l’acquisto della prima casa per non più di due volte e per un periodo massimo complessivo di 18 mesi.

Con l’estensione del termine previsto dal comma 2 bis dell’articolo 12 del decreto Liquidità si estende anche la platea dei possibili beneficiari della misura.

Proroga sospensione mutui: per 24 mesi dalla data di entrata in vigore del decreto

Lo stesso emendamento al decreto Ristori prevede modifiche anche al comma 2 dell’articolo 12 del decreto Liquidità.

Nel testo della legge di conversione 5 giugno 2020, n. 40, la formulazione è la seguente:

“2. Per un periodo di nove mesi dall’entrata in vigore del presente decreto, in deroga alla disciplina vigente, l’accesso ai benefici del Fondo di cui all’articolo 2, commi 475 e seguenti della legge 24 dicembre 2007, n. 244, è ammesso anche nell’ipotesi di mutui in ammortamento da meno di un anno.”

Con le modifiche proposte al senato il periodo di riferimento passa da nove a ventiquattro mesi dall’entrata in vigore del decreto.

Ovviamente anche in questo caso la modifica deve essere approvata dall’Assemblea del Senato e riconfermata al termine dell’iter di conversione parlamentare del decreto Ristori.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network