Proroga Naspi e Dis-Coll estesa, bonus 600 e 1.000 euro selettivo: la bozza del decreto agosto

Anna Maria D’Andrea - Leggi e prassi

Proroga Naspi e Dis-Coll estesa, bonus 600 e 1.000 euro selettivo per lavoratori stagionali e dello spettacolo: la prima bozza del decreto agosto 2020 contiene numerose novità in materia di lavoro. Ecco le prime misure previste.

Proroga Naspi e Dis-Coll estesa, bonus 600 e 1.000 euro selettivo: la bozza del decreto agosto

Bozza decreto agosto: proroga Naspi e Dis-Coll estesa, bonus 600 e 1.000 euro selettivo e solo per specifiche categorie di lavoratori, dai collaboratori occasionali fino ai lavoratori del turismo e dello spettacolo.

Se il decreto agosto estende il numero di lavoratori in disoccupazione beneficiari della proroga della Naspi e della Dis-Coll, in parallelo limita il riconoscimento del bonus di 600 euro a specifiche categorie.

Oltre ai lavoratori stagionali del turismo ed i lavoratori dello spettacolo, il bonus 600 euro per il mese di agosto sarà riconosciuto anche ai collaboratori occasionali senza partita IVA e agli incaricati alle vendite a domicilio.

Per quel che riguarda la proroga Naspi e Dis-Coll, a beneficiare di due mesi in più di assegno di disoccupazione saranno coloro per i quali il periodo ordinario dell’indennità è scaduto tra il 1° maggio ed il 30 giugno 2020, accanto ai lavoratori con scadenza del periodo di fruizione fissato tra il 1° marzo ed il 30 aprile.

Il nuovo decreto emergenziale di agosto da 25 miliardi sarà approvato entro il 7 agosto 2020: questo è quanto dichiarato dal Ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri.

La prima bozza del decreto agosto si concentra sulle novità in materia di lavoro, ambito per il quale sarà utilizzata buona parte delle risorse disponibili.

Novità anche sulla cassa integrazione: sarà prorogata fino a 18 settimane, ma con un contributo da parte del datore di lavoro, commisurato al calo di fatturato registrato. Esonero totale dei contributi, per 4 mesi, alle aziende beneficiarie della CIG che non ne richiederanno il rinnovo.

Bozza decreto agosto - versione 30 luglio 2020
Scarica la prima bozza del decreto agosto con le novità in materia di lavoro

Proroga Naspi e Dis-Coll estesa, bonus 600 euro selettivo: la bozza del decreto agosto

Si va via via definendo il pacchetto di novità del decreto economico di agosto, ed il lavoro sarà al centro del provvedimento. Come annunciato dal Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, tra le misure allo studio vi è il nuovo prolungamento della Naspi e della Dis-Coll.

La conferma arriva dalla prima bozza del decreto agosto, che estende - seppur con novità e limitazioni di rilievo - le misure già previste dal decreto Rilancio.

Per quel che riguarda la proroga di Naspi e Dis-Coll, la bozza del decreto agosto stabilisce il rinnovo di due mesi dell’assegno di disoccupazione in scadenza tra il 1° maggio ed il 30 giugno 2020.

La proroga è estesa anche ai lavoratori in disoccupazione già beneficiari del prolungamento ai sensi dell’articolo 92 del decreto Rilancio.

Il decreto Rilancio ha previsto il rinnovo per due mesi delle indennità, ma solo per i lavori titolari di assegno Naspi o Dis-Coll scaduto tra il 1° marzo ed il 30 aprile 2020.

Nel decreto agosto il bonus di 600 e 1.000 euro selettivo per giugno e luglio 2020: categorie e requisiti

Come anticipato negli scorsi giorni, nella bozza del decreto agosto c’è anche la proroga del bonus di 600 euro e 1.000 euro, ma esclusivamente per specifiche categorie di lavoratori.

Nello specifico, la bozza del decreto agosto stabilisce che ai lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1°gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, non titolari di pensione, né di rapporto di lavoro dipendente, né di NASPI, è riconosciuto un bonus per giugno e luglio 2020 pari a 1.000 euro.

La medesima indennità è riconosciuta ai lavoratori in somministrazione, impiegati presso imprese utilizzatrici operanti nel settore del turismo e degli stabilimenti termali, alle medesime condizioni.

Il bonus per giugno e luglio 2020, pari a 600 euro mensili, è riconosciuto inoltre:

  • ai lavoratori dipendenti e autonomi che in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID 19 hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro, individuati nei seguenti:
    • lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1°gennaio 2019 e il 17 marzo 2020 e che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno trenta giornate nel medesimo periodo;
    • lavoratori intermittenti che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno trenta giornate nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020;
    • lavoratori autonomi, privi di partita IVA, non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che nel periodo compreso tra il 1°gennaio 2019 e il 29 febbraio 2020 siano stati titolari di contratti autonomi occasionali (articolo 2222 del codice civile) e che non abbiano un contratto in essere alla data di entrata in vigore del presente decreto. Gli stessi, per tali contratti, devono essere già iscritti alla data del 17 marzo febbraio 2020 alla Gestione separata, con accredito nello stesso arco temporale di almeno un contributo mensile;
    • incaricati alle vendite a domicilio con reddito annuo 2019 derivante dalle medesime attività superiore ad euro 5.000 e titolari di partita IVA attiva e iscritti alla Gestione Separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335, alla data del 17 marzo 2020 e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie.

Requisiti per il riconoscimento del bonus di 600 euro previsto dal decreto agosto sono inoltre:

  • non essere titolari di altro contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, diverso dal contratto intermittente;
  • non essere titolari di pensione.

Il bonus di 600 euro di luglio ed agosto viene inoltre riconosciuto ai lavoratori dello spettacolo, secondo i medesimi requisiti previsti dal decreto Rilancio e dal decreto Cura Italia.

Bonus di 600 euro anche per i lavoratori dipendenti a tempo determinato del settore del turismo e degli stabilimenti termali, nel rispetto dei seguenti requisiti:

  • titolarità nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020 di uno o più contratti di lavoro a tempo determinato nel settore del turismo e degli stabilimenti termali, di durata complessiva pari ad almeno trenta giornate;
  • titolarità nell’anno 2018 di uno o più contratti di lavoro a tempo determinato o stagionale nel medesimo settore di cui alla lettera a), di durata complessiva pari ad almeno trenta giornate;
  • assenza di titolarità, al momento dell’entrata in vigore del presente decreto, di pensione e di rapporto di lavoro dipendente.

Non quindi un rinnovo a tutto campo, bensì limitato a specifici casistiche. Limitata sarà anche la proroga della cassa integrazione.

Come anticipato dal Ministro Gualtieri,

“avverrà anche con degli elementi di selezione e differenziazione della platea delle imprese e quindi chiedendo, a quelle che possono, un contributo a questo strumento.

Una differenziazione che sarà, probabilmente, basata sui dati della fatturazione elettronica e quindi sul diverso impatto della crisi sulle varie imprese”.

La proroga di ulteriori 18 settimane di cui si parla ormai da settimane sarà quindi differenziata, e non per tutti. In parallelo, dal Governo arriva l’annuncio dell’introduzione di nuovi bonus per le assunzioni.

Alle aziende che rinunciano a richiedere le ulteriori settimane di cassa integrazione, il decreto agosto riserva un bonus contributivo: la bozza del provvedimento stabilisce l’esonero dal versamento dei contributi INPS, per un periodo massimo di 4 mesi da fruire entro il 31 dicembre 2020.

Dal decreto agosto si attendono quindi due filoni di intervento sul fronte del lavoro: novità utili per aiutare economicamente i lavoratori in difficoltà ma anche incentivi alle imprese per superare lo stallo causato dall’emergenza.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network