Notifica cartelle sospesa fino al 6 gennaio: stop dell’Agenzia delle Entrate Riscossione

Rosy D’Elia - Fisco

Notifica cartelle sospesa fino al 6 gennaio 2020: le feste natalizie congelano 305 mila atti. Fanno eccezione quelli inderogabili che viaggeranno anche durante l'inizio e la fine dell'anno, perlopiù via pec. Restano disponibili i servizi online. A darne notizia è l'Agenzia delle Entrate Riscossione nel comunicato stampa del 23 dicembre 2019.

Notifica cartelle sospesa fino al 6 gennaio: stop dell'Agenzia delle Entrate Riscossione

Notifica cartelle sospesa fino al 6 gennaio 2020: anche l’Agenzia delle Entrate Riscossione rallenta durante le feste natalizie. La notizia nel comunicato stampa del 23 dicembre 2019.

Dal 24 dicembre al 6 gennaio restano fermi 305 mila atti: così come la pausa estiva, anche quella invernale segna una piccola tregua nei rapporti tra Fisco e contribuente.

Non vanno mai in vacanza, invece, i servizi online dell’Agenzia delle Entrate Riscossione che gli utenti possono utilizzare in autonomia 24 ore su 24 per gestire e controllare in qualsiasi momento la propria situazione debitoria.

PDF - 251 Kb
Agenzia delle Entrate Riscossione - Comunicato stampa del 23 dicembre 2019
Scarica il comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate Riscossione che stabilisce la sospensione delle notifica delle cartelle durante le feste natalizie.

Notifica cartelle sospesa fino al 6 gennaio 2020: stop dell’Agenzia delle Entrate Riscossione

“Evitare disagi ai contribuenti in questo periodo particolare dell’anno”. Con questo obiettivo l’Agenzia delle Entrate Riscossione stabilisce la sospensione della notifica delle cartelle esattoriali nel periodo che va dal 24 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020.

Restano congelate durante le festività natalizie: nelle due settimane a cavallo tra la fine e l’inizio dell’anno era previsto l’invio di circa 322 mila atti della riscossione che resteranno, invece, per la maggior parte in stand by.

La sospensione non vale per quelli inderogabili, circa 17 mila: in questo caso le cartelle saranno comunque notificate e viaggeranno, perlopiù, via pec.

Nel comunicato stampa del 23 dicembre 2019 si legge:

“L’iniziativa decisa dai vertici di Agenzia delle entrate-Riscossione, d’intesa con gli operatori postali, prevede quindi la sospensione della notifica di circa 305 mila cartelle e avvisi che saranno “congelati”. La notifica riprenderà, ovviamente, dopo il periodo di sospensione”.

Sospensione delle cartelle fino al 6 gennaio, servizi online sempre disponibili

Come sottolinea la comunicazione diffusa alla stampa, la decisione si inserisce in un percorso di miglioramento del rapporto tra Agenzia delle entrate-Riscossione, cittadini, professionisti e imprese. E fa il paio con la sospensione delle cartelle stabilita in estate.

Se da un lato l’amministrazione finanziaria rallenta, dall’altro non blocca i contribuenti che hanno bisogno di procedere con le operazioni anche durante le vacanze.

Semplicemente usando pc, smartphone e tablet nei giorni e negli orari più comodi, è possibile procedere utilizzando gli strumenti online disponibili sul sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it e sull’app Equiclick.

Basta una connessione internet per accedere ai servizi online dell’Agenzia delle Entrate Riscossione utili per gli scopi che seguono:

  • verificare la propria situazione debitoria;
  • chiedere la rateizzazione o la sospensione delle cartelle;
  • controllare l’esistenza di eventuali richieste di pagamento;
  • ricevere un sms o una email che segnala la scadenza di una rata o l’arrivo di una nuova cartella;
  • richiedere una copia della comunicazione delle somme dovute con i bollettini di pagamento, utile ai contribuenti che hanno aderito ai provvedimenti di rottamazione-ter e saldo e stralcio delle cartelle.

I servizi web di Agenzia delle entrate-Riscossione sono disponibili tutti i giorni, 24 ore su 24.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it