Maturità, simulazioni prima e seconda prova 2019: calendario e indicazioni MIUR

Rosy D’Elia - Scuola

Maturità, simulazioni prima e seconda prova 2019: il calendario con le date previste, la prima il 19 febbraio, e le indicazioni per docenti e studenti nella circolare MIUR dell'8 febbraio 2019.

Maturità, simulazioni prima e seconda prova 2019: calendario e indicazioni MIUR

Maturità, simulazioni prima e seconda prova 2019: il MIUR ha pubblicato il calendario con le date in cui gli studenti avranno un assaggio dell’Esame di stato e ha fornito a docenti e dirigenti le indicazioni utili per organizzare le giornate preparatorie. I dettagli nella circolare dell’8 febbraio 2019.

Quest’anno la campanella dell’esame di maturità suonerà per 469mila studenti italiani. Gli appuntamenti con le prove scritte sono due: il 19 giugno si terrà la prima prova, per verificare le conoscenze della lingua italiana, e il 20 ci sarà la seconda in una versione rivisitata per il 2019, l’obiettivo sarà sempre verificare conoscenze e competenze che caratterizzano l’indirizzo di studio, ma il livello di difficoltà aumenta.

La prova del 20 giungo, infatti, è diventata multidisciplinare: solo per fare qualche esempio, al liceo classico gli studenti dovranno destreggiarsi tra latino e greco e al liceo scientifico dovranno fare i conti con la matematica e la fisica.

Per prepararsi al meglio alla sfida, il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca ha previsto delle sessioni di allenamento: ogni scuola organizzerà delle simulazioni d’esame. Un vero e proprio assaggio di maturità.

Maturità, simulazioni prima e seconda prova 2019: calendario e indicazioni MIUR

Il MIUR, Ministero dell’Istruzione dell’Università e delle Ricerca, ha pubblicato le indicazioni da seguire per organizzare le simulazioni della prima e della seconda prova nella circolare dell’8 febbraio 2019.

“Stiamo lavorando per un Esame che, pur in presenza di una serie di novità che entrano in vigore per effetto del decreto 62 del 2017, rispetti la preparazione affrontata in questi anni dai ragazzi”.

Ha sottolineato il ministro Marco Bussetti.

“La pubblicazione degli esempi di scritto e le simulazioni serviranno agli studenti per confrontarsi con una prova che ricalcherà, per struttura e tipologia, l’Esame di giugno. Mentre il MIUR potrà acquisire elementi di valutazione che saranno utilizzati per organizzare al meglio la redazione delle tracce. La macchina amministrativa è fortemente impegnata da mesi e lo sarà anche nelle prossime settimane per accompagnare il più possibile la scuola nell’affrontare le novità previste”.

Il Ministero ha già stabilito il calendario per le prove generali della maturità 2019. Le simulazioni si terranno nelle date che seguono:

  • Simulazione prima prova scritta: 19 febbraio e 26 marzo
  • Simulazione seconda prova scritta: 28 febbraio e 2 aprile

Le tracce saranno pubblicate sul sito del MIUR alle ore 8.30 dei giorni previsti, nella sezione “Esami di Stato”.Tutte in contemporanea, come avviene durante le prove.

Le scuole potranno utilizzare i materiali proposti come lo ritengono più opportuno: sia in modalità simulazione, nello stesso giorno della pubblicazione, sia assegnando i testi durante l’ordinaria attività didattica.

Nel caso di prove che si articolano su più giornate, come accade per i licei artistici e musicali, le scuole possono scegliere di far svolgere la prova in una sola giornata.

Per quanto riguarda le tracce, saranno elaborate rispettando le caratteristiche e la struttura definite dai quadri di riferimento, e per ogni tipologia di istituto approfondiranno le materie definite per l’anno scolastico 2018/2019 e annunciate dal Ministro Bussetti.

Sarà tutto come se fosse già il momento della maturità, con una buona dose di ansia in meno per gli studenti impegnati nella simulazione.

PDF - 214.2 Kb
Maturità, Simulazioni prima e seconda prova 2019: circolare MIUR 8 febbraio 2019
Scarica la circolare MIUR dell’8 febbraio 2019 sulle simulazioni di prima e seconda prova della maturità 2019.

Maturità, simulazioni prima e seconda prova 2019: gli obiettivi MIUR

Quest’anno nell’esame di stato debutteranno una serie di novità: prima fra tutti una sessione scritta più breve con la scomparsa della terza prova e una seconda prova più articolata e complessa.

Ma sarà anche l’anno del Currriculum Vitae precompilato, uno strumento in più per muovere i primi passi fuori dalle aule scolastiche.

Una maturità in una versione aggiornata, quella del 2019, che richiede attenzione e preparazione da parte di tutti. Le simulazioni della prima e seconda prova nascono proprio in quest’ottica e, come si legge nella circolare MIUR, hanno una triplice finalità:

  • per gli studenti: dare modo di confrontarsi con una prova che ricalca, per struttura tipologia e, quando possibile, anche tempi di svolgimento, la situazione dell’esame;
  • per i docenti: permettere di acquisire elementi utili nel percorso di avvicinamento all’esame. Fermo restando che non si tratta di una prova che possa sostituire le verifiche periodiche autonomamente predisposte, i docenti potranno anche iniziare a confrontarsi con le griglie di valutazione delle prove scritte e con il loro utilizzo;
  • per l’Amministrazione: acquisire elementi di valutazione utili per meglio organizzare la redazione delle tracce delle prove di esame.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it