Lavoro da casa: come organizzarsi con il cloud

Redazione - Lavoro

Lo smart working è molto utilizzato nel particolare periodo che stiamo vivendo: organizzare il lavoro da casa in cloud è fondamentale e richiede l'uso di un buon software che consenta di mantenere il livello di efficienza del lavoro svolto in ufficio.

Lavoro da casa: come organizzarsi con il cloud

La diffusione del virus COVID-19 ha stravolto la quotidianità di ogni cittadino, compresa la sfera delle abitudini lavorative.

Il lavoro da casa, o smart working, è stato uno dei primi strumenti incoraggiati dal governo per evitare spostamenti e limitare i contatti, permettendo alle aziende di continuare ad operare.

Pertanto, i software che agevolano il lavoro da casa sono diventati in questo periodo una risorsa indispensabile.

Smart working = lavoro agile

Traducibile in italiano con il termine “lavoro agile”, lo smart working è stato introdotto in Italia dal Consiglio dei ministri con un apposito disegno di legge (DDL 27 gennaio 2016 bis).

Nel testo contenente misure che disciplinano il lavoro autonomo, il lavoro agile viene definito come una “modalità flessibile di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato allo scopo di incrementare la produttività e agevolare la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro”.

Il lavoro agile può essere svolto in parte all’interno dei locali aziendali e in parte all’esterno, seguendo gli orari previsti e riportati all’interno del contratto di riferimento.

Durante i periodi di lavoro svolti all’esterno dei locali, viene prevista e giustificata l’assenza di postazione fissa.

Trattamento economico e regole del lavoro da casa

Il disegno di legge stabilisce che il datore di lavoro debba garantire a chi lavora con tali modalità un trattamento economico e normativo non inferiore a quello complessivamente applicato ai lavoratori che svolgono le stesse mansioni all’interno dell’azienda.

Inoltre, gli incentivi di carattere fiscale e contributivo, come ad esempio i premi riconosciuti in caso di incremento di produttività ed efficienza del lavoro, sono applicabili anche ai lavoratori “agili”.

L’accordo tra le parti disciplina le modalità di esecuzione della prestazione svolta all’esterno dei locali aziendali. Il lavoratore, da parte sua, si impegna ad adottare misure atte a garantire la protezione e la riservatezza dei dati utilizzati ed elaborati durante lo svolgimento della prestazione lavorativa in modalità di lavoro agile.

Lavorare in cloud

Il tema del lavoro a distanza è tornato estremamente di attualità a causa dell’emergenza sanitaria in corso.

Come ottenere quindi efficienza e qualità anche lontano da studi o uffici? Sfruttando le possibilità offerte dal lavoro in cloud.

Che cos’è un cloud?

Il cloud è uno spazio online personale che risulta essere accessibile in qualsiasi momento ed in ogni luogo disponendo semplicemente di una connessione internet.

Il vantaggio principale è poter disporre sempre dei propri file senza l’obbligo di portare con sé hard disk esterni o supporti analoghi.

Inoltre, il cloud offre anche la possibilità di eseguire backup (giornalieri, settimanali ecc.) e condividere file con colleghi e clienti.

Benefici delle soluzioni cloud

I benefici sono molteplici:

  • abbattimento dei costi per hardware e software: l’utente usufruisce in remoto dei sistemi del provider (fornitore del cloud) da cui viene “ospitato” e non deve acquistare nulla;
  • abbattimento dei costi per manutenzione e aggiornamento: manutenzione e aggiornamento dei sistemi non sono a carico dell’utente ma del provider;
  • affidabilità e riduzione dei rischi: la sicurezza degli archivi viene garantita dal provider che si adopera a installare e aggiornare con costanza i software di protezione; i backup sono automatici;
  • accesso agli archivi in ogni momento, da ogni luogo: l’utente accede ai suoi dati ed è operativo ovunque sia presente una connessione internet.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it