Fattura elettronica spese sanitarie: la proposta dell’INT

Tommaso Gavi - Fisco

Fattura elettronica spese sanitarie e detrazione selettiva delle spese sostenute dal contribuente. Sono le proposte dell'Istituto nazionale tributaristi, diffuse con il comunicato stampa del 7 gennaio 2022.

Fattura elettronica spese sanitarie: la proposta dell'INT

La fattura elettronica per le spese sanitarie, oltre a una nuova ipotesi di detrazione selettiva delle spese sostenute dal contribuente, è una delle proposte avanzate dall’Istituto nazionale tributaristi.

Con il comunicato stampa del 7 gennaio 2022 l’INT suggerisce di affiancare l’obbligo di fatturazione elettronica anche per le spese sanitarie, oltre che per i contribuenti in regime forfettario.

Inoltre, nell’ottica di contrastare l’evasione fiscale, l’istituto propone di una detrazione del 25 fino a 5 mila euro annui, relativa a spese della quotidianità assoggettate a IVA al 22 per cento.

Fattura elettronica spese sanitarie: la proposta dell’INT

Fattura elettronica per le spese sanitarie e una nuova detrazione selettiva delle spese sostenute dal contribuente.

Queste sono, in estrema sintesi, le proposte avanzate dall’Istituto nazionale tributaristi nel comunicato stampa del 7 gennaio 2022.

Tali proposte si inseriscono nell’ambito della lotta all’evasione fiscale sugli acquisti quotidiani di beni e servizi.

Il contrasto all’evasione deve essere portato avanti con i controlli tradizionali ma anche con la condivisione delle banche dati fiscali e l’estensione dell’obbligo di fatturazione elettronica ai soggetti in regime forfettario, secondo quanto sostiene l’INT.

L’istituto propone, inoltre, l’estensione della fatturazione elettronica alle spese sanitarie e una nuova metodologia selettiva delle spese detraibili da parte del contribuente.

La detrazione delle spese potrebbe essere prevista nella misura del 25 per cento e fino a 5 mila euro annui.

Le spese che darebbero diritto alla detrazione sarebbero quelle pagate con sistemi tracciati e certificate da fattura o scontrino parlante.

L’INT spiega, inoltre, che un mese prima della campagna dichiarativa si potrebbero estrarre un certo numero di codici ATECO di attività i cui beni o servizi rientrino tra quelli detraibili.

Dal momento che la misura della detrazione è maggiore dell’aliquota più elevata dell’IVA:

“si ridurrebbe una delle motivazioni che induce a non richiedere fattura e/o scontrino.”

Inoltre, il fatto di non conoscere a priori quali spese saranno effettivamente detraibili renderebbe più difficili e meno convenienti eventuali accordi di evasione.

Fattura elettronica spese sanitarie: le dichiarazioni del presidente Alemanno

Con il comunicato del 7 gennaio 2022 vengono diffuse anche le dichiarazioni del presidente dell’INT Riccardo Alemanno.

In merito alla lotta all’evasione fiscale, Alemanno dichiara:

“Non esiste una soluzione certa ed infallibile circa la lotta all’evasione fiscale, tanto meno una detrazione totale delle spese che creerebbe problemi di equità e di welfare.”

Il presidente dell’INT, inoltre, sottolinea l’importanza dell’utilizzo del digitale:

“Anche quanto da noi ipotizzato non sarà la panacea di questa piaga sociale, ma l’utilizzo del digitale, sempre garantendo la privacy dei dati, e l’incertezza di quali spese potranno essere detratte, potrebbero garantire risultati maggiori.”

Oltre all’utilizzo dei più recenti mezzi tecnici, tuttavia, è necessario un cambio di mentalità.

A riguardo il presidente Alemanno spiega:

“Ovviamente bisognerà contestualmente operare anche sulle persone, soprattutto sulle nuove generazioni perché si tratta anche di un problema culturale, e ridurre ulteriormente la pressione fiscale, iniziata con la revisione dell’IRPEF e la parziale cancellazione dell’IRAP, poiché l’utilizzo di nuovi strumenti e forme di controllo non può prescindere dalla riduzione della pressione fiscale, dalla semplificazione burocratica e da una più attenta gestione della spesa pubblica. Certamente non sarà semplice, oltretutto con il continuo imperversare della pandemia, ma un cambio di passo e di mentalità sono necessari.”

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network