Entrate tributarie, i dati MEF 2019: 471,6 miliardi di gettito e aumento dell’1,7%

Tommaso Gavi - Fisco

Entrate tributarie, nel 2019 sono 471,6 i miliardi di euro del gettito statale. A fornire una fotografia dell'anno concluso sono i dati MEF del comunicato numero 40 del 5 marzo 2020. Il PIL è cresciuto dello 0,3% con un aumento sia delle imposte dirette sia di quelle indirette.

Entrate tributarie, i dati MEF 2019: 471,6 miliardi di gettito e aumento dell'1,7%

Entrate Tributarie, nel 2019 il gettito si attesta a 471,6 miliardi, 1,7 punti percentuali in più rispetto all’anno precedente.

Il comunicato MEF numero 40 del 5 marzo 2020 fa il punto della situazione sullo scorso anno.

Il PIL è cresciuto dello 0,3% portando il rapporto tra deficit e PIL a ad 1,6 punti in negativo, contro il 2,2%, anch’esso in negativo, del 2018.

Il dato positivo è dovuto al gettito Irpef ed Ires, per quanto riguarda le imposte dirette e all’IVA e all’imposta su lotto e lotterie, sul fronte delle imposte indirette.

Il risultato dell’IVA è probabilmente legato alla fatturazione elettronica, obbligatoria dal 1° gennaio 2019.

Entrate tributarie, i dati del comunicato MEF sul gettito del 2019: 471,6 miliardi di euro

Come riportato nel comunicato stampa numero 40 del 5 febbraio 2020, le entrate tributarie erariali del 2019 ammontano a 471.622 milioni di euro segnando un incremento di 7.847 milioni di euro rispetto al 2018, che in termini percentuali equivale all’1,7.

PDF - 288 Kb
MEF - Comunicato stampa numero 40 del 5 marzo 2020
Entrate Tributarie: nel 2019 gettito di 471,6 miliardi (+1,7%).

Rispetto allo scorso anno le principali differenze si rilevano nei mesi di agosto e di novembre.

Nel primo caso ad incidere è stato il differimento al 30 settembre dei termini di versamento per i soggetti ISA, ossia coloro i quali svolgono attività economiche per le quali sono stati approvati nel 2019 gli indicatori sintetici di affidabilità.

Nel secondo caso, invece, i dati sono falsati dallo slittamento al 2 dicembre dei versamenti relativi alle imposte autoliquidate, dal momento che la scadenza del 30 novembre cadeva di sabato.

Già nel report precedente il MEF, Ministero del’Economia e delle Finanze evidenziava la necessità di avere a disposizione i dati di dicembre 2019 per avere informazioni più complete.

Entrate tributarie, i dati MEF del 2019: le imposte dirette

Le entrate tributarie del 2019, presentate attraverso il comunicato MEF, mostrano un aumento delle imposte dirette che si attestano a 252.284 milioni di euro, con una crescita di 4.513 milioni di euro, ovvero dell’1,8%.

Cresce l’Irpef da lavoro dipendente e da pensione che sono aumentate di 5.087 milioni di euro, ossia del 3,3%.

Ad incidere in questo caso sono due fattori:

  • la crescita dell’occupazione, che nell’anno 2019 è salita dello 0,6%;
  • l’aumento delle retribuzioni lorde pro-capite che sono cresciute dell’1,1%.

La stessa imposta è crollata di 10 punti percentuali, se si fa riferimento alle ritenute sul lavoro autonomo che sono diminuite di 1.276 milioni di euro.

La causa delle minori entrate è questa volta ascrivibile all’allargamento del regime dei minimi ai soggetti con ricavi fino a 65.000 euro, per i quali non è stata applicata la ritenuta d’acconto del 20% sui compensi percepiti nel 2019.

Cresce di quasi 350 milioni di euro l’autoliquidazione Irpef e il gettito dell’imposta sul reddito delle società.

Il gettito dell’imposta sostitutiva sui redditi e le ritenute sugli interessi e altri redditi di capitale si attesta a 8.281 milioni di euro, segnando un incremento dell’1,5% pari a 120 milioni di euro.

Entrate tributarie, i dati MEF del 2019: le imposte indirette

Sul fronte delle imposte indirette i dati MEF delle Entrate tributarie del 2019 mostrano una crescita di 3.334 milioni di euro pari al 1,5%, che porta il totale a 219.338 milioni di euro.

Il dato più significativo è la crescita dell’IVA, imposta che è aumentata di 2,5 punti percentuali per un totale di 3.306 milioni di euro di maggior gettito.

Nello specifico le componenti dell’IVA sono riassunti in tabella.

Composizione settoriale dell’IVA Variazione in termini assoluti Variazione in termini percentuali
componente sugli scambi interni 3.623 milioni di euro +3,0%
componente sulle importazioni –317 milioni di euro -2,2%

Il risultato dell’IVA è probabilmente collegato all’obbligatorietà della fattura elettronica a partire dal 1° gennaio 2019.

I settori che hanno contribuito alla crescita sono l’industria, con un aumento del 9,4% e il commercio, con una crescita dello 0,3%.

Per i servizi privati c’è stata, invece, una variazione negativa di 2 punti percentuali.

Il quadro delle altre imposte è variegato ed è riassunto nella tabella seguente.

Imposta Variazione
imposta sulle assicurazioni +12,1%
tasse e imposte ipotecarie -18 milioni di euro, -1,1%
imposte dei diritti catastali e di scritturato -46 milioni di euro, -7,0%
imposta di bollo -421 milioni di euro, -6,0%
imposta di registro -241 milioni di euro, -4,8%

Entrate tributarie, i dati MEF del 2019: gettito dai giochi e attività di accertamento e controllo

A completare il quadro delle entrate tributarie ci sono quelle derivanti dai giochi che, per il 2019, si attestano a 15.563 milioni di euro, con una crescita di 940 milioni di euro che in termini percentuali equivale al 6,4.

Le due voci che hanno determinato la crescita sono:

  • l’imposta sugli apparecchi e congegni di gioco, con un aumento del 12,4%, ossia del 727 milioni di euro;
  • le entrate del gioco del lotto, cresciute dell’1,6%.

Per quanto riguarda le entrate derivanti da attività di accertamento e di controllo l’aumento di oltre 9 punti percentuali è riportato nella tabella di sintesi.

Voce d’entrata Entrata complessiva Variazione a livello assoluto Variazione percentuale
attività di accertamento e controllo (su imposte dirette ed indirette) 13.320 milioni di euro +1.140 milioni di euro pari a +9,4%
imposte dirette 6.918 milioni di euro +748 milioni di euro +12,1%
imposte indirette 6.401 milioni di euro +392 milioni di euro +6,5%

Entrate tributarie, i dati MEF: la fotografia di gennaio 2020

Il comunicato numero 41 del 5 marzo 2020 delinea la fotografia del mese di gennaio 2020.

PDF - 283.8 Kb
MEF - Comunicato stampa numero 41 del 5 marzo 2020
Entrate tributarie: a gennaio 2020 pari a 37,7 miliardi (+3,1%).

Nel primo mese dell’anno sono stati incassati 37.687 milioni di euro, con un aumento di 1.140 milioni di euro rispetto allo stesso mese del 2019, pari al 3,1%.

Le imposte dirette sono cresciute del 3,3% attestandosi a 26.219 milioni di euro

Anche le imposte indirette sono aumentate, questa volta del 2,8% con una variazione in positivo di 311 milioni di euro, per un totale di 11.468 milioni di euro.

Le entrate derivanti da accertamento e controllo hanno invece portato nelle casse statali 824 milioni di euro, 58 milioni in più per un aumento del 7,6%.

L’importo è suddiviso come segue:

  • 348 milioni di euro dalle attività di accertamento di imposte dirette;
  • 476 milioni di euro dalle attività di accertamento di imposte indirette.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it