Ecobonus e sismabonus, piattaforma cessione credito: guida e istruzioni AdE

Tommaso Gavi - Irpef

Ecobonus e sismabonus, è online da la piattaforma per gestire le cessioni dei crediti e gli sconti in fattura: fornitori e cessionari possono confermare e monitorare le operazioni già effettuate per i lavori di miglioramento energetico e riduzione del rischio sismico della casa. Si accede dall'area riservata del sito dell'Agenzia delle Entrate.

Ecobonus e sismabonus, piattaforma cessione credito: guida e istruzioni AdE

Ecobonus e sismabonus, la piattaforma per controllare e accettare i crediti ricevuti e gli sconti è disponibile online, all’interno dell’area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate.

I fornitori che hanno applicato gli sconti e i soggetti cessionari dei crediti, attraverso il servizio online, possono confermare l’applicazione dello sconto e la cessione del credito ed eventualmente comunicare all’Agenzia un’ulteriore cessione del credito ricevuto.

Si possono confermare operazioni già effettuate ma la piattaforma non ne permette di nuove.

Alla piattaforma si accede seguendo il percorso “la mia scrivania”, “servizi per” e “comunicare”.

Una guida spiega in modo dettagliato e attraverso screenshot del sito le possibilità a disposizione degli utenti.

Le informazioni utili sui servizi e sulle istruzioni da seguire per gestire i crediti d’imposta e gli sconti.

Ecobonus e sismabonus, come funzionano la cessione del credito e lo sconto in fattura

La nuova piattaforma a cui si accede attraverso l’area riservata dell’Agenzia delle Entrate dà la possibilità a fornitori e cessionari di confermare sconti in fattura e cessioni del credito per i lavori di miglioramento energetico e riduzione del rischio sismico della casa.

Il sistema gestisce le cessioni di crediti dei contribuenti che possono scegliere di ricevere subito la somma della detrazione subito invece che in 5 o 10 anni, cedendola.

Ceduta la detrazione ai fornitori, questi ultimi potranno sfruttare i crediti in compensazione in un numero di rate dello stesso importo a quello previsto dalla detrazione.

Fino al 31 dicembre 2019, ricordiamo, era anche possibile richiedere lo sconto in fattura, che da tale data può essere richiesto solo per lavori condominiali di importo pari o superiore a 200.000 euro.

L’opzione deve essere comunicata all’Agenzia delle Entrate entro il 28 febbraio dell’anno successivo a quello di sostenimento delle spese, seguendo le indicazioni del provvedimento del 31 luglio 2019.

La comunicazione deve fornire le seguenti informazioni:

  • la denominazione e il codice fiscale del soggetto avente diritto alla detrazione;
  • la tipologia di intervento effettuato;
  • l’importo complessivo della spesa sostenuta;
  • l’anno di sostenimento della spesa;
  • l’importo complessivo del contributo richiesto (pari alla detrazione spettante);
  • i dati catastali dell’immobile oggetto dell’intervento;
  • la denominazione e il codice fiscale del fornitore che applica lo sconto;
  • la data in cui è stata esercitata l’opzione;
  • l’assenso del fornitore all’esercizio dell’opzione e la conferma del riconoscimento del contributo, sotto forma di sconto di pari importo sul corrispettivo dovuto per l’intervento effettuato.

Ecobonus e sismabonus: le funzionalità della piattaforma per la gestione dei crediti d’imposta

La piattaforma dell’Agenzia delle Entrate per la gestione dei crediti di imposta di Ecobonus e Sismabonus è in rete: l’ultimo passaggio resta il codice tributo per permettere il recupero del credito in compensazione attraverso il modello F24.

Il servizio online permette ai fornitori che hanno applicato gli sconti ed ai cessionari di crediti di confermare e monitorare le operazioni già realizzate.

Il nuovo servizio dell’Agenzia delle Entrate permette dunque di monitorare, confermare ed eseguire operazioni sulle cessioni di crediti già effettuate ma non consente nuove cessioni di crediti.

Grazie alla piattaforma, a cui si può accedere attraverso l’area riservata, gli utenti potranno svolgere le seguenti operazioni:

  • monitorare i crediti: per consultare il riepilogo di cessioni e/o accettazioni dei crediti effettuate;
  • cedere crediti: per comunicare all’Agenzia la cessione, totale o parziale, di bonus ad altri soggetti;
  • accettare crediti/sconti: per accettare o rifiutare i crediti ricevuti;
  • consultare la lista movimenti: per effettuare interrogazioni sulle operazioni eseguite.

Il servizio online conferma, dunque, le cessioni e gli sconti già operati.

La conferma è necessaria per rendere disponibile il credito, che può essere accettato o rifiutato per l’intero importo.

La piattaforma consente a cessionario e cedente di verificare i crediti ricevuti, ceduti e accettati, che saranno poi disponibili nel cassetto fiscale.

Ecobonus e sismabonus: le istruzioni della guida online per la gestione dei crediti

Le istruzioni per l’utilizzo della piattaforma per la gestione dei crediti Ecobonus e Sismabonus si trovano all’interno della guida dell’Agenzia delle Entrate.

PDF - 1.3 Mb
Agenzia delle Entrate - Guida all’utilizzo della piattaforma di cessione di crediti Ecobonus e Sismabonus
Guida all’utilizzo della procedura per la comunicazione all’Agenzia delle Entrate delle cessioni dei crediti (PIATTAFORMA CESSIONE CREDITI).

Seguendo le indicazioni del documento, gli utenti potranno usufruire dei servizi spiegati in modo dettagliato anche attraverso immagini delle schermate dalla piattaforma.

Per utilizzare tali servizi è necessario accedere all’area privata del sito dell’Agenzia delle Entrate utilizzando l’apposito PIN.

Il percorso da seguire è: “la mia scrivania”, “servizi per”, “comunicare” e infine “Piattaforma cessione crediti”.

Una volta dentro la piattaforma, si accede a quattro sezioni:

  • monitoraggio crediti;
  • cessione crediti;
  • accettazione crediti/sconti;
  • lista movimenti.

Le funzionalità di ognuna delle sezioni sono spiegate nella guida in questione.

Nello specifico la sezione monitoraggio crediti fornisce un riepilogo dei crediti e l’anno di riferimento, delle seguenti tipologie:

  • crediti ricevuti: divisi in quelli “in attesa di accettazione”, “accettati” e “rifiutati”;
  • crediti ceduti con eventuale accettazione della cessione;
  • crediti ricevuti e accettati dall’utente, utilizzati dallo stesso utente in compensazione tramite F24, ovvero contenuti in modelli F24 in corso di perfezionamento;
  • crediti residui, che l’utente può utilizzare in compensazione tramite modello F24, oppure cedere a terzi.

La sezione cessione crediti contiene i crediti ricevuti ed accettati che, salvo casi particolari, possono essere nuovamente ceduti.

In ogni riga può essere indicato l’importo e il codice fiscale del cessionario, la cui esistenza viene verificata dalla procedura informatica: se tale codice non è valido, viene segnalato da un messaggio.

La sezione accettazione crediti/sconti permette di visualizzare i crediti e decidere quali accettare o rifiutare.

Ognuno dei crediti può essere utilizzato in compensazione a partire dal primo gennaio dell’annualità del credito o ceduto a terzi.

L’accettazione e il rifiuto non possono essere parziali e sono irreversibili: per evitare errori la piattaforma ha predisposto delle procedure che chiedono più volte conferma delle operazioni.

Infine, la sezione lista movimenti permette all’utente di consultare la lista delle cessioni di crediti di cui è cedente o cessionario.

Per facilitare la navigazione l’utente può filtrare i risultati in base al periodo di tempo ed ha una doppia opzione: visualizzare solamente i risultati o esportarli.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it