Cedolino pensione novembre 2020: ancora trattenute e rimborsi del modello 730

Rosy D’Elia - Pensioni

Cedolino pensione novembre 2020, disponibile online sul portale INPS i dati sull'assegno ricevuto: anche questo mese trattenute e rimborsi del modello 730/2020 per i pensionati. Somme erogate in anticipo a partire da oggi, 27 ottobre, presso Poste Italiane e accredito lunedì 2 novembre da parte degli istituti di credito.

Cedolino pensione novembre 2020: ancora trattenute e rimborsi del modello 730

Cedolino pensione novembre 2020, disponibile sul portale INPS: anche per questo mese i pensionati possono verificare i dettagli sull’importo ricevuto direttamente online. Continua l’attività di conguaglio del modello 730/2020 con trattenute e rimborsi sulla base dei flussi arrivati all’Agenzia delle Entrate dopo il 3 luglio.

Come per i mesi scorsi, i pensionati che riscuotono l’assegno presso Poste Italiane beneficiano del pagamento in anticipo a partire da oggi, martedì 27 ottobre, che è anche la data di accredito della pensione per i titolari di un conto BancoPosta, di un libretto di risparmio o di una Postepay Evolution.

Chi, invece, ha scelto di riceve le somme tramite gli istituti di credito dovrà aspettare lunedì 2 novembre.

Gli ingressi negli uffici di Poste Italiane sono suddivisi in ordine alfabetico.

Cognome Data per il ritiro della pensione di novembre 2020
A-B martedì 27 ottobre
C-D mercoledì 28 ottobre
E-K giovedì 29 ottobre
L-O venerdì 30 ottobre
P-R sabato 31 ottobre
S-Z lunedì 2 novembre

Cedolino pensione novembre 2020: ancora trattenute e rimborsi del modello 730

Per visualizzare il cedolino pensione di novembre 2020, è necessario prima di tutto collegarsi al sito istituzionale INPS e accedere al servizio utilizzando le credenziali previste:

  • PIN rilasciato dall’INPS;
  • SPID di livello 2 o superiore;
  • Carta di identità elettronica 3.0 (CIE);
  • Carta nazionale dei servizi (CNS).

Accedendo al portale INPS, nella sezione dedicata al cedolino pensione novembre 2020, è possibile verificare tutti gli elementi che hanno influito sull’importo della pensione.

Come per i mesi scorsi, si prosegue con l’attività di conguaglio dei modelli 730/2020 che sono stati inviati all’Agenzia delle Entrate dopo il 3 luglio.

Due sono le possibilità per circa 3 milioni di pensionati interessati:

  • rimborso sulla base dei dati inseriti nel modello 730/2020;
  • trattenuta per i conguagli a debito.

Nella notizia pubblicata il 26 ottobre 2020, l’INPS mette in guardia:

“Si ricorda che l’eventuale rateazione degli importi a debito risultanti dalla dichiarazione dei redditi deve obbligatoriamente concludersi entro il mese di novembre per cui, qualora la risultanza contabile sia stata ricevuta dall’Istituto nei mesi successivi a quello di giugno, non sarà possibile garantire il numero di rate scelto dal dichiarante per il versamento dei debiti d’imposta”.

Per i contribuenti che hanno indicato l’INPS come sostituto d’imposta per i conguagli del modello 730/2020, c’è anche la possibilità di verificare le risultanze della dichiarazione dei redditi attraverso il servizio online Assistenza fiscale (730/4): servizi al cittadino, sul portale INPS o sull’app dedicata.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network