Anche il Decreto Crescita ha il suo bonus verde, per i prodotti da riciclo e riuso

Rosy D’Elia - Irpef

Anche il Decreto Crescita ha il suo bonus verde: dal 2020 agevolazioni fiscali per le aziende che comprano prodotti da riciclo e riuso. Il credito di imposta riconosciuto per gli acquisti ecosostenibili può arrivare fino a 10.000 euro.

Anche il Decreto Crescita ha il suo bonus verde, per i prodotti da riciclo e riuso

Anche il Decreto Crescita ha il suo bonus verde: l’articolo 26 ter introduce, a partire dal 2020, agevolazioni per le aziende che comprano prodotti da riciclo e riuso.

L’ecologia ha un impatto sull’ambiente, ma anche sul fisco: il credito d’imposta che viene riconosciuto alle imprese e ai titolari di reddito di lavoro autonomo per gli acquisti ecostenibili è pari al 25% del costo e può arrivare fino a un massimo di 10.000 euro.

Dal bonus ristrutturazioni all’ecobonus per le auto elettriche o ibride: diverse misure fiscali che incentivano al rispetto per l’ambiente.

Il bonus verde del Decreto Crescita per i prodotti da riciclo e riuso: la tipologia di acquisti

La nuova disposizione spinge le aziende e i liberi professionisti verso l’ecosostenibilità. E, infatti, si ha diritto al credito per i prodotti da riciclo e riuso per i beni utilizzati effettivamente nell’esercizio delle attività svolte.

Danno diritto a un contributo del 25% specifiche tipologie di acquisti :

  • semilavorati e prodotti finiti derivanti per almeno il 75% della loro composizione, dal riciclaggio di rifiuti o di rottami;
  • compost di qualità derivante dal trattamento della frazione organica differenziata dei rifiuti.

Le condizioni per accedere al bonus sono due:

  • acquistare un prodotto con le caratteristiche indicate;
  • utilizzarlo per le attività legate all’impresa o alla professione.

Chi non rispetta il secondo requisito non è escluso totalmente dall’agevolazione, ma ha diritto a una sorta di mini-bonus, uno sconto sul prezzo, anticipato dal venditore, fino a un massimo di 5.000 euro.

Il bonus verde del Decreto Crescita per i prodotti da riciclo e riuso: come utilizzarlo

Il bonus verde per l’acquisto di prodotti da riciclo e riuso, introdotto a partire dal 2020, deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta in cui viene riconosciuto.

Come si legge nel testo dell’articolo 26 ter del Decreto Crescita, i crediti di imposta “non concorrono alla formazione del reddito e della base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive e non rilevano ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 e 109, comma 5, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917”.

Si attende il decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, che definisce i requisiti tecnici e le certificazioni idonee ad attestare la natura e le tipologie di materie e prodotti che danno diritto all’agevolazione, ma anche i criteri di applicabilità e fruizione dei crediti di imposta.

Rimandando a indicazioni più dettagliate, il testo di legge anticipa che i contribuenti possono utilizzare le somme ottenute con l’acquisto di prodotti da riciclo e riuso soltanto in compensazione, a partire dal 1° gennaio del periodo d’imposta successivo a quello di riconoscimento del credito.

Il bonus, inoltre, non è cumulabile con quello che deriva dalle spese sostenute dalle imprese per l’acquisto di prodotti realizzati con materiali provenienti dai processi di riciclo, previsto dalla Legge di Bilancio.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it