Bonus asilo nido 2019: domanda online dal 28 gennaio

Rosy D’Elia - Leggi e prassi

Bonus asilo nido 2019: domanda dal 28 gennaio, il servizio online INPS per richiedere il contributo sarà attivo dalle ore 10 e fino al 31 dicembre 2019.

Bonus asilo nido 2019: domanda online dal 28 gennaio

Bonus asilo nido 2019: dal 28 gennaio, a partire dalle ore 10, si potrà presentare la domanda per ottenere il contributo tramite il servizio online dedicato dell’INPS.

Possono richiedere il bonus asilo nido 2019 i genitori di bambini nati, adottati o affidati dal 1° gennaio 2016.

Si tratta di un contributo che arriva a un importo massimo di 1.500 euro all’anno ed è un sostegno per il pagamento delle rette degli asili nido pubblici e privati autorizzati o per le spese dei servizi assistenziali domiciliari per i bambini di età inferiore a tre anni, impossibilitati a frequentare gli asili nido in quanto affetti da gravi patologie croniche.

Bonus asilo nido 2019: domanda online dal 28 gennaio

Tutto pronto per richiedere il bonus asilo nido 2019, come si legge nella notizia pubblicata sul sito dell’INPS il 10 gennaio.

I genitori che hanno i requisiti per richiedere il contributo possono presentare la domanda a partire dalle ore 10 del 28 gennaio 2019 e fino alle 23,59 del 31 dicembre 2019 utilizzando il servizio online dedicato.

Il bonus si può ottenere per due tipi di esigenze:

  • frequenza di asili nido pubblici e privati autorizzati, contributo asilo nido. In questo caso alla domanda si dovrà allegare la documentazione per provare il pagamento almeno della retta relativa al primo mese di frequenza oppure, nel caso di asili nido pubblici che prevedono il pagamento delle rette posticipato rispetto al periodo di frequenza, la documentazione da cui risulti l’iscrizione. Per questa tipologia di contributo il genitore ha diritto a un assegno mensile che può arrivare fino a 125 euro.
  • forme assistenza domiciliare a favore dei bambini, di età inferiore a tre anni, affetti da gravi patologie croniche, contributo per introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione. In questo caso si dovrà allegare il documento, rilasciato dal pediatra di libera scelta, in cui si attesta impossibilità del bambino di frequentare l’asilo nido per l’intero anno solare di riferimento, a causa di una grave patologia cronica. Per questo contributo il genitore ha diritto ha un importo fino a 1500 euro erogato in un’unica soluzione.

La domanda può essere presentata dal genitore di un minore nato, affidato o adottato dal 1° gennaio 2016. Non è necessario rispettare limiti di reddito e presentare il modello ISEE, per beneficiare del bonus asilo nido basta trovarsi nelle seguenti condizioni:

  • avere la cittadinanza italiana;
  • avere la cittadinanza UE;
  • avere un permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
  • avere una carte di soggiorno per familiari extracomunitari di cittadini dell’Unione europea; (art. 10, decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30);
  • avere una carta di soggiorno permanente per i familiari non aventi la cittadinanza dell’Unione europea (art. 17, d.lgs. 30/2007);
  • avere lo status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria;
  • essere residente in Italia;
  • relativamente al contributo asilo nido, il richiedente deve essere il genitore che sostiene l’onere del pagamento della retta;
  • relativamente al contributo per forme di assistenza domiciliare, il richiedente deve coabitare con il figlio e avere dimora abituale nello stesso comune.

Tutti i requisiti devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda.

Bonus asilo nido 2019: come fare domanda dal 28 gennaio

Dal 28 gennaio 2019, alle ore 10, il servizio online INPS dedicato al bonus asilo nido sarà attivo per i genitori che vorranno beneficiarne. Nella domanda da presentare, una per ognuno dei figli per cui si ha diritto al bonus, è necessario indicare la tipologia di contributo e le mensilità, se si richiede un contributo asilo nido.

Sono necessari per presentare la richiesta i documenti che provano il pagamento della prima mensilità o l’iscrizione, nel caso degli asili, e il certificato del medico che attesta l’impossibilità di frequentare l’asilo nido.

La prova dell’avvenuto pagamento potrà essere fornita tramite:

  • ricevuta;
  • fattura quietanzata;
  • bollettino bancario o postale;
  • attestazione del datore di lavoro o dell’asilo nido, dell’avvenuto pagamento della retta o trattenuta in busta paga (per asili nidi aziendali).

La documentazione di avvenuto pagamento deve indicare i seguenti dati:

  • la denominazione e la partita iva dell’asilo nido;
  • il codice fiscale del minore;
  • il mese di riferimento;
  • gli estremi del pagamento o la quietanza di pagamento;
  • il nominativo del genitore che sostiene l’onere della retta.

Il servizio online sarà attivo dal 28 gennaio alle ore 10 fino al 31 dicembre 2019 alle ore 23,59. In alternativa, chi è interessato a ottenere il bonus asilo nido può presentare la domanda anche tramite:

  • Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile;
  • enti di patronato e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it