Entrate tributarie marzo 2018: aumento del 3,3% rispetto all’anno precedente

Entrate tributarie marzo 2018: il MEF con un comunicato stampa ha reso noto che nel primo trimestre del 2018 si è registrato un aumento del 3,3% rispetto all'analogo periodo dell'anno precedente.

Entrate tributarie marzo 2018: aumento del 3,3% rispetto all'anno precedente

Entrate tributarie e contributive marzo 2018: con il comunicato stampa numero 79 del 15 maggio 2018 il MEF ha informato che nei primi tre mesi del 2018 si è registrato un aumento complessivo del 3,3% (+ 5.021 milioni di euro) rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente.

Il dato pubblicato dal MEF tiene conto dell’aumento del 3,8% (+3.612 milioni di euro) delle entrate tributarie e della crescita delle entrate contributive del 2,4 % (+1.409 milioni di euro).

L’importo delle entrate tributarie comprende anche i principali tributi degli enti territoriali e le poste correttive, quindi integra il dato già diffuso con la nota del 7 maggio scorso.

Il MEF oltre a comunicare l’aumento complessivo del 3,3% delle entrate tributarie e contributive nei primi tre mesi del 2018 ha anche informato che è disponibile sul sito del Dipartimento Finanze il report delle entrate tributarie internazionali del mese di marzo 2018.

Entrate tributarie e contributive marzo 2018: il comunicato del MEF

Entrate tributarie e contributive marzo 2018: registrato un aumento complessivo del 3,3% rispetto all’analogo periodo precedente. Ad annunciarlo il MEF con il comunicato stampa n. 79 del 15 maggio 2018.

PDF - 100.2 Kb
Comunicato stampa del MEF n. 79 del 15 maggio 2018
Rapporto sulle entrate tributarie e contributive di marzo 2018

Ecco il testo ufficiale del comunicato stampa del MEF pubblicato il 15 maggio 2018:

Le entrate tributarie e contributive nei primi tre mesi del 2018 evidenziano nel complesso un aumento del 3,3%(+ 5.021 milioni di euro) rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente.
 
Il dato tiene conto dell’aumento del 3,8% (+3.612 milioni di euro) delle entrate tributarie e della crescita delle entrate contributive del 2,4 % (+1.409 milioni di euro).
 
L’importo delle entrate tributarie comprende anche i principali tributi degli enti territoriali e le poste correttive, quindi integra il dato già diffuso con la nota del 7 maggio scorso.
 
Sul sito del Dipartimento Finanze è altresì disponibile il report delle entrate tributarie internazionali del mese di marzo 2018, che fornisce l’analisi dell’andamento tendenziale del gettito tributario per i principali Paesi europei, sulla base delle informazioni diffuse con i “bollettini mensili” di Francia, Germania, Irlanda, Portogallo, Regno Unito e Spagna.
 
L’approfondimento tematico del report è dedicato ai principali incentivi fiscali a sostegno delle attività di ricerca e sviluppo (R&D) sulla base del rapporto dell’OCSE pubblicato ad aprile scorso “OECD time-series estimates of government tax relief for business R&D”. Dall’analisi emerge che nel periodo 2006-2015, in quasi tutti i paesi, è gradualmente aumentato il peso degli incentivi fiscali per il finanziamento pubblico alle attività di R&D, a svantaggio dei finanziamenti diretti, che hanno costituito, in passato, la forma primaria di finanziamento.
 
Questa dinamica è influenzata in particolare dai risultati registrati dall’Italia (+45,1), Francia (+33,3%), Irlanda (+30,2%), Spagna (+26,1) e Regno Unito (+18%). Al contrario, in Portogallo si è registrata una flessione (-12%) mentre in Germania non sono previsti incentivi fiscali in R&D ma solo sovvenzioni dirette alle imprese.

Pubblicato anche il report delle entrate tributarie internazionali del mese di marzo 2018

Il MEF, oltre ad avere comunicato che nel primo trimestre relativo al 2018 si è registrato un aumento complessivo del 3,3% delle entrate tributarie e contributive rispetto all’anno precedente, ha reso noto che è disponibile sul sito del Dipartimento Finanze il report delle entrate tributarie internazionali del mese di marzo 2018.

Tale report fornisce l’analisi dell’andamento tendenziale del gettito tributario per i principali Paesi europei, sulla base delle informazioni diffuse con i “bollettini mensili” di Francia, Germania, Irlanda, Portogallo, Regno Unito e Spagna.

L’obiettivo del report delle entrate tributarie internazionali del mese di marzo 2018 è quello di analizzare i principali incentivi fiscali a sostegno delle attività di ricerca e sviluppo (R&D) sulla base del rapporto dell’OCSE pubblicato ad aprile scorso.

Dall’analisi è emerso che nel periodo 2006-2015, in quasi tutti i paesi, è gradualmente aumentato il peso degli incentivi fiscali per il finanziamento pubblico alle attività di R&D, a svantaggio dei finanziamenti diretti, che hanno costituito, in passato, la forma primaria di finanziamento.