Entrate tributarie gennaio-agosto 2020: gettito pari a 271,6 miliardi

Guendalina Grossi - Imposte

Il MEF ha reso noto che le entrate tributarie nei primi otto mesi dell'anno il gettito è stato pari a 271,6 miliardi. Ecco tutto quello che c'è da sapere.

Entrate tributarie gennaio-agosto 2020: gettito pari a 271,6 miliardi

Entrate tributarie gennaio-agosto 2020: con un comunicato stampa pubblicato oggi, 5 ottobre 2020, ha reso noto che nei primi otto mesi dell’anno il gettito è stato pari a 271,6 miliardi.

La variazione negativa riflette sia il peggioramento congiunturale sia gli effetti delle misure adottate dal Governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria.

Il risultato dei primi otto mesi del 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, inoltre, presenta elementi di disomogeneità dovuti al fatto che i versamenti di quest’anno comprendono quelli dei contribuenti ISA e “minimi o forfettari” che, nell’anno 2019, avevano versato a scadenze differite rispetto a quelle ordinarie per effetto della proroga dei versamenti.

Ma vediamo nel dettaglio a quanto ammontano le imposte dirette, indirette e le entrate da accertamento e controllo.

Entrate tributarie gennaio-agosto 2020: gettito pari a 271,6 miliardi

Il MEF con il comunicato stampa n. 222 del 5 ottobre 2020, ha reso noto che le entrate tributarie nei primi otto mesi dell’anno ammontano a 271.566 milioni di euro, segnando una riduzione di 16.692 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-5,8%).

La variazione negativa dipende dagli effetti dei vari interventi normativi che hanno disposto la sospensione di versamenti tributari e contributivi per alcune categorie di contribuenti e settori di attività.

Per ciò che concerne le imposte dirette, queste ammontano a 159.689 milioni di euro, con un incremento di 7.128 milioni di euro (+4,7%) rispetto allo stesso periodo del 2019.

Il gettito Irpef è pari a 122.185 milioni di euro (+0,3%), mostrando una sostanziale stabilità.

L’andamento delle ritenute sui redditi dei dipendenti del settore privato e sui redditi di lavoro autonomo mostra rispettivamente una flessione dell’8,5% e dell’8,9%, mentre le ritenute sui redditi dei dipendenti del settore pubblico registrano un incremento pari al 4,7%.

Per ciò che concerne l’Ires, questo segna un incremento di 3.922 milioni di euro (+29,7%).

Entrate tributarie gennaio-agosto 2020: le imposte indirette e le entrate da accertamento e controllo

Le imposte indirette ammontano a 111.877 milioni di euro, segnando una flessione di 23.820 milioni di euro (-17,6%).

La diminuzione è imputabile principalmente al calo dell’IVA (-113.126 milioni di euro pari a -15,6%) e, in particolare, alla componente scambi interni (-10.515 milioni di euro pari a -14,0%), per effetto del rinvio dei versamenti dell’IVA.

Tra le altre imposte indirette registrano un incremento le entrate dell’imposta sulle assicurazioni, pari all’1,4%, e quelle dell’imposta di bollo +3,9%, mentre il gettito dell’imposta di registro segna una diminuzione del 23%.

Per ciò che concerne, invece, le entrate tributarie erariali derivanti da attività di accertamento e controllo, queste si attestano a 5.564 milioni (-2.369 milioni di euro, pari a -29,9%) di cui:

  • 2.544 milioni di euro (-1.627 milioni di euro, -39,0%) sono affluiti dalle imposte dirette
  • 3.020 milioni di euro (-742 milioni di euro, -19,7%) dalle imposte indirette.

I risultati sono influenzati dal decreto “Cura Italia” che aveva già sospeso i termini di versamento delle entrate tributarie ed extratributarie derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione nel periodo dall’8 marzo al 31 maggio 2020, termini ulteriormente prorogati dal Decreto Rilancio fino al 31 agosto.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il comunicato stampa n. 222 del MEF allegato di seguito.

Comunicato stampa del MEF n.222 del 5 ottobre 2020
Entrate tributarie: nei primi otto mesi dell’anno gettito pari a 271,6 miliardi

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network