Dal bonus auto all’acqua potabile: i provvedimenti attuativi attesi a fine gennaio 2021

Anna Maria D’Andrea - Dichiarazioni e adempimenti

La Legge di Bilancio 2021 porta con sé un numero rilevante di provvedimenti attuativi. I primi sono attesi a fine gennaio: dal bonus auto, fino al credito d'imposta per i sistemi di filtraggio di acqua potabile, ecco le novità che dovrebbero debuttare ormai a breve.

Dal bonus auto all'acqua potabile: i provvedimenti attuativi attesi a fine gennaio 2021

Bonus auto, sistemi per il filtraggio dell’acqua potabile, nuova tariffa per le revisioni e relativo bonus compensativo: sono questi i primi provvedimenti attuativi previsti dalla Legge di Bilancio 2021 attesi ormai a breve.

La Legge di Bilancio segna soltanto l’avvio di un’attività legislativa intensa. Così è da sempre, e la Manovra del 2021 non è da meno.

Sono numerosi i bonus e le nuove agevolazioni per famiglie ed imprese per la cui attuazione è previsto un ulteriore passaggio da parte dei ministeri competenti, dell’INPS, o dell’Agenzia delle Entrate, in tempi che variano da 30 e fino ad un massimo di 90 giorni.

La prima dead line è quella dei 30 giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di Bilancio 2021. Passiamo in rassegna quali sono le novità attese ormai a breve.

Dal bonus auto all’acqua potabile: i provvedimenti attuativi attesi a fine gennaio 2021

Accanto ai lavori per l’emanazione del decreto Ristori 5, l’attività legislativa dei ministeri, così come quella amministrativa di INPS ed Agenzia delle Entrate, si trova a dover fare i conti con l’attuazione delle misure previste dalla Legge di Bilancio 2021.

Entrata in vigore il 1° gennaio 2021, è tra la fine di gennaio ed i primi giorni del mese di febbraio che si attendono i primi decreti attuativi.

Il primo, tra quelli citati dalla Legge di Bilancio 2021, è relativo all’avvio del bonus auto per i nuclei familiari con ISEE inferiore a 30.000 euro. La Manovra introduce un bonus specifico per l’acquisto di veicoli elettrici, pari al 40% del costo risultante dal listino della casa automobilistica, fino ad un massimo di 30.000 euro al netto dell’IVA.

È il MISE, di concerto con il MEF, a dover emanare il decreto attuativo per la definizione di modalità e termini per l’accesso al bonus per le auto elettriche.

Dall’Agenzia delle Entrate si attende invece l’emanazione del provvedimento attuativo relativo al credito d’imposta del 50% per i sistemi di filtraggio di acqua potabile, agevolazione introdotta con il fine di ridurre il consumo di plastica.

Nel dettaglio, il bonus spetta per i sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento ed aggiunta di anidride carbonica alimentare. Potranno accedervi sia i privati, per un importo massimo di 1.000 euro di spesa, che gli esercenti attività economiche, entro i 5.000 euro di spesa per ciascun immobile adibito all’attività commerciale o istituzionale.

Il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate dovrà delineare criteri, modalità di applicazione ed utilizzo del credito d’imposta. Si ricorda inoltre che sempre all’Agenzia delle Entrate (e alle Dogane) è affidato il compito di emanare, non più tardi del 1° febbraio 2021, il provvedimento relativo all’avvio della lotteria degli scontrini.

Buono “veicoli sicuri” una tantum per compensare l’aumento del costo revisione auto per il 2021

La palla passa poi nelle mani del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di Bilancio 2021 è chiamato ad emanare il decreto attuativo, di concerto con il MEF, relativo al bonus compensativo per l’aumento della tariffa per le revisioni auto.

Il bonus, previsto nel 2021 per un solo veicolo e per una sola volta, è direttamente collegato e di pari importo dell’incremento di 9,95 euro della tariffa per la revisione dei veicoli a motore e rimorchi.

Imprese agricole, credito d’imposta per l’e-commerce in Legge di Bilancio 2021. Per il via serve un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate

La Legge di Bilancio 2021 ha esteso alle imprese agricole il credito d’imposta disciplinato dall’articolo 3, comma 1 del decreto legge n. 91/2014.

Il credito d’imposta finalizzato a sostenere il Made in Italy spetta, fino al 2023, anche alle reti di imprese agricole e agroalimentari, anche se costituite come cooperative e consorzi o aderenti ai disciplinari delle Strade del Vino.

L’agevolazione punta a sostenere lo sviluppo di infrastrutture informatiche per l’e-commerce internazionale. L’attuazione è demandata all’Agenzia delle Entrate, che con apposito provvedimento - atteso sempre entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di Bilancio 2021 - dovrà stabilire criteri e modalità di applicazione e fruizione del credito d’imposta.

Dalla cassa integrazione alle nuove assunzioni dei comuni per la gestione del superbonus 110%

Non mancano i provvedimenti attuativi in materia di lavoro.

Il primo, atteso entro gennaio 2021, riguarda la cassa integrazione guadagni straordinaria e la mobilità in deroga nelle aree di crisi industriale complessa individuate dalle regioni per il 2020, e non ancora autorizzate per mancanza di copertura finanziaria.

Per la ripartizione del Fondo da 10 milioni di euro previsto dalla Legge di Bilancio 2021, si attende un apposito decreto del Ministero del Lavoro, di concerto con il MEF.

Spazio poi alle nuove assunzioni nei comuni, al fine di velocizzare i procedimenti di gestione relativi ai lavori ammessi al superbonus del 110%. La Legge di Bilancio 2021 consente l’assunzione a tempo determinato e a tempo parziale, per un massimo di 12 mesi, di nuovo personale da impiegare per il potenziamento degli uffici preposti agli adempimenti in materia edilizia. Le risorse previste ammontano a 10 milioni di euro per il 2021.

Entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di Bilancio 2021 dovrà essere presentata al Ministero dello Sviluppo Economico la proposta di ripartizione delle risorse per ciascun Comune, sentita la Conferenza Stato-città ed autonomie, passaggio preliminare all’emanazione del relativo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network