Dichiarazione dei redditi 2017: scadenza versamento Irpef, Ires e Irap

Dichiarazione dei redditi 2017: versamento Irpef, Ires e Irap in scadenza al 30 giugno 2017. Ecco novità e istruzioni per il pagamento delle imposte sui redditi.

Dichiarazione dei redditi 2017: scadenza versamento Irpef, Ires e Irap

Dichiarazione dei redditi 2017: scadenza per il versamento delle imposte Irpef, Ires e Irap modificata a seguito dell’entrata in vigore del DL 193/2017.

La scadenza per il versamento delle imposte sui redditi è differita al 30 giugno 2017 per quanto riguarda saldo e primo acconto, con un posticipo di circa due settimane dopo la modifica al Tax Day.

Fino allo scorso anno i contribuenti erano tenuti al pagamento delle imposte sui redditi nella stessa scadenza prevista per il versamento dell’acconto Imu e Tasi, fissato al 16 giugno.

Ricordiamo che i contribuenti possono richiedere la rateizzazione all’Agenzia delle Entrate per il versamento del saldo e il I° acconto delle imposte sui redditi Irpef, Ires e Irap con scadenza prevista al 30 giugno 2017.

Per il versamento del secondo o unico acconto, i contribuenti tenuti a pagare le imposte da dichiarazione dei redditi per un importo non superiore a 257,52 euro dovranno pagare le tasse entro il 30 novembre 2017 e senza possibilità di rateizzazione.

Di seguito una guida completa al versamento delle imposte da dichiarazione dei redditi 2017, con tutte le informazioni e novità su scadenza per il pagamento Irpef, Ires e Irap.

Dichiarazione dei redditi 2017: scadenza versamento Irpef, Ires e Irap

La scadenza per il versamento Irpef, Ires e Irap da dichiarazione dei redditi è fissata al 30 giugno 2017, termine che salvo proroghe dovrà essere rispettato da tutti i contribuenti tenuti a pagare il saldo e l’eventuale prima rata di acconto addebitata.

Oltre ai casi in cui è ammessa la rateizzazione, ricordiamo che il pagamento può essere posticipato a 30 giorni successivi alla scadenza naturale con maggiorazione dello 0,40 per cento sulle imposte sui redditi 2017.

La scadenza in caso di pagamento entro 30 giorni dal temine naturale per il versamento delle imposte Irpef, Ires e Irap è fissata al 31 luglio 2017; la scadenza naturale dei 30 giorni cade di domenica e come previsto dalla normativa il termine ultimo slitta al primo giorno utile, ovvero al lunedì immediatamente successivo.

Per i titolari di redditi da lavoro dipendente e da pensione e i contribuenti che presentano il modello 730/2017 con indicazione del sostituto d’imposta, il versamento Irpef 2017 e le operazioni di conguaglio per importi a debito o rimborsi del credito fiscale saranno effettuati direttamente dal datore di lavoro o dall’ente pensionistico, con addebito o accredito nella busta paga a partire dal mese di luglio 2017.

Diverse le regole per i contribuenti in regime dei minimi e forfettari, tenuti a calcolare e versare saldo e acconto dell’imposta sostitutiva in modalità differenti sulla base delle singole situazioni.

Dichiarazione dei redditi 2017: scadenza, rateizzazione e versamento saldo e acconto Irpef, Ires e Irap

Le scadenze per il versamento Irpef, Ires e Irap da dichiarazione dei redditi 2017 sono le stesse.

Le persone fisiche, società di capitali e società di persone che presentano la dichiarazione dei redditi 2017 devono versare il saldo e l’eventuale prima rata di acconto delle imposte secondo le seguenti scadenze:

  • 30 giugno 2017, ovvero 31 luglio con maggiorazione dello 0,40%;
  • 30 novembre in caso di seconda o unica rata di acconto Irpef 2017.

Sono tenuti a pagare l’acconto Irpef, Ires e Irap i contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi 2017 nel caso in cui l’imposta riferita all’anno precedente, al netto di detrazioni, crediti d’imposta, ritenute e eccedenze, risulti superiore a 51,65 euro.

Per un ulteriore approfondimento i lettori possono consultare la guida a calcolo e regole per il versamento del saldo e acconto Irpef 2017.

L’acconto delle imposte sui redditi 2017 deve essere versato in un’unica scadenza o in due rate:

  • versamento acconto Irpef, Ires e Irap in unica scadenza, entro il 30 novembre 2017, nel caso di imposta inferiore a 257,52 euro;
  • versamento Irpef, Ires e Irap in due rate, se l’acconto d’imposta dovuto sia pari o superiore a 257,52 euro: la prima rata (40% Irpef) dovrà essre pagata entro il 30 giugno; la seconda (60% Irpef) entro il 30 novembre.

Per il versamento del saldo d’imposta e di prima rata di acconto in scadenza il 30 giugno 2017 è ammessa la rateizzazione dell’imposta fino ad un massimo di 6 rate, da completare entro il mese di novembre. Non è ammessa la rateizzazione dell’importo di acconto Irpef dovuto per il mese di novembre.

Ricordiamo che entro il prossimo 30 giugno 2017 è prevista anche la scadenza del saldo 2016 e del primo acconto 2017 della cedolare secca sugli affitti.