Ultime notizie pensioni, Ape volontaria: tempi e costi in attesa dei decreti attuativi

Pensioni, Ape volontaria: mentre i relativi decreti attuativi dovrebbero essere trasmessi a breve al Consiglio di Stato, facciamo il punto con le ultime notizie sui tempi e costi della misura.

Ultime notizie pensioni, Ape volontaria: tempi e costi in attesa dei decreti attuativi

Ultime notizie pensioni: l’Ape volontaria è formalmente già in vigore ma ancora non si conoscono con esattezza i costi dell’anticipo pensionistico. Novità in materia sono attese sia dai decreti attuativi della riforma delle pensioni che permetterebbero di dare il via alla presentazione delle domande, sia dall’accordo tra Ania e Abi che dovrebbe stabilire i contorni del prestito a garanzia pensionistica.

Dalle ultime notizie pensioni fornite dal Ministro Poletti il decreto attuativo per Ape social dovrebbe essere a breve trasmesso al Consiglio di Stato in vista dell’acquisizione del relativo parere. Quanto durerà quindi l’inter di approvazione dell’anticipo pensionistico?

Cercheremo di rispondere a questa domanda nel corso dell’articolo, soffermandoci anche sulle ultime novità sull’Ape volontaria in materia di costi in attesa dei decreti attuativi.

Ultime notizie pensioni, Ape volontaria: quanto costa? Le novità in attesa dei decreti attuativi

Come noto, l’Ape volontaria potrà essere richiesta da chi ha raggiunto almeno un’anzianità anagrafica di 63 anni e una contributiva di 20. La misura non sarà senza costi per i richiedenti dal momento che è basata su di un prestito concesso da banche e istituti di credito che dovrà essere ripagato entro 20 anni dall’erogazione della pensione effettiva. In attesa delle ultime notizie circa i decreti attuativi e gli accordi quadro tra Ania e Abi, è possibile ad oggi fornire delle informazioni circostanziate circa il costo dell’Ape volontaria.

In relazione al costo dell’anticipo pensionistico è da rimarcare come il prestito al quale si avrà diritto con l’Ape volontaria garantirà un tasso agevolato più conveniente della stragrande maggioranza delle altre opzioni sul mercato. Ciò a causa delle garanzie che mette in campo le misura che coinvolgono i contributi per le pensioni versati dal richiedente, l’assicurazione in caso di premorienza e il fondo di garanzia attivato presso il Mef.

Le ultime notizie sulle pensioni infatti, che dovranno essere confermate dai decreti attuativi e dall’accordo con banche e assicurazioni, segnalano un Taeg a circa 3,2 punti percentuali. Per chi avrà accesso all’Ape volontaria il tasso sarà fisso per la durata del proprio anticipo ma il tasso sarà aggiornato ogni 2 mesi.

Le condizioni effettive del prestito sono però molto varie e devono considerare in primo luogo la durata temporale richiesta per Ape volontaria che, ricordiamo non può essere inferiore ai 6 mesi e superiore ai 43. Secondo le ultime notizie da confermare con i decreti attuativi l’importo a cui si accederà per le 12 mensilità dell’Ape oscillerebbe tra il 90% e il 30% dell’assegno della pensione da calcolare in base alla durata dell’anticipo.

Dopo la pubblicazione dei decreti attuativi e delle novità definitive dagli accordi sul finanziamento l’Inps metterà a disposizione sulla propria piattaforma online un simulatore per calcolare l’importo effettivo e la decurtazione sul futuro assegno pensionistico. Secondo le ultime notizie circa l’Ape volontaria l’importo trattenuto sulla pensione dovrebbe viaggiare intorno al 4,7% per ogni anno di anticipo.

Ultime notizie pensioni: quando verranno pubblicati i decreti attuativi per Ape volontaria?

Se non è possibile indicare con precisione quando saranno pubblicati i decreti attuativi per l’Ape volontaria è possibile farsi un’idea generale delle tempistiche richieste operando un confronto con il percorso che stanno seguendo al momento Ape sociale e Quota 41. Le due misure sono ad uno stato più avanzato di elaborazione e secondo le ultime notizie pensioni dovrebbero già essere state trasmesse alla Corte dei Conti per il vaglio finale.

I decreti attuativi di Ape social e Quota 41 sono stati trasmessi al Consiglio di Stato il 21 aprile, hanno ricevuto il parere il 28 e, secondo le novità fornite pochi giorni fa dal Ministro Poletti, dovrebbero essere giunte ieri alla Corte dei Conti. Le stime attuali indicano una pubblicazione entro la prossima settimana.

Stando così le cose tra l’invio al Consiglio di Stato e la pubblicazione dei decreti attuativi sono intercorse quasi 4 settimane. Stimando tempi simili anche per l’Ape volontaria le ultime notizie di pensioni sulla pubblicazione dei decreti dovrebbero giungere a metà giugno.

È da sottolineare come questo scenario sia puramente ipotetico dal momento che la struttura e le peculiarità dell’Ape volontaria non permettono un’assimilazione automatica con le altre misure della riforma delle pensioni. È anche possibile che le novità dal Consiglio di Stato non richiedano un ripensamento così approfondito come quello richiesto per Ape social.