Telefisco 2017: proroga e modifica comunicazioni IVA

Telefisco 2017: proroga e modifica comunicazioni IVA

Anna Maria D’Andrea - Spesometro

Telefisco 2017: novità in merito alla comunicazioni Iva. Prevista la proroga e la modifica del nuovo spesometro trimestrale. Ecco le novità.

Telefisco 2017: ancora novità per le comunicazioni Iva, con una nuova proroga e modifica. L’idea diffusa che dall’appuntamento annuale di Telefisco sarebbero arrivati importanti novità in merito alle nuove comunicazioni Iva non è stata smentita e il viceministro dell’economia Luigi Casero ha annunciato l’arrivo di una proroga e della modifica alla scadenza dei termini per i nuovi adempimenti Iva 2017.

Tra le novità annunciate durante Telefisco 2017 anche quelle relative ai bilanci. Le nuove regole dovrebbero arrivare in sede di conversione del Decreto Milleproroghe e Casero ha annunciato che sarà presentato un emendamento per permettere di avere un raccordo tra bilancio civilistico e bilancio fiscale.

Tra le novità fiscali annunciate durante Telefisco 2017 anche la proroga e la modifica delle comunicazioni Iva 2017. Sarà la volta buona? I nuovi adempimenti Iva sono ormai da mesi al centro dell’attenzione dei professionisti, imprese e del legislatore. Inoltre, le comunicazioni Iva 2017 sono anche uno dei motivi dello sciopero dei commercialisti che, nonostante le novità, si farà.

Ad annunciarlo il nuovo presidente dell’Ordine dei Commercialisti, Massimo Miani, il quale ha confermato che nonostante le novità in merito alla comunicazione Iva 2017 lo sciopero ci sarà.

Ecco tutte le novità da Telefisco 2017, ovvero la relativa proroga e alla modifica delle comunicazioni Iva 2017.

Telefisco 2017: proroga e modifica comunicazioni IVA

La comunicazione Iva trimestrale al centro di Telefisco 2017, come ci si aspettava, e tra le novità una proroga dell’invio dei dati e la modifica del nuovo adempimento a carico di imprese e professionisti.

In base a quanto affermato dal viceministro dell’economia Luigi Casero sulle nuove comunicazioni Iva 2017 di fatture e liquidazioni, prima semestrali e poi trimestrali a partire dal 2018 sono in arrivo importanti novità che riguarderanno proprio la proroga delle scadenze.

La modifica alle comunicazioni Iva 2017 sarà presentata in sede di conversione del Decreto Milleproroghe e, al momento, sulla base di quanto emerso durante Telefisco 2017 le novità non dovrebbero però riguarda le liquidazioni Iva trimestrali, ma esclusivamente le comunicazioni Iva 2017 delle fatture.

Sulla base di quanto annunciato da Casero, dopo un lavoro con la direttrice dell’Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi e a seguito del confronto con i sindacati dei commercialisti, le comunicazioni Iva 2017 subiranno una modifica in merito alla scadenza.

La proroga della comunicazione Iva 2017 prevederebbe, insomma, due invii: il primo, il 18 settembre 2017 e il secondo entro il mese di febbraio 2018. L’obbligo sarà semestrale.

Nel 2018 potrebbe esserci, però, una nuova modifica in merito alla comunicazione Iva: potrebbe tornare ad essere un adempimento annuale, così come più volte richiesto da commercialisti e imprese. Per averne la certezza bisognerà però attendere; l’uso del condizionale fa pensare che la modifica e la proroga della comunicazione Iva 2018 sia ancora al vaglio del MEF, in raccordo con l’Agenzia delle Entrate.

Telefisco 2017: proroga e modifica comunicazioni IVA ma non solo. Ecco le altre novità

Non soltanto proroga e modifica delle comunicazioni Iva nel 2017 e nel 2018. Telefisco ha avuto al centro del dibattito il tema dei bilanci e della semplificazione fiscale.

Luigi Casero ha confermato che in sede di conversione del Milleproroghe sarà inserita una disposizione in grado di dare un raccordo tra bilancio civilistico e bilancio fiscale. E, nella serata di ieri, è stato depositato l’emendamento che chiede di rinviare di 15 giorni, ovvero al 16 ottobre 2017, i termini della dichiarazione Ires e Irap per le aziende, alle prese con la riforma dei bilanci relativa all’anno d’imposta 2016.

Il confronto tra esperti e istituzioni, nella figura di Casero e Orlandi, ha puntato grande attenzione sul tema della semplificazione fiscale. La direttrice dell’Agenzia delle Entrate ha voluto ricordare le ultime novità relative agli studi di settore, ovvero i nuovi modelli approvati, con la diminuzione dei dati da inserire, e i nuovi indicatori di compliance che saranno utilizzati a partire dal 2018.

E, il nuovo presidente dell’Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili, Massimo Miani, ha sottolineato quanto sia indispensabile il coinvolgimento dei commercialisti in sede di definizione delle novità fiscali. La comunicazione Iva 2017 è, infatti, soltanto uno degli esempi di mancato raccordo tra professionisti e istituzioni e, nonostante la modifica e la proroga, il malcontento non si placa.

Dopo Telefisco 2017, il prossimo appuntamento è lo sciopero dei commercialisti. Vi terremo aggiornati su tutte le novità.

Iscriviti alla nostra newsletter


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03