Giovani, sgravi fiscali assunzioni: ecco le misure della Legge di Bilancio 2018

Anna Maria D’Andrea - Incentivi alle imprese

Sgravi fiscali per nuove assunzioni di giovani under 32: sarà questo il perno della Legge di Bilancio 2018 e del DEF che dovrà essere presentato entro il prossimo 20 settembre 2017.

Giovani, sgravi fiscali assunzioni: ecco le misure della Legge di Bilancio 2018

Giovani e lavoro: la Legge di Bilancio 2018 introdurrà nuovi sgravi per le assunzioni di under 32 o under 29.

Le misure che sono attualmente all’esame del Governo prevedono, per le imprese che effettueranno nuove assunzioni, agevolazioni contributive: un bonus assunzioni corposo e permanente, che dovrà essere messo a punto entro il 20 settembre 2017, giorno in cui sarà presentato il Documento di Economia e Finanza.

Attualmente è ancora incerto il limite d’età che sarà inserito in Legge di Bilancio 2018 per l’accesso alle agevolazioni; i necessari chiarimenti arriveranno con il DEF prima e con la discussione della Legge di Bilancio 2018 in seguito, anche se è chiaro che le risorse saranno limitate e gli interventi mirati e selettivi, come annunciato dallo stesso Premier Gentiloni.

Ecco quali sono le misure all’esame del Governo e quali sono gli sgravi fiscali e le agevolazioni per le nuove assunzioni di giovani previste con la Legge di Bilancio 2018.

Giovani, sgravi fiscali assunzioni: ecco le misure della Legge di Bilancio 2018

Che le limitate risorse della Legge di Bilancio 2018 saranno utilizzate sopratutto per i giovani era stato già annunciato dal Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan. Si lavorerà per incentivare l’occupazione giovanile e per introdurre mirati interventi fiscali, con una possibile revisione di detrazioni e agevolazioni fiscali e con la sempre più verosimile introduzione della fatturazione elettronica tra privati.

La conferma è arrivata ieri dal Premier Gentiloni che, durante il Meeting di Rimini, ha ribadito la volontà del Governo di inserire nuove agevolazioni e uno sgravio contributivo permanente per le assunzioni di giovani under 32.

Si tratterà dell’atto conclusivo della Legislatura, caratterizzata tra l’altro dal bonus assunzioni e dagli sgravi per il Sud volute dall’ex Premier Renzi nella Legge di Bilancio 2017.

Ecco una parte dell’intervento del Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini:

Giovani, dimezzati i contributi Inps per i primi due anni e riduzione strutturale a partire dal terzo: il cantiere della Legge di Bilancio 2018

Le misure che prenderanno piede nella Legge di Bilancio 2018 sono ancora in fase di definizione ma pare certo che i contributi Inps per le assunzioni di giovani verranno non soltanto ridotti per i primi anni ma saranno caratterizzati da un intervento strutturale, con costi che assorbiranno buona parte delle risorse a disposizione del Governo.

Le agevolazioni per le nuove assunzioni riguarderanno, probabilmente, i giovani under 32 e consisteranno nella riduzione al 50% dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per i primi due anni; lo sgravio sarà poi strutturale a partire dal terzo anno, con una riduzione di 3 o 4 punti percentuale.

Agevolazioni assunzioni: ecco le regole per i datori di lavoro

Regole ferme e stringenti per beneficiare delle agevolazioni: Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro alla Camera, ha annunciato che il nuovo bonus per i giovani introdotto con la Legge di Bilancio 2018 sarà molto probabilmente rivolto soltanto alle assunzioni a tempo indeterminato.

Regole ferme che, secondo Enrico Zanetti, segretario di Scelta Civica, dovranno escludere dalla fruizione degli sgravi contributivi quei datori di lavoro che cesseranno rapporti di lavoro instaurati beneficiando delle precedenti agevolazioni fiscali, con una stretta all’abuso dei nuovi incentivi rivolti alle assunzioni di giovani under 32.