Scadenze fiscali gennaio 2017: adempimenti e date da ricordare

Anna Maria D’Andrea - Scadenze fiscali

Scadenze fiscali gennaio 2017: l'anno nuovo porta a nuovi adempimenti e date da ricordare. Ecco il calendario fiscale del primo mese dell'anno.

Scadenze fiscali gennaio 2017: adempimenti e date da ricordare

Scadenze fiscali gennaio 2017: anno nuovo, nuovi adempimenti e date da ricordare. Il mese di gennaio non risparmia i contribuenti e i professionisti che dovranno tener d’occhio il calendario delle imposte da pagare e degli adempimenti fiscali fin dai primi giorni dell’anno.

Se il mese di dicembre si è concluso con l’importante appuntamento dell’acconto Iva, gennaio 2017 non sarà da meno. Tra gli adempimenti per le imprese e per i contribuenti la prima data da ricordare sarà il 16 gennaio, giorno di scadenze del pagamento imposte periodiche, Irpef, Iva e contributi Inps. Sarà anche l’ultimo giorno per effettuare il ravvedimento breve.

Ma altra importante data da ricordare e segnare nel calendario fiscale è il 31 gennaio 2017, giorno in cui dovranno essere inviati i dati utili al sistema Tessera Sanitaria per le compilazione del modello 730/2017 precompilato.

Andiamo per ordine e vediamo quali sono le scadenze fiscali di gennaio 2017 e quali gli adempimenti in arrivo con il primo mese del nuovo anno.

Scadenze fiscali, 16 gennaio 2017: Irpef, Iva, Inps e ravvedimento breve

Il mese di gennaio 2017 si apre, per i contribuenti impegnati con gli adempimenti tributari, il 16 gennaio 2017: dopo una breve tregua fiscale, prendono avvio gli adempimenti del nuovo anno.

Il 16 gennaio 2017 è il giorno in cui dovrà essere effettuato il versamento Iva del mese di dicembre 2016, tramite modello F24 con codice tributo 6012. L’adempimento riguarda i contribuenti che versano l’imposta mensilmente.

Inoltre, con modello F24 dovranno essere pagati i contributi Inps dovuti dal datore di lavoro e relativi alle retribuzioni del mese di ottobre.

16 gennaio 2017 scadenze anche per il versamento Irpef delle ritenute alla fonte a titolo di acconto. L’adempimento riguarda le ritenute dei sostituti d’imposta per:

  • redditi da lavoro dipendente e assimilati del mese di dicembre 2016, comprensivi di addizionali comunali e regionali;
  • redditi da lavoro autonomo relativi al mese di dicembre 2016;
  • provvigioni per rapporto di rappresentanza, agenzia, mediazione e commissione, relative al mese di dicembre 2016.

Il 16 gennaio 2017 è la data ultima per avvalersi anche del ravvedimento breve, ovvero la possibilità di pagare le imposte non saldate nel mese precedente con la riduzione delle sanzioni previste.

Scadenze fiscali, 25 gennaio 2017: Intrasat

Il 25 gennaio 2017 è il giorno dell’adempimento ciclico Intrasat. La scadenza riguarda la presentazione degli elenchi riepilogativi relativi a cessione e acquisti di servizi intracomunitari. Il modello Intrasat dovrà essere presentato il modalità telematica all’Agenzia delle Entrate o all’Agenzia delle Dogane.

L’adempimento Intrasat riguarda:

  • dati relativi al mese di dicembre per contribuenti con obbligo mensile che effettuano acquisti comunitari per più di 50 mila euro all’anno;
  • contribuenti con obbligo trimestrale per acquisti relativi al quarto trimestre 2016.

Scadenze fiscali, 31 gennaio 2017: dati sistema Tessera Sanitaria

La fine del mese porta l’importante adempimento per le imprese del settore sanitario. La scadenze è fissata al 31 gennaio 2017 e riguarda l’invio dei dati delle spese sanitarie sostenute dai contribuenti nel 2016.

I dati dovranno contenere il codice fiscale del contribuente e rimborsi da inserire nel modello 730/2017.

Chiamati a rispettare la scadenza relativa all’invio dei dati al sistema Tessera Sanitaria ai fini della compilazione modello 730 precompilato sono:

  • Asl;
  • aziende ospedaliere;
  • istituti di ricovero e cura a carattere scientifico;
  • policlinici universitari;
  • farmacie pubbliche e private;
  • parafarmacie
  • presidi di specialistica ambulatoriale;
  • strutture per l’erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e di assistenza integrativa, gli altri presidi e strutture accreditati per l’erogazione dei servizi sanitari;
  • iscritti all’Albo dei medici chirurghi e degli odontoiatri;
  • iscritti agli Albi professionali degli psicologi;
  • iscritti agli Albi professionali degli infermieri;
  • iscritti agli Albi professionali delle ostetriche/i;
  • iscritti agli Albi professionali dei tecnici sanitari di radiologia medica;
  • esercenti l’arte sanitaria ausiliaria di ottico;
  • iscritti agli Albi professionali dei veterinari;
  • strutture autorizzate alla vendita al dettaglio di medicinali veterinari.