Registri IVA, ecco qual è il termine per la stampa

Redazione - IVA

Registri Iva: termine per la stampa chiarito dall'Agenzia delle Entrate con la risoluzione 46/E del 10 aprile 2017. Ecco qual è la scadenza prevista.

Registri IVA, ecco qual è il termine per la stampa

Registri Iva: termine per la stampa con non pochi dubbi per il 2017, con l’anticipo della scadenza per la presentazione della dichiarazione Iva al 28 febbraio 2017.

Come noto il termine per la stampa dei registri Iva è di norma fissato a 3 mesi dalla scadenza della dichiarazione Iva; scadenza che, tuttavia, viene posticipata per il 2017 secondo quanto previsto dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione 46/E del 10 aprile.

I dubbi in merito a qual è il termine per la stampa dei registri Iva non si devono soltanto all’anticipo della scadenza per la dichiarazione Iva: a seguito di problemi tecnici il termine d’invio della dichiarazione annuale per il 2017 è stato posticipato di 3 giorni, portando la scadenza ultima al 3 marzo 2017.

Entro quando bisogna stampare i registri Iva? A chiarire qual è il termine previsto per il 2017, dopo diverse interpretazioni fuorvianti date dalla stampa specialistica, ci ha pensato l’Agenzia delle Entrate. Di seguito tutte le informazioni utili.

Registri IVA, ecco qual è il termine per la stampa

Secondo quanto disposto dall’art. 7, comma 4-ter del D.L. 357/1994 la stampa dei registri Iva deve essere effettuata entro tre mesi dalla scadenza della dichiarazione relativa.

In virtù delle disposizioni di legge di cui sopra, la stampa dei registri Iva 2017 sarebbe dovuta avvenire entro il 28 maggio 2017. Come noto esclusivamente per l’anno in corso la scadenza della dichiarazione Iva è stata anticipata al 28 febbraio 2017 e, a partire dal 2018, verrà fissata in via definitiva al 30 aprile.

Fino al 2016 era prevista la possibilità di invio della dichiarazione Iva insieme alla dichiarazione dei redditi; le nuove regole e l’invio in due scadenze diverse dei due adempimenti hanno comportato non pochi dubbi sui termini per la stampa dei registri Iva.

I chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sono stati resi noti con la risoluzione n. 46/E del 10 aprile 2017, in cui viene disposto che il termine per la stampa dei registri Iva 2017 è il 2 gennaio 2018.

Di seguito la risoluzione in oggetto e alcuni chiarimenti.

PDF - 237.2 Kb
Agenzia delle Entrate - Risoluzione n. 46/E 10 aprile 2017
Scarica la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate con alcune importanti indicazioni sulla conservazione dei documenti fiscali e sui termini per la stampa dei registri Iva

Registri IVA, stampa entro tre mesi dalla dichiarazione dei redditi

Nonostante l’anticipo della scadenza per l’invio della dichiarazione Iva 2017 non cambiano i termini previsti per la stampa dei registri Iva rispetto allo scorso anno.

Nella risoluzione n. 46/E del 10 aprile 2017 l’Agenzia delle Entrate dispone quanto segue:

“il termine di riferimento per procedere alla conservazione di tutti i documenti informatici coincide con il termine per la presentazione della dichiarazione annuale dei redditi, termine valido anche per i documenti rilevanti ai fini dell’imposta sul valore aggiunto, ancorché a partire dal periodo d’imposta 2017 i termini di presentazione delle dichiarazioni rilevanti ai fini delle imposte sui redditi e dell’IVA siano disallineati.”

Pertanto, in virtù del principio di semplificazione e uniformità del sistema, il termine per la stampa dei registri Iva 2017 è da intendersi entro tre mesi dalla scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi.

Per i contribuenti titolari di partita Iva la scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi è fissata al 30 settembre 2017 che, essendo un giorno festivo, fa slittare il termine ultimo al 2 ottobre. Pertanto, per la stampa dei registri Iva è da intendersi come data ultima il 2 gennaio 2018.