Preventivo professionisti obbligatorio, in vigore il DdL Concorrenza 2017: ecco i dati da inserire

Alessio Mauro - Ordini e casse professionali

Obbligo di preventivo per tutti i professionisti, avvocati, ingegneri e via di seguito: entro in vigore oggi 29 agosto 2017 il DdL Concorrenza. Ecco quali sono i dati da inserire nel preventivo scritto.

Preventivo professionisti obbligatorio, in vigore il DdL Concorrenza 2017: ecco i dati da inserire

Preventivo obbligatorio per tutti i professionisti, in vigore da oggi 29 agosto 2017 l’obbligo di stesura in forma scritta o in formato digitale introdotto con il DdL Concorrenza 2017.

Avvocati, architetti e in linea di principio tutti i professionisti dovranno indicare per obbligo nel preventivo non soltanto l’importo del compenso per la prestazione professionale svolta.

Il preventivo professionisti, reso obbligatorio dopo l’approvazione del DdL Concorrenza 2017, dovrà essere esclusivamente in forma scritta, anche in formato digitale, e dovrà fornire al cliente tutte le informazioni necessarie sulle spese da sostenere per la prestazione professionale, con l’indicazione del dettaglio di tutti gli oneri collegati al compenso.

Il DdL Concorrenza ha modificato quanto previsto dall’art. 9 del decreto n. 1/2012, nel quale il preventivo per le prestazione fornite da professionisti era stato introdotto ma non sempre per obbligo. Dal 29 agosto 2017, invece, sarà obbligatorio fornire ai propri clienti, in forma scritta o digitale, non soltanto il compenso ma tutte le voci di costo e le informazioni relative alle proprie competenze professionali.

Ecco, nel dettaglio, quali sono le informazioni che dovrà contenere il preventivo professionisti obbligatorio a partire da agosto.

Preventivo professionisti obbligatorio in vigore dal 29 agosto 2017: ecco come scriverlo

Il ritorno dalle ferie estive comporta la necessità per i professionisti di adeguarsi alle tante novità introdotte dal DdL Concorrenza, e tra queste, l’obbligo di preventivo.

Come dovrà essere scritto il preventivo e quali sono le informazioni che i professionisti dovranno fornire ai propri clienti?

Non soltanto il compenso dettagliato, comprensivo di tutti i costi collegati alla prestazione professionale e commisurato al grado di complessità dell’incarico.

In ogni preventivo i professionisti dovranno fornire in forma scritta (anche in formato digitale) ai propri clienti le seguenti informazioni:

  • titoli professionali e specializzazioni di modo da assicurare la trasparenza delle informazioni nei confronti dell’utenza;
  • dati dell’assicurazione in caso di danni provocati dal professionista nell’esercizio delle proprie funzioni.

Come determinare il compenso del professionista da indicare nel preventivo

Il compenso che i professionisti dovranno indicare nel preventivo dovrà essere pattuito con il cliente e non soltanto concordato in via informale.

Il tutto dovrà essere debitamente scritto e commisurato alla prestazione professionale svolta e pattuito precedentemente allo svolgimento, anche in caso di mancata richiesta da parte del cliente.

Ancor più nel dettaglio, inoltre, il DdL Concorrenza dispone che tutti i preventivi redatti a decorrere dal 29 agosto 2017 dovranno essere commisurati alla difficoltà dell’incarico e pattuito per ogni voce di costo.

Il preventivo elencherà nel dettaglio spese, oneri e contributi collegati alla prestazione del professionista che, in linea di massima, dovranno essere sostenuti e addebitati al cliente per tutto il periodo di consulenza.