Modello Iva TR: istruzioni dell’Agenzia delle Entrate

Anna Maria D’Andrea - Moduli fiscali

Modello Iva TR 2017: le istruzioni aggiornate dall'Agenzia delle Entrate per la compilazione del modulo di rimborso Iva con le novità introdotte dal D.L. 193/2017.

Modello Iva TR: istruzioni dell'Agenzia delle Entrate

Modello Iva TR 2017: con provvedimento pubblicato il 29 marzo 2017 l’Agenzia delle Entrate ha aggiornato le istruzioni per la compilazione del modulo da utilizzare per le richieste di rimborso o compensazione del credito Iva trimestrale e le specifiche tecniche per l’invio telematico.

Il modello Iva TR si aggiorna con le novità introdotte dal D.L. 193/2016, il decreto fiscale con il quale sono state inserite importanti novità in materia di Iva, tra cui i nuovi adempimenti fiscali dello spesometro e delle liquidazioni Iva trimestrali.

Per quanto riguarda le richieste di rimborso Iva, con il modello Iva TR da utilizzare a decorrere dal 2017 sarà possibile, così come previsto dall’art. 7-quater comma 32 del Decreto Fiscale 193/2016, richiedere l’importo in eccedenza a rimborso senza garanzie fino al limite massimo di 30.000 euro. Non sarà più necessario per i contribuenti che richiederanno l’Iva a rimborso presentare Durc, visti di conformità, attestati di solidità patrimoniale e garanzie.

Ecco di seguito le istruzioni aggiornate dall’Agenzia delle Entrate con provvedimento del 28 marzo 2017, le specifiche tecniche e il modello Iva TR 2017 da scaricare ed utilizzare per le richieste di rimborso Iva.

Modello Iva TR 2017: il modulo da scaricare

Il modello Iva TR, pubblicato dall’Agenzia delle Entrate, dovrà essere utilizzato dai contribuenti per le richieste a rimborso o in compensazione del credito Iva maturato nel trimestre, di importo superiore a 2.582,28 euro.

Non cambia il modello da utilizzare: il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 29 marzo 2017 specifica che dovrà essere utilizzato lo stesso approvato con provvedimento il 21 marzo 2016.

Ecco di seguito il modello Iva TR da utilizzare anche per le richieste di rimborso o compensazione del credito Iva 2017.

PDF - 47.7 Kb
Modello Iva TR
Scarica il modello Iva TR da utilizzare per le richieste di rimborso e compensazione del credito Iva 2017

Cambiano invece le istruzioni, a seguito delle novità introdotte con il D.L. 193/2016. Ecco di seguito le indicazioni dell’Agenzia delle Entrate in allegato al provvedimento del 28 marzo 2017.

Modello Iva TR 2017: le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate

Le istruzioni per la compilazione del modello Iva TR 2017 pubblicate dall’Agenzia delle Entrate si adeguano alle disposizioni introdotte dai decreti legislativi 127 e 128 del 2015, che hanno previsto ulteriori casi di esonero dalla prestazione della garanzia, e dal decreto legge n. 193 del 2016, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 225 del 2016, che ha innalzato a 30.000 euro l’ammontare dei rimborsi eseguibili senza prestazione di garanzia e senza altri adempimenti.

Ai fini della compilazione del modello Iva TR 2017 e il rigo TD6, ai fini dell’indicazione dell’ammontare complessivo del credito infrannuale chiesto a rimborso, bisognerà tenere a mente le seguenti istruzioni aggiornate sulla base di quanto previsto dal D.L. 193/2016:

  • innalzamento a 30.000 euro dell’ammontare dei rimborsi eseguibili senza prestazione di garanzia e senza altri adempimenti;
  • possibilità di ottenere i rimborsi di importo superiore a 30.000 euro senza prestazione della garanzia, presentando l’istanza munita di visto di conformità o sottoscrizione alternativa da parte dell’organo di controllo e una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà attestante la sussistenza di determinati requisiti patrimoniali;
  • obbligo di prestare la garanzia per i rimborsi superiori a 30.000 euro solo nelle ipotesi di situazioni di rischio e cioè quando il rimborso è richiesto:
    • da soggetti che esercitano un’attività di impresa da meno di due anni ad esclusione delle imprese start-up innovative di cui all’articolo 25 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179;
    • da soggetti ai quali, nei due anni precedenti la richiesta di rimborso, sono stati notificati avvisi di accertamento o di rettifica da cui risulti, per ciascun anno, una differenza tra gli importi accertati e quelli dell’imposta dovuta o del credito dichiarato superiore:
      - al 10 per cento degli importi dichiarati se questi non superano 150.000 euro;
      al 5 per cento degli importi dichiarati se questi superano 150.000 euro ma non superano 1.500.000 euro;
      - all’1 per cento degli importi dichiarati, o comunque a 150.000 euro se gli importi dichiarati superano 1.500.000 euro;
      - da soggetti che presentano l’istanza priva del visto di conformità o della sottoscrizione alternativa o non presentano la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà;
      - da soggetti passivi che richiedono il rimborso dell’eccedenza detraibile risultante all’atto della cessazione dell’attività.

Per tutte le indicazioni nel dettaglio rimandiamo alle istruzioni dell’Agenzia delle Entrate pubblicate di seguito.

PDF - 144.5 Kb
Modello Iva TR - istruzioni
Scarica le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate per la compilazione del modello Iva TR 2017

Modello Iva TR 2017: specifiche tecniche

Il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate modifica, oltre alle istruzioni, anche le specifiche tecniche per l’invio telematico del modello Iva TR 2017.

Di seguito il file dell’Agenzia delle Entrate con tutte le indicazioni.

PDF - 363.5 Kb
Modello Iva TR - specifiche tecniche
Scarica le specifiche tecniche per l’invio telematico all’Agenzia delle Entrate del modello Iva TR 2017