Iva, fatturazione elettronica e rottamazione bis: le novità fiscali della LdB 2018

Redazione - IVA

Iva, fatturazione elettronica tra privati e possibile rottamazione bis delle cartelle esattoriali: dopo la Nota di Aggiornamento del Def arrivano conferme sulle novità fiscali della Legge di Bilancio 2018.

Iva, fatturazione elettronica e rottamazione bis: le novità fiscali della LdB 2018

Iva, fatturazione elettronica obbligatoria anche tra privati e possibile rottamazione bis delle cartelle Equitalia: dopo la presentazione della Nota di Aggiornamento del DEF iniziano a farsi più chiare le novità fiscali che saranno inserite nella Legge di Bilancio 2018.

La Nota di Aggiornamento del DEF presentata il 23 settembre 2017 ha confermato la crescita del Pil dell’1,5% ma, come già trapelato negli scorsi giorni e come aveva già annunciato Padoan, la Legge di Bilancio 2018 conterrà un numero limitato di misure.

Buona parte delle risorse economiche a disposizione del Governo saranno utilizzate per sterilizzare le clausole di salvaguardia Iva e per evitare gli aumenti delle aliquote e per l’introduzione di misure per favorire l’occupazione giovanile.

L’Iva sarà uno dei punti centrali della Legge di Bilancio 2018: una Manovra che ancora una volta si concentrerà sulla lotta all’evasione fiscale.

Fatturazione elettronica estesa anche ai privati e possibile rottamazione bis delle cartelle Equitalia: si tratta di due dei punti principali al centro delle novità fiscali della Legge di Bilancio 2018.

Iva, fatturazione elettronica e rottamazione bis: le novità fiscali della LdB 2018

Con l’approvazione della Nota di Aggiornamento del DEF 2017 il Governo ha confermato l’intenzione di procedere con l’azzeramento delle clausole di salvaguardia Iva nella Legge di Bilancio 2018:

“In merito alle clausole di salvaguardia tuttora previste in termini di aumento delle aliquote IVA e delle accise, il Governo intende sostituirle con misure sul lato della spesa e delle entrate, comprensive di ulteriori interventi di contrasto all’evasione. Tale obiettivo sarà perseguito nella Legge di Bilancio per il 2018, la cui composizione verrà definita nei prossimi mesi, anche sulla scorta della riforma delle procedure di formazione del bilancio che faciliterà la revisione della spesa.”

Con l’aggiornamento del DEF arriva in sostanza la conferma che tra i piani del Governo vi è la necessità di proseguire con la lotta all’evasione fiscale: due sono attualmente le misure in campo. La fatturazione elettronica tra privati è una di queste e, parallelamente, una nuova fase della rottamazione delle cartelle Equitalia, accompagnata dalla possibile voluntary bis del contante.

Fatturazione elettronica tra privati nella Legge di Bilancio 2018

Per la copertura delle risorse necessarie ad azzerare le clausole di salvaguardia Iva la Legge di Bilancio 2018 dovrà mettere in campo nuove misure per il contrasto all’evasione fiscale: una di queste è l’obbligo di fatturazione elettronica tra privati.

Una misura di cui si parla da tempo, come reale opportunità non solo ai fini della lotta all’evasione ma per la digitalizzazione del rapporto Fisco-contribuenti.

L’obbligo di fatturazione elettronica tra privati è una novità fiscale che, tuttavia, andrebbe a scontrarsi non soltanto con la scarsa dimestichezza di molti piccoli imprenditori con le nuove tecnologie ma anche con quelle riguardanti la stessa Amministrazione Finanziaria.

A dimostrazione di ciò basti pensare al caos nuovo spesometro 2017, con il bug nella piattaforma Sogei dell’Agenzia delle Entrate che ha di fatto reso accessibili a tutti gli utenti Entratel i dati delle fatture dei contribuenti.

Quello che appare certo è che le novità fiscali della Legge di Bilancio 2018 dovranno confrontarsi non soltanto con le esigenze dei contribuenti e con le possibili difficoltà applicative dell’introduzione di misure che cambiano il rapporto Fisco-contribuenti, ma anche con una più attenta valutazione e messa a punto delle procedure tecniche necessarie per il corretto adempimento dei nuovi obblighi fiscali.

Rottamazione bis delle cartelle Equitalia e possibile voluntary del contante nella Legge di Bilancio 2018

A completare il quadro delle novità fiscali che potrebbero essere inserite nella Legge di Bilancio 2018 ai fini di combattere l’evasione fiscale vi è ad oggi l’annuncio di una possibile nuova stagione di sanatorie.

Rottamazione Equitalia bis, per le cartelle esattoriali non rientrate nella precedente edizione della definizione agevolata dei ruoli e probabilmente anche per i ruoli notificati a partire dal 2017: ipotesi che lo stesso Ministro Padoan, a margine della conferenza stampa di presentazione della Nota di Aggiornamento del DEF, ha dichiarato essere una delle tante misure sul tavolo del Governo.

In più, secondo quanto dichiarato dal Ministro Boschi, il Governo starebbe valutando di inserire nella Legge di Bilancio 2018 una nuova fase della voluntary disclosure, rivolta in questo caso all’emersione del contante non dichiarato. Un’ipotesi che ha sollevato non poche polemiche ma che è stata pensata dal Governo come ulteriore misura necessaria per perseguire l’obiettivo di maggiori entrate fiscali.