Elenchi split payment 2017: novità aggiornamento del Mef

Redazione - IVA

Split payment 2017: elenchi soggetti interessati e obbligati aggiornati dal Mef. Ecco le ultime novità.

Elenchi split payment 2017: novità aggiornamento del Mef

Elenchi soggetti obbligati split payment 2017: ecco le ultime novità.

Split payment: con decreto del 13 luglio 2017 il MEF ha aggiornato gli elenchi dei soggetti obbligati all’applicazione del meccanismo di scissione dei pagamenti a partire dal 1° luglio 2017 così come previsto dall’art. 1 del DL 50/2017.

Per gli elenchi delle pubbliche amministrazioni obbligate alla fatturazione in split payment il MEF ricorda che si tratta degli stessi soggetti destinatari della disciplina sulla fatturazione elettronica e per prendere visione dell’elenco delle PA interessate alle due disposizioni in materia di fatturazione si può far riferimento al sito dell’Indice della Pubbliche Amministrazioni.

Nel mese di settembre si terrà un importante Corso di formazione sullo split payment IVA organizzato da Opera in collaborazione con Informazione Fiscale: ecco programma, date e sedi.

Spliy payment: il MEF aggiorna gli elenchi dei soggetti obbligati

Il decreto del MEF del 13 luglio 2017 pubblicato il 14 luglio 2017 elimina tra gli elenchi n. 2, 3 e 4 le seguenti tipologie di soggetti:

  • le società per le quali non ricorre il controllo di diritto da parte di una specifica pubblica amministrazione; non rientrano quindi le società per le quali si è in presenza di partecipazioni minoritarie, possedute da pubbliche amministrazioni centrali o locali o da loro controllate, che nel complesso superano la percentuale del 50 per cento;
  • le società controllate da quelle di cui al punto precedente;
  • le società controllate, direttamente o indirettamente, da enti diversi dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dai Ministeri, dalle regioni, province, città metropolitane, comuni, unioni di comuni;
  • gli enti pubblici economici e le fondazioni, dato che non rivestono forma societaria.

Viene inoltre modificato l’elenco n. 5 sulle società quotate nell’indice FTSE MIB.

Gli elenchi aggiornati sono messi a disposizione dei lettori nell’apposito articolo guida.