Detrazione spese sanitarie modello 730/2017: costi ammessi, limiti e documenti da conservare

Anna Maria D’Andrea - Modello 730

Con il modello 730/2017 è possibile portare in detrazione le spese mediche e sanitarie per familiari a carico e non a carico per patologie esenti. Di seguito la guida a tutte le detrazioni, l'elenco dei costi ammessi, i limiti e i documenti necessari.

Detrazione spese sanitarie modello 730/2017: costi ammessi, limiti e documenti da conservare

Spese mediche e sanitarie possono essere portate in detrazione con il modello 730/2017, beneficiando della rimborso del 19% Irpef. Le spese sanitarie detraibili con il modello 730 riguardano sia quelle sostenute personalmente che per familiari a carico e non in relazione a patologie esenti.

L’Agenzia delle Entrate ha diffuso una guida con l’elenco delle spese sanitarie detraibili con il modello 730/2017: è ammesso il rimborso del 19% anche per i farmaci acquistati online e per quelli acquistati all’estero, se muniti di documenti appositamente tradotti.

Cambiano importi e limiti di detrazione delle spese sanitarie nel caso in cui si tratti di familiari fiscalmente a carico o familiari non a carico che hanno diritto alle detrazioni per patologie esenti. Nelle righe che seguono saranno illustrate tutte le spese mediche e sanitarie detraibili e relativi importi.

I contribuenti che avranno accesso al modello 730/2017 precompilato dall’Agenzia delle Entrate troveranno nella dichiarazione dei redditi precompilata i dati delle spese sanitarie sostenute nel 2016.

Accedendo al sito dell’Agenzia delle Entrate sarà possibile prendere visione delle spese trasmesse da medici e farmacie. Nel caso in cui i dati fossero inesatti, sarà possibile modificare e integrare la dichiarazione dei redditi a partire dal 2 maggio 2017, tenendo cura di conservare e presentare i documenti necessari.

Quali sono le spese mediche e sanitarie detraibili con il modello 730/2017, quali i limiti di spesa e l’importo della detrazione? Di seguito una guida con tutte le informazioni utili e i documenti necessari per la compilazione della dichiarazione dei redditi.

Detrazione spese sanitarie modello 730/2017: costi ammessi, limiti e documenti da conservare

Le spese sanitarie e mediche che potranno essere portate in detrazione fiscale con il modello 730/2017 saranno inserite nella dichiarazione dei redditi precompilata che, a partire dal 18 aprile 2017, i contribuenti potranno visionare sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Tuttavia sarà opportuno controllare l’importo esatto della detrazione delle spese sanitarie e i dati inseriti nel modello 730/2017 precompilato, con il quale sarà possibile ottenere il rimborso del 19% Irpef in relazione sia alle spese sostenute per familiari a carico che quelle relative a familiari non fiscalmente a carico esenti per patologie.

In sintesi, le spese sanitarie danno diritto alla detrazione fiscale con il modello 730/2017 nella seguente ripartizione e secondo specifici limiti e importi:

  • spese sanitarie vere e proprie con detrazione del 19% delle spese sostenute nel 2016, per importi di spesa superiori alla franchigia di 129,11 euro (Rigo E1 - E3);
  • spese sanitarie sostenute per familiari non a carico, per le quali spetta una detrazione del 19% delle spese sostenute, in questo caso la detrazione massima ottenibile è pari a 6.197,48 euro (Rigo E3);
  • spese sanitarie sostenute per disabili, per le quali è possibile ottenere una detrazione del 19% delle spese sostenute, senza limiti di importo, tra cui anche quelle per l’acquisto di auto e cani guida (Rigo E4 - E5).

Di seguito alcune indicazioni sulla detrazione delle spese sanitarie per familiari a carico e per familiari non a carico esenti per patologia.

Detrazione spese sanitarie modello 730/2017: elenco costi detraibili

Le spese sanitarie ammesse alla detrazione con modello 730/2017, nella misura del 19% per l’importo che eccede la franchigia di 129,11 euro sono quelle sostenute per:

  • prestazioni rese da un medico generico (comprese quelle di medicina omeopatica);
  • acquisto di medicinali da banco e/o con ricetta medica (anche omeopatici);
  • prestazioni specialistiche;
  • analisi, indagini radioscopiche, ricerche e applicazioni, terapie;
  • prestazioni chirurgiche;
  • ricoveri per degenze o collegati ad interventi chirurgici;
  • trapianto di organi;
  • cure termali (escluse le spese di viaggio e soggiorno);
  • acquisto o affitto di dispositivi medici/attrezzature sanitarie, comprese le protesi sanitarie;
  • assistenza infermieristica e riabilitativa (es: fisioterapia, kinesiterapia, laserterapia, ecc.);
  • prestazioni rese da personale in possesso della qualifica professionale di addetto all’assistenza di base o di operatore tecnico assistenziale esclusivamente dedicato all’assistenza diretta della persona;
  • prestazioni rese da personale di coordinamento delle attività assistenziali di nucleo;
  • prestazioni rese da personale con la qualifica di educatore professionale;
  • prestazioni rese da personale qualificato addetto ad attività di animazione e/o di terapia occupazionale.

L’Agenzia delle Entrate ammette la detrazione delle spese mediche e sanitarie anche se sostenute all’estero. In questo caso sarà necessario presentare apposita documentazione contenente la natura dell’acquisto, la qualità e la quantità del farmaco. Sarà inoltre necessario indicare il codice fiscale del destinatario del farmaco, anche se compilato a mano.

La detrazione spetta anche per le spese per i farmaci senza obbligo di prescrizione medica acquistati on-line da farmacie e esercizi commerciali autorizzati alla vendita a distanza.

Per le spese sanitarie e mediche detraibili con il modello 730/2017 sostenute per familiari non fiscalmente a carico, esenti per patologia, l’Agenzia delle Entrate ha illustrato nel dettaglio quali sono i costi ammessi e quali i limiti di detraibilità.

Detrazione spese sanitarie modello 730/2017: familiari non a carico esenti per patologia

I contribuenti possono portare in detrazione con il modello 730/2017 anche le spese mediche e sanitarie sostenute per conto di familiari non a carico affetti da patologie esenti.

La detrazione con modello 730/2017 sarà in questo caso ammessa soltanto per la parte di spesa non detraibile dal familiare affetto dalla patologia, se obbligato alla presentazione della dichiarazione dei redditi, e nel limite massimo di 6.197,48 euro per l’anno d’imposta 2016.

Le spese sanitarie detraibili in riferimento a familiari esenti per patologia dovranno essere indicate nel rigo E2 del modello 730/2107 e dovranno essere accompagnate dai documenti necessari a certificare il diritto all’esenzione per patologia, l’eventuale detrazione concessa con la presentazione della dichiarazione dei redditi da parte del beneficiario, e l’indicazione del familiare a favore del quale la spesa è stata sostenuta.

Detrazione spese sanitarie modello 730/2017: documenti necessari

Per certificare il diritto alla detrazione spese sanitarie con il modello 730/2017 sarà necessario produrre e conservare i documenti necessari.

Come specificato dall’Agenzia delle Entrate sono detraibili (o deducibili) le spese sanitarie e mediche certificate da fattura o da scontrino fiscale, cosiddetto “scontrino parlante”, in cui risultino specificati la natura, la qualità e la quantità dei prodotti acquistati nonché il codice fiscale del destinatario.

Per quanto attiene alla natura del prodotto acquistato è sufficiente l’indicazione generica nello scontrino fiscale della parola “farmaco” o “medicinale”, al fine di escludere la detraibilità di prodotti attinenti ad altre categorie merceologiche disponibili in farmacia.

Riepiloghiamo in una tabella di sintesi quali sono i documenti necessari ai fini della detrazione spese sanitarie con modello 730/2017.

TipologiaDocumenti
Farmaci anche omeopatici acquistati, anche all’estero, presso farmacie, supermercati ed altri esercizi commerciali o attraverso farmacie online Fattura o scontrino fiscale (cosiddetto parlante) in cui devono essere specificati natura (farmaco o medicinale, OTC, ecc.), qualità (codice alfanumerico) e quantità del prodotto acquistato nonché il codice fiscale del destinatario. Per il farmaco acquistato all’estero è necessaria anche la traduzione
Prestazioni rese da medici generici (anche omeopati) Ricevuta fiscale o fattura rilasciata dal medico
Certificati medici per usi sportivi, per la patente, per apertura e chiusura malattie o infortuni, per pratiche assicurative e legali Ricevuta fiscale o fattura rilasciata dal medico

Per la detrazione delle spese sanitarie di familiari non a carico esenti per patologia, la detrazione con modello 730/2017 è ammessa previa presentazione della seguente documentazione:

TipologiaDocumenti
Spese relative a patologie esenti dalla partecipazione alla spesa sanitaria pubblica sostenute per familiari non a carico che hanno presentato modello 730 o Redditi Certificazione rilasciata dalla ASL che attesti la patologia con l’indicazione
dell’eventuale codice numerico identificativo;
Certificato medico che attesti il collegamento tra le spese e la patologia esente, ovvero autocertificazione;
Modello 730-3 o REDDITI dal quale si evinca la parte di spesa che non ha trovato
capienza nell’IRPEF del soggetto affetto dalla malattia;
Fatture, ricevute fiscali e eventuali scontrini dai quali risulti che le spese sono state sostenute dal familiare che intende beneficiare della detrazione, anche con apposita annotazione del soggetto affetto dalla patologia per i documenti a questo intestati; l’annotazione dovrà riportare anche la misura delle spese attribuibili al familiare
Spese relative a patologie esenti dalla partecipazione alla spesa sanitaria pubblica sostenute per familiari non a carico non tenuti alla presentazione della dichiarazione dei redditi Certificazione rilasciata dalla ASL che attesti la patologia con l’indicazione dell’eventuale codice numerico identificativo;
Certificato medico che attesti il collegamento tra le spese e la patologia esente, ovvero autocertificazione;
Autocertificazione del soggetto affetto dalla patologia che attesti di non essere tenuto a presentare la dichiarazione;
Fatture, ricevute fiscali e eventuali scontrini dai quali risulti che le spese sono state sostenute dal familiare che intende beneficiare della detrazione, anche con apposita
annotazione del soggetto affetto dalla patologia per i documenti a questo intestati; l’annotazione dovrà riportare anche la misura delle spese attribuibili al familiare
N.B. Per i dati che devono essere riportati nello scontrino fiscale valgono le stesse
indicazioni fornite con riferimento alle spese mediche rigo E1 (natura, qualità, ecc.)

Per maggiori chiarimenti sulle detrazioni spese sanitarie nel modello 730/2017, i lettori possono far riferimento alla guida aggiornata dell’Agenzia delle Entrate.