DdL Concorrenza: testo ufficiale e novità per professionisti e consumatori

Redazione - Leggi e prassi

DdL concorrenza, è legge: ecco il testo approvato al Senato e tutte le novità per professionisti e consumatori, tra nuove regole per farmacie, avvocati, assicurazioni e Rc auto e energia.

DdL Concorrenza: testo ufficiale e novità per professionisti e consumatori

Il DdL concorrenza è legge, dopo l’approvazione del testo in Senato il 2 agosto 2017. Numerose le novità che coinvolgeranno non soltanto i consumatori ma anche i professionisti, tra cui farmacie, avvocati, notai e odontoiatri.

Il testo del DdL concorrenza è stato approvato in Senato dopo più di due anni: dovrà essere aggiornato ogni anno e l’obiettivo è quello di introdurre maggiori tutele e diritti per i cittadini e per i professionisti.

Non mancano le polemiche di associazioni dei consumatori e di categoria per una legge che secondo molti rischia di introdurre un oligopolio sia nel settore energia che per le farmacie.

Le novità introdotte dal DdL concorrenza 2017 sono molte: sono quasi 200 gli articoli del testo di legge ufficiale pubblicato dal Senato incidono su diversi settori della vita quotidiana dei consumatori.

Nuove norme su assicurazioni e Rc auto e nuove regole anche nel settore turismo, con l’abolizione del parity rate per gli alberghi e la possibilità di proporre offerte più vantaggiose rispetto a quelle dei portali di prenotazione online come Booking.

Di seguito le novità introdotte dal DdL concorrenza 2017 per professionisti e consumatori e il testo di legge ufficiale approvato al Senato.

DdL Concorrenza: testo ufficiale approvato al Senato

PDF - 2.2 Mb
DdL concorrenza - testo definitivo
Scarica il testo del DdL concorrenza approvato in Senato il 2 agosto 2017

DdL Concorrenza: tutte le novità per i professionisti

Numerose le novità per i professionisti diventate ufficiali con l’approvazione del testo del DdL concorrenza: avvocati, notai, dentisti e farmacie. Vediamo punto per punto cosa cambia.

  • Avvocati: tra i professionisti sono quelli maggiormente interessati dalle novità introdotte dal DdL concorrenza. Per gli avvocati viene stabilito l’obbligo di preventivo anche in assenza di richiesta esplicita del cliente, al fine di garantire maggiore trasparenza sui costi. Inoltre diventa ufficiale la possibilità di costituire società tra avvocati con soci di capitali: dovranno essere iscritte alla sezione speciale dell’Albo dell’ordine territoriale in cui ha sede la società e almeno due terzi del capitale sociale dovrà essere detenuto da avvocati iscritti all’albo.
  • Notai: aumenta il numero dei professionisti, che saranno 1 ogni 5.000 abitante al fronte dell’1 ogni 7.000 attualmente previsto. Inoltre aumenta l’area territoriale dei notai, i quali potranno operare in tutta la Regione o nel distretto della Corte d’appello. Con il fine di maggiore trasparenza e concorrenza il DdL approvato al Senato introduce la possibilità di pubblicizzare i propri onorari
  • Farmacie: una vera e propria rivoluzione per il settore. Il DdL concorrenza cambia le regole per aprire una farmacie e le novità prevedono il superamento del tetto di massimo 4 farmacie per farmacista e l’innovativa possibilità di esercitare anche in forma di società di capitali, per un massimo del 20% a livello regionale. Via alla liberalizzazione di orari di apertura, garantendo comunque l’obbligo minimo di servizio ai cittadini.
  • Dentisti: anche per gli odontoiatri è introdotta la possibilità di esercitare la professione in forma societaria. Il DdL concorrenza introduce una norma per contrastare l’esercizio abusivo della professione: l’attività potrà essere esercitata soltanto dai soggetti in possesso dei titoli di abilitazione che lavorano come liberi professioni, le società dovranno essere obbligatoriamente dotate di un direttore sanitario iscritto all’albo e le prestazioni odontoiatriche potranno essere esercitate soltanto dai soggetti in possesso di titolo abilitante.
  • Ingegneri: anche le società di ingegneria potranno accettare commesse da privati, nel rispetto di alcuni requisiti previsti per i liberi professionisti, quali ad esempio l’obbligo di copertura assicurativa e l’indicazione nominativa dei responsabili di progetto.

DdL Concorrenza: le novità per i consumatori

Novità dirette anche ai consumatori con l’approvazione del DdL concorrenza: assicurazioni Rc auto e non solo. Via al mercato libero dell’energia a partire dal 1° luglio 2019, più trasparenza nei contratti con compagnie telefoniche e Pay Tv sui costi di recesso dei contratti e molto altro ancora. Vediamo le maggiori novità.

  • Assicurazioni Rc auto: sconti per chi decide di installare la scatola nera nella propria auto: il costo dell’installazione sarà a carico della compagnia di assicurazione e i dati registrati avranno valore probatorio. Sconti ancor più corposi per gli automobilisti virtuosi residenti in regioni ad alto tasso di incidenti e con tariffe più alte rispetto alla media nazionale. Sì al tacito rinnovo delle assicurazioni ramo danni.
  • Energia gas e luce: è fissata al 1° luglio 2019 la piena liberalizzazione del mercato dell’energia. Entro tale data dovrà essere completato il portale pubblico per confrontare tariffe, prezzi e quindi opportunità di risparmio sulle bollette. Riforma del bonus per le famiglie in disagio economico e introdotto l’obbligo di rateizzare le fatture di importo elevato ("maxi-bollette”).
  • Turismo: abolito l’obbligo di parity rate per gli alberghi, i quali potranno proporre offerte più vantaggiose rispetto a quelle previste dai portali di prenotazione online come Booking.
  • Telefoni, Pay Tv e Telemarketing: costi di recesso chiari fin dalla stipula del contratto, con offerte promozionali che non potranno durare più di 24 mesi. I costi di recessi dovranno essere congrui e saranno sottoposti al controllo dell’Agcom. Possibilità di recesso online e semplificazione delle procedure di migrazione ad altro operatore telefonico. Per le attività di telemarketing, il DdL concorrenza prevede che i call center non saranno più obbligati a dichiarare chi è soggetto per il quale avviene la chiamata, che si tratta di una telefonata a natura commerciale ed è abolito l’obbligo di proseguire la chiamata soltanto in presenza di assenso del destinatario.
  • Fondi pensione: per i disoccupati è introdotta la possibilità di anticipare la liquidazione del fondo fino a 5 anni prima della scadenza.
  • Banche: trasparenza offerte e mutui, con possibilità per i consumatori di sostituire la polizza accessoria al mutuo offerta dalla banca con una polizza stipulata autonomamente, purché con caratteristiche equivalenti.
  • Addio monopolio Poste Italiane per la consegna di atti giudiziari e per la consegna di sanzioni per violazioni del codice della strada a partir dal 10 settembre 2017.