Contributi agricoli 2017: calcolo, importo e aliquote dei versamenti volontari

Anna Maria D’Andrea - Leggi e prassi

Contributi agricoli 2017: versamenti volontari con nuove regole Inps su calcolo, importo e aliquote. Ecco tutte le istruzioni.

Contributi agricoli 2017: calcolo, importo e aliquote dei versamenti volontari

Contributi agricoli 2017: modalità di calcolo dei versamenti volontari per tutte le categorie di lavoratori dell’agricoltura illustrate nella circolare Inps n. 102 del 21 giugno, con l’indicazione di importo e aliquote.

Calcolo, aliquote e importo dei versamenti volontari del settore agricolo 2017 sono contenuti nella circolare Inps in maniera suddivisa sulla base di gestione di appartenenza e riguardano le seguenti categorie di lavoratori:

  • lavoratori agricoli dipendenti;
  • coltivatori diretti, mezzadri, coloni e imprenditori agricoli professionali;
  • contributi integrativi volontari di cui all’art.4 del D.P.R. N.1432/1971:
  • operai agricoli a tempo determinato e indeterminato;
  • piccoli coloni e compartecipanti familiari;
  • coloni e mezzadri reinseriti nell’A.g.o:
  • contribuenti già autorizzati alla data del 12 luglio 1997;
  • contribuenti autorizzati dal 12 luglio 1997.

Di seguito tutte le regole Inps su calcolo, aliquote e importi per il versamento volontario dei contributi agricoli a partire dal 1° gennaio 2017 suddivise sulla base delle diverse categorie di appartenenza.

Contributi agricoli volontari 2017: cosa sono, chi può richiederli e come si calcolano

I lavoratori agricoli possono richiedere autorizzazione all’Inps per il versamento dei contributi volontari 2017, calcolati sulla base delle specifiche regole stabilite dall’Istituto sulla base della propria categoria di appartenenza.

Con il versamento dei contributi agricoli volontari è possibile continuare a pagare i contributi a fini previdenziali anche in caso di interruzione o cessazione dell’attività lavorativa e, allo stesso modo, possono essere versati anche per permettere al lavoratore di avere una pensione più alta una volta perfezionati i requisiti necessari per la pensione.

Si può presentare domanda Inps per la contribuzione volontaria dopo aver versato cinque anni di contributi minimo oppure tre anni di contributi negli ultimi cinque anni. I tempi per il versamento prevedono che il pagamento venga effettuato a cadenza trimestrale, entro il trimestre successivo a quello di riferimento.

Con la circolare n. 102 del 21 giugno 2017 l’Inps ha chiarito quali sono importi, aliquote e regole per il calcolo dei contributi volontari agricoli. Di seguito tutte le regole caso per caso e la circolare Inps da scaricare.

PDF - 180.8 Kb
Circolare Inps n. 102 del 21 giugno 2017
Scarica la circolare Inps con aliquote, importi e calcolo dei contributi volontari agricoli a partire dal 1° gennaio 2017

Contributi volontari 2017 lavoratori agricoli dipendenti, aliquote e calcolo

Per lavoratori agricoli dipendenti, sia autorizzati al versamento dei contributi volontari prima che dopo il 31 dicembre 1995 a decorrere dal 1° gennaio 2017 al calcolo dovrà essere applicata l’aliquota del 28,70%.

Le aliquote applicate sono le seguenti:

Autorizzati prima e dopo del 31 dicembre 1995 Aliquota Base 0,11% Quota Pensione 28,59% Totale Ivs 28,70%
Coefficienti di riparto 0,003833 0,996167 1,000000

Contributi volontari 2017 coltivatori diretti, mezzadri, coloni e imprenditori agricoli professionali: calcolo, classi di reddito e importo

I contributi volontari per i coltivatori diretti, mezzadri, coloni e IAP si calcolano secondo quattro classi di reddito giornaliere, e il calcolo dovrà quindi essere effettuato in base alla seguente tabella Inps:

Classi Classi di reddito settimanale Reddito settimanale medio imponibile Quota Pensione 21,60% RM Addizionale Legge 233/90 2,00%RM Addizionale Legge 160/75 (€ 0,66 x 3) Contributo Totale
Fino a € 224,64 € 224,64 € 48,53 € 4,50 € 1,98 €55,01 (a)
Oltre € 224,64 Fino a € 299,52 € 262,08 € 56,61 € 5,25 € 1,98 € 63,84 (a)
Oltre € 299,52 Fino a € 374,40 € 336,96 € 72,79 € 6,74 € 1,98 € 81,51
Oltre € 374,40 € 411,84 € 88,96 € 8,24 € 1,98 € 99,18

Contributi volontari 2017 operai agricoli e piccoli coloni compartecipanti familiari: regole Inps, importo e calcolo

Per gli operai agricoli a tempo indeterminato e determinato il contributo integrativo volontario può essere richiesto fino alle 270 giornate di lavoro ed è pari all’importo dovuto secondo le regole di calcolo vigenti al 1° gennaio 2017.

In base a quanto stabilito con la circolare Inps n. 18 del 31 gennaio 2017 i contributi volontari integrativi per operai agricoli a tempo determinato e indeterminato si calcolano applicando l’aliquota IVS all’imponibile contributivo determinato sulla base della retribuzione percepita, ovvero:

  • Fondo pensioni lavoratori dipedendenti 28,59% + quota base 0,11% = 28,70%

Per i piccoli coloni e compartecipanti familiari i contributi volontari si calcolano secondo le retribuzioni medie giornaliere determinate su base provinciale alle quali si applica l’aliquota del 28,70% prevista anche per i lavoratori agricoli a tempo determinato.

Per prendere visione delle retribuzioni medie giornaliere stabilite con Decreto Direttoriale del 18 maggio 2017 si rimanda all’Allegato 1 messo a disposizione dall’Inps nella circolare n. 102 del 21 giugno 2017.

Contributi volontari 2017 coloni agricoli e mezzadri reinseriti nell’AGO: regole e calcolo

Per i coloni e mezzadri reinseriti nell’AGO le regole per il calcolo dei contributi volontari 2017 sono differenti nel caso in cui si tratta di reinseriti con autorizzazione precedente o successiva al 12 luglio 1997.

Per i coloni agricoli e mezzadri già autorizzati al 12 luglio 1997 i contributi agricoli volontari 2017 si calcolano sulla base degli importi contenuti nell’Allegato 2 della circolare Inps in oggetto; l’importo dovuto è calcolato in base alla retribuzione media settimanale della classe di contribuzione assegnata.

Per i contribuenti autorizzati a versare i contributi volontari dopo il 12 luglio 1997 il contributo volontario settimanale si calcola sommando contributo integrativo e contributo base alla media delle retribuzioni percepite nell’anno precedente alla domanda.

Per le domande accolte a partire dal 1° gennaio 2017 il contributo volontario è calcolato nella seguente modalità e sommando i seguenti elementi:

  • importo dovuto dal concedente in regime obbligatorio pari a € 19,11;
  • importo a titolo di contribuzione obbligatoria IVS, calcolato sulla media delle retribuzioni percepite nell’anno precedente la data della domanda di autorizzazione ai versamenti volontari, applicando l’aliquota percentuale pari al 9,34% (aliquota dell’8,84% prevista per gli operai agricoli, aumentata dello 0,50% di cui all’art.3 della Legge 29 maggio 1982, n. 297);
  • il contributo base è pari all’importo dovuto a titolo di contribuzione obbligatoria IVS calcolato sulla media delle retribuzioni imponibili percepite nell’anno precedente la data della domanda di autorizzazione ai versamenti volontari applicando l’aliquota pari allo 0,11%.