Concorso dirigenti scolastici 2017: scuole allo sbaraglio e senza reggenze

Diego Denora - Scuola

Il concorso per dirigenti scolastici si fa attendere: il 2017 continua a vedere scuole allo sbaraglio e reggenze senza speranza. Ecco le novità sulla data di uscita del bando.

Concorso dirigenti scolastici 2017: scuole allo sbaraglio e senza reggenze

Il concorso per dirigenti scolastici 2017 si fa attendere: scuole allo sbaraglio e senza reggenze stanno mettendo il MIUR in una situazione imbarazzante. Solo in Friuli le scuole senza Ds (acronimo per dirigente scolastico) sarebbero 52. Che fine ha fatto il concorso?

Le scuole allo sbaraglio nel 2017 sono molte di più: il concorso non sembra arrivare e la situazione diventa sempre più critica. Senza reggenze gli istituti rischiano di precipitare nell’anarchia amministrativa e questo il MIUR non può permetterselo.

Gli insegnanti non sono gli unici ad avere problemi: diventare dirigente è già complicato di per sé, non occorre che il MIUR ingolfi una macchina già arrugginita e lenta. Il bando di concorso dovrebbe arrivare a fine mese: credibile? Scopriamo di più.

Concorso dirigenti scolastici 2017: scuole allo sbaraglio e senza reggenze

Il concorso per dirigenti scolastici 2017 non arriva, intanto le scuole sono allo sbaraglio e senza reggenze: il MIUR dovrebbe pubblicare il bando a fine mese, i posti a disposizione sarebbero circa 1500.

Diventare dirigente non è cosa semplice, garantire la copertura economica ai Ds lo è ancora meno: il Mef infatti dovrà confermare la possibilità di far uscire il bando, che sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale in quanto concorso pubblico.

Il MIUR dovrà pubblicare il bando entro la scadenza del 28 febbraio, altrimenti nessun dirigente riuscirà ad insediarsi per tempo: l’obiettivo è che il prossimo anno scolastico inizi con i nuovi dirigenti scolastici, ma i tempi sono stretti e questa attesa non promette nulla di buono.

Concorso dirigenti scolastici 2017: i tempi del concorso

Il concorso per dirigenti scolastici è una prova molto impegnativa: si tratta di un iter molto lungo, composto da 3 prove di cui una prima preselettiva, un secondo esame scritto ed un terzo colloquio orale.

Superate le prove il Ds dovrà affrontare 4 mesi di corso di formazione ed è proprio questo punto a dettare più sospetti sull’effettivo raggiungimento dell’obiettivo: il MIUR dovrà terminare tutto entro maggio, altrimenti salteranno i conti.

Il concorso per dirigenti quindi dovrebbe svolgersi in un tempo brevissimo per permettere di offrire una valutazione, il corso e il successivo insediamento dei Ds negli istituti per settembre. I dubbi sono comprensibili, la Pubblica Amministrazione non ha fama di esse puntuale.