Comunicazione trimestrale liquidazioni IVA 2017: invio telematico problematico

Redazione - Comunicazioni IVA e spesometro

Comunicazioni trimestrali delle liquidazioni IVA 2017: invio telematico ancora incerto per la scadenza del 31 maggio 2017 e proroga sempre più vicina (ormai è quasi ufficiale).

Comunicazione trimestrale liquidazioni IVA 2017: invio telematico problematico

Comunicazione trimestrale liquidazioni Iva 2017: in vista della scadenza del 31 maggio 2017 ancora problemi per l’invio telematico. La piattaforma Fatture e Corrispettivi sul sito dell’Agenzia delle Entrate è in manutenzione e stando alle ultime notizie da domani sarà possibile inviare i dati; non è ancora chiaro, tuttavia, come fare e quali saranno le modalità di invio.

La proroga della scadenza fissata al 31 maggio per la comunicazione delle liquidazioni Iva del primo trimestre 2017 è stata annunciata ormai da giorni e la sua ufficialità è ormai data quasi per certa. Nonostante voci sempre più insistenti non ci sono al momento notizie ufficiali e gli intermediari incaricati all’invio della comunicazione delle liquidazioni Iva entro la fine del mese di maggio 2017 sono ancora nel limbo.

Nella sezione Fatture e Corrispettivi del sito dell’Agenzia delle Entrate, in manutenzione il 9 maggio 2017, non è ancora abilitata la sezione dedicata proprio alla comunicazione delle liquidazioni Iva. L’ipotesi è che il sito sia attualmente in fase di predisposizione proprio per consentire agli intermediari l’invio telematico dei dati relativi al primo trimestre a partire da domani, 10 maggio 2017.

I commercialisti e gli intermediari abilitati all’utilizzo dei servizi dell’Agenzia delle Entrate attendono chiarimenti urgenti: come bisognerà inviare la comunicazione delle liquidazioni Iva 2017, la scadenza del 31 maggio 2017 sarà prorogata o bisognerà predisporre l’invio entro i termini ordinari previsti?

L’invio telematico all’Agenzia delle Entrate della prima delle quattro comunicazioni delle liquidazioni Iva trimestrali 2017 si fa sempre più problematico.

A partire dal 10 maggio è possibile effettuare l’invio della comunicazione delle liquidazioni Iva trimestrali 2017; a fronte di numerosi problemi e criticità è messa a disposizione dei lettori una guida a come fare e ai passi necessari per inviare i file correttamente.

Comunicazione trimestrale liquidazioni IVA 2017: invio telematico problematico

La novità del giorno è che la sezione Fatture e Corrispettivi del sito dell’Agenzia delle Entrate è in manutenzione; l’ipotesi è che sia in fase di predisposizione la piattaforma per l’invio telematico della prima delle quattro comunicazioni delle liquidazioni Iva 2017.

Da domani, 10 maggio 2017, sarà possibile inviare i dati ma, oltre alle notizie e alle indiscrezioni degli ultimi giorni, l’unica certezza per gli intermediari abilitati ai servizi online dell’Agenzia delle Entrate è che per la scadenza del 31 maggio 2017 a dominare è l’incertezza.

Incerte le modalità telematiche di invio della comunicazione delle liquidazioni Iva 2017 così come è incerta la scadenza, per la quale negli ultimi giorni sono arrivate sempre più richieste e notizie di una proroga che farebbe slittare il termine ultimo per la trasmissione dei dati dal 31 maggio 2017 al 15 giugno.

Si tratta della proroga di 10-15 giorni annunciata in Commissione Finanze della Camera dal Viceministo dell’Economia Luigi Casero, per la quale tuttavia attualmente non è arrivato da parte dell’Agenzia delle Entrate un provvedimento di conferma o di smentita.

Comunicazione trimestrale liquidazioni IVA 2017: quali sono le modalità di invio?

Negli ultimi giorni l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione il software per la compilazione e il controllo online della comunicazione delle liquidazioni Iva 2017.

Proprio sui software necessari all’invio telematico dei dati è protesta sui costi che i commercialisti e gli intermediari delegati dovranno sostenere: è di circa 1.000 euro all’anno la spesa aggiuntiva che sarà obbligatorio sostenere, come denunciato dal Presidente dei Commercialisti Massimo Miani.

Problemi nell’invio telematico e motivi oggettivi di natura tecnico-amministrativa che giustificherebbero la proroga della scadenza del 31 maggio 2017, tenuto conto anche del fatto che ad oggi, 9 maggio 2017, ancora non sono ancora chiare le modalità attraverso cui bisognerà inviare la comunicazione delle liquidazioni Iva 2017 e che ancora non è stato abilitato l’accesso alla sezione predisposta nella pagina Fatture e Corrispettivi del sito dell’Agenzia delle Entrate.

Molto probabilmente, come tra l’altro già circolato negli scorsi giorni, l’invio telematico della comunicazione delle liquidazioni Iva trimestrali sarà possibile a partire dal 10 maggio 2017, ma le problematiche saranno tutt’altro che risolte.

Secondo Miani:

il software messo a disposizione dall’Agenzia consentirà l’invio di un unico file per più soggetti, e non può di fatto essere utilizzato dai noi professionisti, non essendo possibile trasferire automaticamente i dati dai nostri software gestionali a quello predisposto dall’Agenzia per l’invio delle comunicazioni.

Ad oggi pare che le comunicazioni in oggetto non possano essere inviate tramite il classico canale Entratel/Desktop Telematico ma attraverso file in formato XML da firmare digitalmente; d è proprio su questo punto si attende un chiarimento urgente dall’Agenzia delle Entrate.

Comunicazione trimestrale liquidazioni IVA 2017: proroga al 15 giugno 2017 e riepilogo delle scadenze

Comunicazioni trimestrali liquidazioni periodiche Ivascadenza
I trimestre 31 maggio 2017
II° trimestre 18 settembre 2017
III° trimestre 30 novembre 2017
IV° trimestre 28 febbraio 2018

Abbiamo più volte ricordato quali sono le scadenze per la comunicazione delle liquidazioni Iva 2017: la prima data da ricordare è quella del 31 maggio 2017, salvo possibile proroga che potrebbe far slittare il termine ultimo per l’invio al 10-15 giugno 2017.

Attualmente, ricordiamo, non si tratta di notizie ufficiali e pertanto bisognerà rispettare la scadenza ordinaria stabilita dall’Agenzia delle Entrate.