Comunicazioni trimestrali liquidazioni IVA: “lettera di sollecito” dell’Agenzia delle Entrate

Francesco Oliva - Comunicazioni IVA e spesometro

L'Agenzia delle Entrate sta inviando in questi giorni l'alert di sollecito per il mancato pagamento dell'IVA dovuta nel corso del primo trimestre 2017 ed oggetto delle comunicazioni trimestrali delle liquidazioni.

Comunicazioni trimestrali liquidazioni IVA: “lettera di sollecito” dell'Agenzia delle Entrate

Comunicazioni trimestrali delle liquidazioni IVA primo trimestre 2017: l’Agenzia delle Entrate sta inviando in questi giorni delle lettere di sollecito ai contribuenti.

Avete capito bene: meno di due mesi dalla scadenza del primo invio telematico delle cosiddette Lipe (liquidazioni periodiche), il Fisco già bussa alla porta dei contribuenti. Ovviamente non discutiamo sul fatto che il sistema fiscale stia cambiando, questo è sotto gli occhi di tutti. Quello che però appare quantomeno discutibile sono le parole scritte dall’Agenzia delle Entrate nelle comunicazioni in oggetto.

Ecco il testo della lettera (comunicazione via pec ed all’interno del Cassetto Fiscale) che l’Agenzia delle Entrate sta inviando ai contribuenti per sollecitare il pagamento dell’IVA dovuta e non versata nel corso dei primi tre mesi del 2017.

Comunicazioni trimestrali liquidazioni IVA primo trimestre 2017, lettera dell’Agenzia delle Entrate, ecco il testo:

Gentile contribuente,

dall’esame dei dati e dei versamenti relativi alla Comunicazione delle liquidazioni periodiche Iva, da lei presentata per il I trimestre 2017, sono emerse alcune incoerenze.

Le informazioni relative alle incoerenze riscontrate sono disponibili nel “Cassetto fiscale” (sezione L’Agenzia scrive) e nel servizio“Fatture e Corrispettivi” (sezione Consultazione - L’Agenzia scrive), entrambi accessibili dal sito internet dell’Agenzia delle Entrate (www.agenziaentrate.gov.it ), seguendo il percorso: Home - Servizi online - Servizi fiscali - Servizi fiscali con registrazione.
La presente e-mail è stata generata automaticamente, pertanto la preghiamo di non rispondere a questo indirizzo di posta elettronica

In pratica si tratta di una comunicazione automatica con cui l’Agenzia delle Entrate “sollecita” i contribuenti che non hanno versato l’IVA del primo trimestre a farlo avvalendosi dell’istituto del ravvedimento operoso.

Comunicazioni trimestrali liquidazioni IVA primo trimestre 2017, lettera dell’Agenzia delle Entrate, alcune considerazioni non tecniche

Quello che mi ha indignato nel leggere queste comunicazioni è propria la forma utilizzata: fredda ed imprecisa.

Ora, chi non ha versato l’imposta sul valore aggiunto nel corso del primo trimestre è qualcuno che, nella stragrande maggioranza dei casi, ha serie difficoltà finanziarie. Non sarebbe stato più corretto scrivere chiaramente che si tratta di un sollecito di pagamento vero e proprio?

Qui non c’è da meravigliarsi: le comunicazioni trimestrali delle liquidazioni IVA nascono proprio per perseguire l’obiettivo di contrastare l’evasione IVA e velocizzarne la riscossione.

Tuttavia, mettiamoci nei panni degli imprenditori in difficoltà, perché aggiungere anche queste comunicazioni poco leggibili? Quanti di loro avranno pensato male del proprio commercialista?

Comunicazione liquidazioni trimestrali Iva 2017: tutte le scadenze

Per la comunicazione liquidazioni trimestrali Iva 2017 e regime opzionale di fatturazione elettronica bisognerà rispettare le stesse scadenze. Abbiamo più volte ricordato quali saranno le scadenze dello spesometro 2017 e delle liquidazioni Iva trimestrali.

Le scadenze previste per lo spesometro Iva 2017 (semestrale), per le liquidazioni Iva trimestrali 2017 e per la fatturazione elettronica, regime opzionale, sono le seguenti:

Periodo di riferimento Versamento IVA Invio telematico dati IVA
Gennaio 16 febbraio 2017 12 giugno 2017 (liquidazioni) 25 settembre 2017 (spesometro)
Febbraio 16 marzo 2017 12 giugno 2017 (liquidazioni) 18 settembre 2017 (spesometro)
Marzo 17 aprile 2017 12 giugno 2017 (liquidazioni) 18 settembre 2017 (spesometro)
I trimestre 16 maggio 2017 12 giugno 2017 (liquidazioni) 18 settembre 2017 (spesometro)
Aprile 16 maggio 2017 18 settembre 2017 (liquidazioni) 18 settembre 2017 (spesometro)
Maggio 16 giugno 2017 18 settembre 2017 (liquidazioni) 18 settembre 2017 (spesometro)
Giugno 17 luglio 2017 18 settembre 2017 (liquidazioni) 18 settembre 2017 (spesometro)
II trimestre 22 agosto 2017 18 settembre 2017 (liquidazioni) 18 settembre 2017 (spesometro)
Luglio 22 agosto 2017 28 febbraio 2018 (spesometro) 30 novembre 2017 (liquidazioni)
Agosto 18 settembre 2017 28 febbraio 2018 (spesometro) 30 novembre 2017 (liquidazioni)
Settembre 16 ottobre 2017 28 febbraio 2018 (spesometro) 30 novembre 2017 (liquidazioni)
III trimestre 16 novembre 2017 28 febbraio 2018 (spesometro) 30 novembre 2017 (liquidazioni)
Ottobre 16 novembre 2017 28 febbraio 2018 (spesometro e liquidazioni)
Novembre 18 dicembre 2017 28 febbraio 2018 (spesometro e liquidazioni)
Dicembre 16 gennaio 2018 28 febbraio 2018 (spesometro e liquidazioni)
IV trimestre 16 marzo 2018 28 febbraio 2018 (spesometro e liquidazioni)
Fatturazione elettronica (regime opzionale) I° semestre - 18 settembre 2017 /II° semestre - 28 febbraio 2018

Ricordiamo che in riferimento alle comunicazioni Iva delle fatture emesse e ricevute - nuovo spesometro - soltanto per il 2017 è prevista la scadenza semestrale, mentre a partire dal 2018 bisognerà rispettare la periodicità trimestrale, con i quattro invii annuali.