Equitalia, rottamazione cartelle: comunicazioni con gli importi in arrivo

Giuseppe Guarasci - Imposte

Rottamazione cartelle Equitalia: in arrivo le comunicazioni con gli importi da versare. Entro il prossimo 15 giugno i contribuenti riceverranno le indicazioni con gli importi da pagare.

Equitalia, rottamazione cartelle: comunicazioni con gli importi in arrivo

Entro il prossimo 15 giugno 2017 i contribuenti che hanno aderito all’adesione agevolata ex DL 193/2016 riceveranno le comunicazioni ufficiali di Equitalia con gli importi da pagare per la rottamazione delle cartelle Equitalia.

A partire dal giorno dopo - 16 giugno 2017 - copia della comunicazione con gli importi e le rate sarà resa disponibile sul sito di Equitalia, accedendo all’area riservata.

Cosa si potrà trovare nella comunicazione e come comportarsi? Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Equitalia, comunicazione via pec con importi e rate in arrivo

Nella comunicazione che Equitalia invierà ai contribuenti entro il prossimo 15 giugno 2017 saranno presenti le seguenti informazioni:

  • accoglimento o eventuale rigetto dell’adesione;
  • eventuali debiti che non possono rientrare nella definizione agevolata;
  • importi da pagare;
  • data/e entro cui effettuare il pagamento.

Nella comunicazione di Equitalia verrà riportato anche il bollettino (o i bollettini) per il pagamento, organizzati a seconda della scelta effettuata con il modulo DA1 (una o più rate).

Equitalia, le tipologie di comunicazioni che stanno arrivando via pec ai contribuenti:

  • AT - accoglimento totale della richiesta - il contribuente ha un importo da pagare per i debiti “rottamabili” e non ha nulla da pagare per eventuali debiti non “rottamabili”);
  • AP - accoglimento parziale della richiesta - sia per i debiti “rottamabili” che per quelli non “rottamabili”, il contribuente ha un importo da pagare;
  • AD nulla da pagare;
  • AX nulla da pagare per i debiti rottamabili, il contribuente ha un debito residuo da pagare per i debiti non rottamabili;
  • RI - Rigetto - i debiti indicati nella dichiarazione di adesione non sono rottamabili ed il contribuente ha quindi un importo da pagare.

Errori nelle comunicazioni di Equitalia

Le pec di Equitalia con le comunicazioni relative all’esito della rottamazione stanno arrivando già dallo scorso 2 giugno.

I contribuenti ed i professionisti che li assistono stanno denunciando parecchi errori formali e sostanziali nelle comunicazioni. Proprio per venire incontro alle esigenze di questi cittadini, Equitalia metterà a disposizione sul proprio sito istituzionale un apposito servizio di segnalazione di eventuali errori riscontrati.