Chi deve restituire il bonus Renzi?

Giuseppe Guarasci - Modello 730

Restituzione bonus Renzi: chi deve restituire gli 80 euro e perché? Ecco la guida completa.

Chi deve restituire il bonus Renzi?

Restituzione bonus 80 euro ci risiamo. Per il terzo anno consecutivo in questo periodo di scadenze fiscali si torna a parlare di restituzione bonus Renzi 80 euro: ma chi deve restituire questi soldi e per quale motivo deve farlo?

Com’è noto, il Bonus Renzi 80 euro è stato introdotto nel 2014 con il Decreto Legge 66. Dell’introduzione del Bonus Renzi 80 euro si ricorda soprattutto la pomposa conferenza stampa in cui l’ex premier si presentò con le famose slide con i carrelli pieni di spesa. Ecco l’incantesimo è durato fino ad un certo punto: sulla restituzione del bonus Renzi 80 euro, per esempio, non c’è stata grande informazione.

Intendiamoci: la normativa sulla restituzione del bonus Renzi 80 euro è molto chiara, purtroppo però molti datori di lavoro e lavoratori non sono attentissimi a questi aspetti. Cerchiamo di comprendere insieme tutta la questione della restituzione del bonus Renzi 80 euro, chi deve restituire questi soldi, per quale motivo ed in che modalità.

Restituzione bonus Renzi 80 euro: chi deve restituire i soldi

La restituzione del bonus Renzi 80 euro è legata a tre situazioni limite:

  • contribuenti che si trovano al di sopra della soglia dei 26.000 euro annui lordi;
  • contribuenti che si trovano al di sotto della soglia degli 8.174 euro annui lordi (la cosiddetta no tax area). Si tratta dei cosiddetti incapienti;
  • contribuenti che hanno subito errori nella compilazione del modello 730 ordinario e precompilato.

Innanzitutto analizziamo quali fasce reddituali abbiano diritto o meno al bonus Renzi 80 euro:

  • da zero ad 8.174 euro ci si trova nella no tax area ovvero nell’area degli incapienti. In questa fascia il bonus Renzi 80 euro non deve essere erogato;
  • da 8.174 a 24.000 euro di reddito annuo lordo il bonus Renzi viene erogato ad importo pieno (80 euro);
  • da 24.000 a 26.000 euro il bonus Renzi viene ridotto proporzionalmente sino ad azzerarsi;
  • oltre i 26.000 euro il bonus Renzi non viene erogato.

Detto questo analizziamo i tre casi in cui si verifica l’obbligo di restituzione del bonus Renzi 80 euro.

Restituzione bonus Renzi 80 euro per i contribuenti che percepiscono più di 26.000 euro

Il primo caso è quello dei contribuenti che nel 2016 hanno percepito un reddito annuo lordo superiore a 26.000 euro. In questo caso si verifica l’obbligo di restituzione del bonus Renzi 80 euro.

Il consiglio a coloro che hanno redditi mediamente più alti di 26.000 euro è quindi quello di chiedere al proprio datore di lavoro la rinuncia al bonus Renzi. Qualora a consuntivo il reddito dovesse effettivamente rivelarsi inferiore a 26.000 euro il contribuente non perde il diritto a percepire il bonus Renzi, semplicemente lo percepisce in sede di conguaglio del modello 730 dell’anno successivo.

Restituzione bonus Renzi 80 euro per i contribuenti che percepiscono meno di 8.174 euro

La seconda situzione è quella in assoluto più antipatica. Si tratta dei contribuenti che si trovano obbligati alla restituzione del bonus Renzi 80 euro in quanto il reddito annuo lordo a consuntivo si rivela inferiore ad 8.174 euro.

Si tratta dei cosiddetti contribuenti incapienti, ovvero coloro che registrano detrazioni Irpef da lavoro dipendente maggiori rispetto all’imposta lorda dovuta (quindi non possono percepire alcun bonus di questo tipo).

In questi casi il consiglio che diamo è come quello sopra. Qualora il contribuente abbia un rapporto di lavoro precario o a tempo determinato conviene rinunciare agli 80 euro mensile ed attendere la dichiarazione dei redditi dell’anno dopo. Qualora in questa sede il contribuenti si trovi in una fascia di reddito idonea, percepirà il bonus 80 euro e non sarà chiamato alla restituzione.

Restituzione bonus Renzi 80 euro per i contribuenti che hanno subito errori nel modello 730

La terza situazione, molto residuale a dir la verità, si verifica per i contribuenti che subiscono errori nella compilazione del modello 730.

In alcuni casi, infatti, la perdita dei requisiti previsti per l’ottenimento del bonus Renzi 80 euro è causata da errori del contribuente (o purtroppo della stessa Agenzia delle Entrate) nella compilazione della dichiarazione dei redditi modello 730 precompilato.

A questo proposito, il consiglio che diamo ai contribuenti privi di adeguata competenza fiscale è quello di rivolgersi ad un iscritto all’albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili al fine di predisporre, verificare ed invare la propria dichiarazione dei redditi modello 730.