Siti di crowdfunding: elenco delle piattaforme online

Redazione - Incentivi alle imprese

Siti di crowdfunding: quali sono le piattaforme, italiane e non, per sponsorizzare i propri progetti? Ecco un elenco per idee in cerca di finanziamenti e risorse.

Siti di crowdfunding: elenco delle piattaforme online

Siti di crowdfunding: tra le varie modalità per poter attrarre investimenti e finanziamenti per un proprio progetto è possibile rivolgersi anche alla rete. Attraverso le varie piattaforme di crowdfunding, infatti, è possibile riuscire ad intercettare donazioni dagli utenti interessati alla realizzazione di un’idea, sia essa di una start up, di un’impresa o di un semplice cittadino.

I siti di crowdfunding sono allo stato attuale moltissimi e differiscono a seconda della regolamentazione per le donazioni, dei sistemi di approvazione dei progetti, del loro essere generaliste o rivolte ad un particolare settore (personale, creativo, culturale, per imprese e così via).

Per chi cerca siti di crowdfunding è importante anche prendere in considerazione il tipo di obiettivo che ci si propone. Fare crowdfunding per start up o per un’impresa è infatti diverso dalla richiesta di finanziamenti per un progetto personale (come una vacanza) o per un programma benefico.

L’analisi iniziale sugli scopi che ci si è posti si rifletta anche sul tipo di piattaforma da utilizzare. Il crowdfunding infatti si può differenziare anche per le tipologie di finanziamenti ricercati e per il settore nel quale ci si vuole muovere. Tali indicazioni influiscono molto sul tipo di sito online da scegliere.

Quali sono le piattaforme tra le quali orientarsi? Ecco un elenco dei siti di crowdfunding per chi è alla ricerca di finanziamenti e che può fornire una guida all’interno dei moltissimi siti attualmente attivi.

Siti di crowdfunding: piattaforme online per finanziamenti

Le piattaforme più conosciute sono Kickstarter e Indiegogo. La prima è stata lanciata nel 2009 e si propone di aiutare i progetti creativi a trovare finanziamenti adatti. La piattaforma con sede a Brooklyn ha raccolto complessivamente oltre 3 miliardi di dollari con la maggior parte dei finanziamenti focalizzati sulle categorie di giochi, design e tecnologia.

Indiegogo, in piedi dal 2008, è uno dei più importanti siti di crowdfunding a livello mondiale. Si rivolge principalmente a finanziamenti per progetti innovativi, di beneficenza o per sovvenzionare start up e ha regole meno restrittive per i progetti rispetto alla concorrente Kickstarter.

Oltre ai due citati, ecco un elenco di siti di crowdfunding indicativo a cui ci si può rivolgere per i progetti in attesa di sovvenzioni:

  • AngelList: piattaforma di crowdfunding per start up, lavoro e investitori;
  • Appbackr: per chi è alla ricerca di fondi per una nuova app;
  • Crowdfunder: sito di equity crowdfunding per piccole imprese e start up;
  • CrowdRise: piattaforma per finanziamenti benefici;
  • GoFundMe: per progetti personali (salute, sogni, sport, educazione, ecc..);
  • Invested.In: sito per progetti di carità e a scopo benefico;
  • Rockethub: generalista per varie tipologie di progetti e finanziamenti.

Siti di crowdfunding: piattaforme italiane

Sono numerosi le piattaforme di crowdfunding tricolore che offrono agli utenti varie possibilità per avviare una campagna di ricerca di finanziamenti. Tra i siti di crowdfunding italiani si può menzionare Eppela: piattaforma generalista di finanziamento tricolore che si propone di sviluppare start up, imprese e talenti con oltre 3.000 progetti sovvenzionati.

Produzioni dal Basso (PDB) si configura come una piattaforma reward/donation based senza un’importante selezione sui progetti proponibili. Sito di crowdfunding generalista, è aperto a chiunque voglia registrare un proprio programma ed è in cerca di finanziamenti.

L’italiana Kapipal è anch’essa un sito di crowdfunding, ma orientata a progetti personali. Tra i finanziamenti che potrebbero essere proposti sulla piattaforma possono esserci viaggi di nozze, progetti di solidarietà, realizzazione di sogni nel cassetto. Starteed invece si presenta come una crowd-company e che può supportare gli utenti durante le varie fasi di elaborazione del progetto.