Dis-coll 2017, proroga a fine giugno ma problemi con la piattaforma Inps

Daniele Di Giovenale - Leggi e prassi

Dis-coll 2017, l'indennità per disoccupazione collaboratori è stata prorogata fino al 30 giugno ma si registrano problemi con la piattaforma Inps. Ecco tutte le informazioni in materia.

Dis-coll 2017, proroga a fine giugno ma problemi con la piattaforma Inps

Disoccupazione collaboratori 2017, per il dis-coll è arrivato con il Milleproroghe il prolungamento del suo periodo di validità. Nonostante la proroga al 30 giugno sia stata confermata con la legge 19/2017, sono stati segnalati dei problemi d’accesso alla piattaforma digitale dell’Inps per farne richiesta, probabilmente causate dal passaggio al nuovo sito effettuato di recente dall’Istituto.

L’indennità di disoccupazione garantita dal dis-coll 2017 è un programma sperimentale rivolto ai co.co.co.e co.co.pro. o a contratti assimilabili. La norma era stata prevista dal Jobs Act per il 2015 mentre a fine febbraio dell’anno in corso è arrivata la proroga della misura. La legge sul lavoro autonomo, se approvata dal Parlamento, garantirebbe la sua trasformazione in misura stabile.

Ecco tutte le ultime novità sull’indennità di disoccupazione per collaboratori in relazione ai requisiti d’accesso e ai problemi con il sito dell’Inps.

Disoccupazione collaboratori: requisiti e istruzioni per il Dis-coll 2017

L’indennità per disoccupazione Dis-Coll 2017 può essere richiesta solo se si è in possesso di alcuni specifici requisiti. I destinatari della misura sono i collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, che hanno perduto involontariamente il proprio posto di lavoro tra il 1° gennaio 2015 e il 30 giugno 2017.

Ulteriori requisiti sono il non essere titolari di partita Iva, non essere in pensione ed essere iscritti in via esclusiva alla gestione separata presso l’Inps.

Esistono però alcune categorie che sono escluse dall’erogazione dell’indennità: amministratori, sindaci, revisori di società e associazioni, ricercatori, borsisti e dottorandi. La dis-coll 2017 non potrà essere fruita per più di 6 mesi e garantisce il diritto ad un’indennità massima di 1.300 euro.

La proroga della misura, prevista originariamente da Jobs Act fino al 31 dicembre 2015, è stata ufficializzata il 27 febbraio 2017. In quella data infatti è stato aggiunto all’articolo 3 del decreto Milleproroghe un ulteriore comma ‘3-octies’ che dispone l’estensione del periodo di validità del dis-coll fino, appunto, al 30 giugno 2017.

Disoccupazione collaboratori, Dis-coll 2017 prorogato ma problemi con la piattaforma Inps

Nonostante sia stata prevista la proroga del dis-coll 2017 sono stati segnalati alcuni problemi di accesso alla piattaforma dell’Inps. Il disguido che è stato registrato potrebbe essere dovuto ad almeno due ordini di cause.

In primo luogo i malfunzionamenti potrebbero essere il frutto di problemi tecnici derivanti dall’adeguamento del nuovo sito Inps. L’Istituto infatti ha operato a inizio aprile il passaggio ad una nuova piattaforma online; di conseguenza potrebbero verificarsi sul breve periodo delle disfunzioni nei servizi telematici.

In secondo luogo un’ulteriore causa potrebbe essere imputabile al mancato invio di una circolare da parte dell’Istituto di previdenza. Se infatti la legge di conversione 19/2017 ha confermato in data 27 febbraio la proroga per il dis-coll 2017, il prolungamento della scadenza non è ancora stata oggetto di alcuna comunicazione ufficiale da parte dell’Inps.

Detto altrimenti la proroga è legge a tutti gli effetti eppure potrebbe essere probabile che l’Inps non abbia ancora provveduto a dare atto operativamente alla norma del Parlamento.

Va ricordato infatti che il 10 febbraio l’Inps aveva puntualizzato con un comunicato stampa che l’indennità di disoccupazione per collaboratori non sarebbe stata erogata per eventi successivi al 1° gennaio 2017 in mancanza di relativa previsione normativa; la quale però, nel mentre, è arrivata.